Intervista esclusiva a Layla Zoe, straordinaria blues singer canadese molto conosciuta anche in Europa

0
430
Layla Zoe (foto di Anna Smakman)

VARESE, 9 marzo 2021-di GIANNI BERALDO

Dopo anni di gavetta, diversi dischi alle spalle e migliaia di chilometri macinati on the road calcando palchi di tutto il mondo (particolarmente conosciuta anche in Europa dove ha vinto pure un contest finlandese (!) nel 2006 ma soprattutto aggiudicandosi nel 2016 The European Blues Award come migliore cantante), la blues woman canadese LAYLA ZOE con il recente album ”Nowhere left to go” ha raggiunto probabilmente il punto piú alto della sua carriera. Almeno fino a questo momento.

L’artista nativa di Victoria ma trasferitasi fin da subito a Vancouver, nell’accogliente e musicalmente frizzante cittá costiera della British Columbia, ha raffinato la sua tecnica vocale frequentando una scuola di musica all’etá di 15 anni appassionandosi subito alla musica blues grazie all’ascolto della nutrita discografia del padre dal quale ha ereditato pure la capacitá di suonare l’armonica.

Un personaggio decisamente anticonvenzionale Layla Zoe, dotata di una voce pazzesca che molti hanno paragonato a Janis Joplin (anche lei!) ma che in realtá ha un timbro decisamente originale, espressivo, che ben si adatta a qualsiasi genere: dal jazz al blues al rock ma pure al pop e folk come sperimentato nel precedente lavoro discografico del 2018 intitolato Gemini.

”Nowere left to go”, come i precedenti due album (il giá menzionato Gemini del 2018 e ”Retrospective tour” del 2019) ‘é stato autoprodotto grazie al crowfunding giusto per non conformarsi alle regole, spesso ferree, delle etichette discografiche.

Un lavoro discografico composto da dieci tracce (testi scritti in collaborazione con la bravissima chitarrista texana Jackie Venson) e che vede la partecipazione di altri ottimi musicisti.

Un album davvero riuscito, dove tra ballatone di stampo soul, errebí e puntate nei sempreverdi terreni rockettari non ci si annoia sicuramente in attesa di rivederla on stage anche in Italia. Come dice la stessa Layla in questa intervista nella quale ci ha raccontato con la sua notoria verveironica e simpatia, come é nato questo nuovo lavoro e molto altro.

Layla hai appena pubblicato il tuo nuovo album in piena pandemia per covid 19: una situazione che in qualche modo influenzato la scrittura dei testi e musica oppure no?

Il nuovo album “Nowhere left to go” non è stato ispirato dall’attuale situazione globale.

L’unica canzone che potrebbe corrispondere a questo criterio è “Pray” perché parla di lavorare insieme per creare un mondo migliore.

A questo proposito hai scritto anche Lies, una denuncia su crimini sessuali…

In effetti la canzone “Lies” parla dell’ abuso e traffico di bambini da parte di predatori d’élite, qualcosa della quale dovremmo essere tutti molto preoccupati.

Tornando a parlare di Covid 19 e dell’impossibilità di organizzare concerti. Sei un’artista che fa molti concerti con live set molto belli ed energici: quanto ti manca il palco e il rapporto con il pubblico?

È stato straziante vedere il mondo della musica distrutto a così tanti livelli dall’attuale “situazione” globale, ma noi artisti siamo così abituati ad adattarci alle circostanze difficili, settore in cui ho visto molti artisti adattarsi rapidamente alle “nuove” norme e regolamenti. È davvero stimolante vedere quanto i musicisti stiano lavorando per cercare di raggiungere i loro fan con nuova musica e nuovi modi per esibirsi tramite concerti in streaming. Certo, il palco mia manca forse più di quanto posso esprimere a parole, ma so che quando sarà il momento ci sarò e saró prontissima E i miei fan sono stati fantastici e mi hanno aiutato moltissimo in questo momento difficile grazie al crowfunding.

Il crowfunding é stata una scelta obbligata causa attuale periodo?

Ho lavorato con etichette discografiche per anni e sono davvero grato sia a “Cable Car Records” che a “Ruf Records” per tutto quello che hanno fatto per me, così come per quanto ho imparato dalle mie esperienze con loro. Ma al momento in cui ho realizzato l’album Gemini avevo bisogno di essere indipendente in modo da poter dare al progetto il tempo e amore di cui aveva bisogno. Non sarebbe stato possibile se fossi rimasta con la Ruf Records. Ecco perché ho deciso di adottare il crowdfunding per gli ultimi tre album. Sarei felice di lavorare con un’altra etichetta se le circostanze lo permetteranno, ora sono felice di lavorare in modo indipendente utilizzando tutti gli strumenti che ho ho imparato a conoscere durante tutta la mia carriera.

Parliamo di Nowhere left to go: un lavoro molto bello in cui praticamente esplori generi musicali diversi spesso riconducibili al tuo soul soul, blues e folk come in parte già fatto in passato, soprattutto nel precedente album “Gemini”. In “Nowhere left to go”, invece, hai raggiunto alti livelli di maturità vocale aiutato dal musical scelte adatte a te. Sicuramente il migliore che hai prodotto finora.

Nell’album “Gemini” ho coperto molti generi e stili diversi con la mia voce. Generi e stili che ho voluto separare in due album, uno con il titolo “Fragility” e uno con il titolo “Courage” per identificare l’album rock e gli stili di album più morbidi. Per il “Nowhere left to go ”album ho mescolato entrambi i sentimenti in un disco. L’album era complicato da realizzare con tutti i co-autori che vivono in varie parti del mondo e dovevano registrare bisogno di registrare le loro parti da casa causa lockdown.. Ma abbiamo lavorato tutti sodo e l’album ha superato le mie aspettative: sono molto grato a tutti coloro che hanno messo il loro tempo e la loro creatività in questo progetto.

Album remixato presso Access All Area Studios Bremen (in Germania) da Nils Volcker: perché questo scelta?

Ho lavorato insieme a Nils all’album live “Retrospective Tour 2019” ed è stato facile e divertente lavorare con lui e siamo andati molto d’accordo. Quindi volevo vedere come sarebbe stato lavorare con lui nell’album in studio. Mi sono sentita molta rilassata durante il processo di missaggio dell’album, Nils ha potuto registrare la mia voce nel suo studio di Brema perché fortunatamente il lockdown in Germania durante i mesi estivi era finito, quindo ho potuto quando registrare le mie parti.

Sei canadese ma con l’Europa hai sempre avuto un feeling speciale dall’inizio del la tua carriera. D’altra parte, il pubblico europeo ha sempre apprezzato la tua musica e la tua concerti molto.

Mi esibisco in Europa dal 2009 ma ho anche vinto un concorso per cantanti blues in Finlandia nel 2007, quindi l’Europa è stata una parte importante della mia carriera per molti anni. Dopo aver inciso album con Henrik Frieschlader e aver fatto parte della sua etichetta discografica tedesca “Cable Car Records” per diversi anni, ho deciso di trasferirmi in Germania in modo da poter perseguire il mio carriera europea a tempo pieno. È stato difficile lasciare i miei amici e la mia famiglia in Canada, ma era una scelta importante utile per fare conoscere a più persone la mia musica in Europa. Sapevo che se avessi fatto la mossa giusta sarebbe stato più facile per me suonare in molti altri paesi. Suono ancora in Canada almeno una volta all’anno, se posso, ma il mio tour principale è consistito principalmente in paesi europei.

Torniamo a parlare di Nowhere left to go composto da 10 canzoni tutte molto belle, molte parlano di storie di vita, amori e sentimenti più in generale. Come nel primo pezzo “… Pray” una bellissima canzone (scritta insieme al chitarrista Jackie Venson) tra gospel e soul dove Bob Fridzema al piano e l’organo fa un ottimo lavoro. Poi la tua voce così graffiante e morbida allo stesso tempo: fantastica!

Nowhere left to go consiste in dieci canzoni scritte con sette co-autori: Alastair Greene, Suzie Vinnick, Dimitri LeBel, Brandi Disterheft, Guy Smeets, Bob Fridzema e Jackie Venson. Tutti questi artisti hanno suonato anche sulle canzoni che avevano scritto con me. Ho scritto tutti i testi per questo album e i co-autori hanno scritto la musica. La sezione ritmica é composta da Gregor Sonnenberg basso e Dirk Sengotta alla batteria. Tutti i musicisti che hanno suonato nell’album sono persone con le quali avevo lavorato o incontrato in passato, quindi volevo scrivere insieme a loro quindi e sono stata fortunata che abbiano accettato. Tutti erano anche entusiasti di far parte di questo progetto con me.

La canzone che da il titolo all’album Nowherel left to go (brano dal ritmo coinvolgente dall’inizio con un bell’assolo di chitarra di Venson) parli di fuga e di incendi in Australia: argomento ben evidenziato dal video promozionale

La title track “Nowhere left to go” è stata scritta insieme a Jackie Venson. Sentendo la musica ho capito subito che volevo scrivere testi sugli incendi in Australia. La canzone e nuovi video musicali sono dedicati a coloro che sono stati colpiti e sopravvissuti agli incendi. È stato facile e divertente lavorare con lei ci siamo conosciuti in Romania a un festival anni fa e mi piaciuto molto il suo stile chitarristico.

Tra le mie canzoni preferite c’è la meravigliosa ballata soul ”Sometime we fight”

E’ stata scritta insieme a Bob Fridzema (King King, Sari Schorr, Joanne Shaw Taylor), con cui è stato un vero piacere lavorare, e adoro entrambe le canzoni scritte con lui. Bob è un vero professionista e ha così tanto talento. Sono davvero contento il lavoro che ha fatto su questo album e su entrambe le canzoni “Susan” e “A volte litighiamo” che noi hanno scritto insieme, hanno ricevuto recensioni meravigliose da ascoltatori, media e DJ radiofonici.

Oltre a blues, soul ed errebí nelle tue corde artistiche hai sempre avuto anche musica rock come nel brano “Don’t wanna help anyone” dove sembri arrabbiata con il mondo.

Mi è piaciuto molto lavorare con Alastair Greene per il brano Don’t wanna help anyone. Alstair é un chitarrista noto che ha lavorato con molte grandi band nel corso degli anni. Vive in negli Stati Uniti ma ci siamo conosciuti anni fa a un festival in Svizzera. La canzone che abbiamo scritto è di qualcuno che conosco nel mondo della musica che aiuta chiunque ma si aspetta e pretende da altri. Abbiamo avuto problemi a trovare il mix perfetto su questa canzone alla fine del p ma alla fine, dopo molto lavoro in studio, abbiamo finalmente dato alla canzone l’atmosfera rockblues che volevamo.

Un altro pezzo importante e radiofonico è “This love will last” song di soul e rhytmandblues che rimanda a Janis Joplin, da sempreuna delle tue artiste preferite.

E’ stato scritto con uno dei miei vecchi chitarristi di Montreal, Dimitri LeBel. Ora è uno strumentista poliedrico noto per la sua professionalità nella scena musicale del Quebec. La canzone è scritta per il mio cane Leo.

Mi piacerebbe scoprire chi è Susan, canzone toccante che racconta di una donna che deve aver sofferto molto. Infatti, Sono rimasto colpito dalle parole del testo che dicono … ma hai tanta paura di soffrire la fame, così lo farai chiudi la porta sussurrando a tutti del suicidio …

“Susan” riguarda la parte di tutti noi, a cui a volte manca l’autostima di cui abbiamo bisogno per vivere la nostra vita nel migliore dei modi. Questa falsa autostima di cui alcuni artisti hanno bisogno per salire sul palco è una grande bugia e fa parte del mondo della musica.

L’album si chiude con la meravigliosa “Dear Mom”, in questo caso ti sembra di liberarti di qualcosa che hai dentro e che hai sempre voluto dire: è così?

Volevo scrivere una canzone per mia madre che vive in Canada, quindi ho deciso di scrivere Dear Mom come fosse come una lettera per lei, dicendo cose che non ho la possibilità di dirle, dato che non vado pesso in Canada. Lei ha apprezzato molto questa dedica. Dopo averla ascoltata molti fan mi hanno contattato raccontando le loro storie e delle affinitá che avevano con le parole di questa canzone a causa del loro rapporto con le loro madri. Sono molto soddisfatta del risultato finale della del lavoro che ho fatto insieme alla alla cantautrice canadese Suzie Vinnick.

Hai iniziato a cantare molto presto influenzata dalla musica blues e jazz che ascoltava tuo padre:chi sono i tuoi artisti di riferimento sia del passato che attualmente?

Ho ancora gli stessi artisti nella mia lista di influenze, come avevo nella mia giovinezza, ossia Robert Johnson, Billie Holiday, Muddy Waters, Howlin ‘ Wolf, Janis Joplin, Frank Zappa, Neil Young, Bob Dylan, Tom Waits, Joni Mitchell, Peter Green, Roy Buchanan, da tutti loro ho appreso qualcosa.

Dato che suoni spesso in Europa, appena  possibile vorremmo vederti in concerto in Italia, magari con una data a Varese.

Mi sono esibita in Italia alcune volte: adoro la gente, il paesaggio e il cibo. Ho anche trascorso alcune vacanze a Terracina: uno dei miei ricordi piú belli dell’Italia. Spero di poter tornare presto un giorno!

Layla ha voluto concludere l’intervista salutando i nostri lettori con questo simpatico audio che riportiamo 

direttore@varese7press.it

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui