Varese, imbratta i sedili di un bus: ragazzo chiamato a pulire i mezzi come azione educativa

0
462
L'autobus "ripulito dopo l'atto vandalico

VARESE, 18 marzo 2021-Se è vero che “chi rompe paga”, è altrettanto vero che “chi sporca pulisce”. O almeno questa è la logica che Autolinee Varesine ha voluto applicare nei confronti di un ragazzo, sorpreso poche settimane fa ad imbrattare i sedili di un pullman extraurbano.

Colto in flagrante da un verificatore dell’azienda mentre era intento a siglare scritte e disegni di dubbio gusto, nei suoi confronti si è deciso di intraprendere un’azione educativa anziché puramente sanzionatoria: fondamentale, in tal senso, la grande collaborazione offerta immediatamente dalla scuola superiore cittadina frequentata dallo studente, nonché dalla famiglia.

Così, presi gli accordi del caso, giovedì mattina il ragazzo si è presentato presso il deposito extraurbano di Varese, dove per diverse ore ha dovuto togliere scritte dai sedili, lavare i pavimenti, lucidare i vetri e partecipare a tutte le complete operazioni di pulizia degli autobus, sotto l’attenta supervisione di una docente della scuola nonché del personale di Autolinee Varesine.

Nel recente passato, altri “vandali” di ogni età sono stati identificati anche tramite i sistemi di videosorveglianza interna – ormai presenti su un gran numero di mezzi – e nei loro confronti sono state intraprese le opportune azioni giudiziarie: stavolta, di comune accordo con la scuola e la famiglia, si è scelto però un percorso diverso.

Nei prossimi giorni, il giovane dedicherà almeno un’altra mattinata a questa “opera di espiazione”: forse, attraverso questa strada originale e faticosa, gli passerà definitivamente la voglia di imbrattare gli autobus adibiti al servizio pubblico di linea.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui