A Varese nasce il Polo delle Libertà, nuovo gruppo politico in Consiglio comunale

0
460

VARESE, 30 ottobre 2021-di GIANNI BERALDO-

La massima espressione del centrodestra in Consiglio comunale da oggi si chiamerà Polo della Libertà (espressione partitica già presente nell’amministrazione provinciale come Polo Civico delle Libertà) , un raggruppamento di forze e dei suoi rapprentanti neo eletti in Consiglio che diverrà una forza importante, aggregazione politica della quale bisognerà tenerne conto considerato che riflette una buona fetta di elettorato del centro moderato.

Capogruppo di questo neonato movimento o partito sarà Luca Boldetti, civico ed ex consigliere della lista Orrigoni. E questa la prima novità.

Una scelta fortemente voluta dagli stessi storici rappresentanti cittadini di Forza Italia che hanno puntato su Boldetti (con Simone Longhini vice).

Luca Boldetti

Questo nonostante il recente esito delle urne abbia premiato espresso 3 consiglieri di FI quindi numero maggiore rispetto ad altri partiti che si sono aggregati al Polo della Libertà (che richiama l’omonimo soggetto politico di centrodestra nato nel 1994).

«Ringrazio per la fiducia accordata nonostante non sia di FI, fiducia che cercherò di ripagare lavorando al meglio con una opposizione costruttiva», dichiara Boldetti.

Presentato questa mattina al Caffé Socrate di Varese,  il nuovo Polo della Libertà contempla anime politiche diverse ma ovviamente ideologicamente  molto vicine. Un gruppo nuovo che oltre a Boldetti vede una rappresentanza consiliare formata tra gli altri da Piero Galparoli che sottolinea «Abbiamo deciso di cambiare nome ma non simbolo perché dopo l’esito delle elezioni on aveva più senso rimanere cosi. In questo modo cercheremo di coinvolgere gli indipendenti, i civici così come tutti i non eletti che in questo modo verranno coinvolti per un progetto che guardi al futuro».

Interessante pure il coinvolgimento di Enrico Angelini (già ex assessore nelle giunte targate Attilio Fontana), Gabriella D’Amato, Giovanni Chiodi e Rosa Tagliani che saranno sicuramente tra i protagonisti di questa nuova stagione politica, a partire dal primo Consiglio comunale programmato per sabato 13 novembre.

Tra i fautori di questo cambiamento troviamo lo stakanovista Mimmo Esposito (FI), convinto che il Polo della Libertà potrebbe divenire un interessante cantiere utile per il futuro «Faremo un’opposizione sicuramente costruttiva e non urlata monitorando il lavoro della Giunta ma sempre in ottica positiva ma soprattutto utile per il bene della città», dice uno dei principali esponenti di FI vares

Nel Polo della Libertà varesino trovano spazio temi legati alla Famiglia mai così

Gabriella D’Amato

discussi come in questo periodo” Ho trovato grande sintonia su temi comuni e fondanti per quanto attiene la famiglia e altri valori della società civile che non devono essere dimenticati, sostiene entusiasticamente Gabriella D’Amato militante del Popolo della Famiglia

Insomma a Varese il Polo della Libertà potrebbe poi puntare in alto, un laboratorio politico non solo pensando alle prossime elezioni amministrative ma guardando cosa potrebbe accadere anche a livello regionale.

Nel frattempo segnaliamo tutti i Capigruppo per il Centrodestra in Consiglio comunale:

Barbara Bison per la Lega, Luca Boldetti per il Popolo delle Libertà (Forza Italia, Noi con l’Italia, Popolo della Famiglia), Luigi Zocchi per Fratelli d’Italia, Roberto Puricelli per Una Grande Varese, Stefano Clerici per Varese Ideale.

I nomi indicati per la Presidenza del Consiglio: Simone Longhini, Stefano Angei e Salvatore Giordano.

direttore@varese7press.it

 

 

 

 

 

 

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui