Varese cittá con molte vie buie e insicure per chi cammina sui marciapedi: cresce la paura da parte delle donne

0
278
Via XXV Aprile di sera e notte diventa un incubo per molti pedoni

VARESE, 21 novembre 2021-Negozi scassinati in pieno centro, palazzine disabitate  occupate abusivamente da senzatetto in diversi edifici della cittá, risse sempre piú frequenti in zona stazioni. Insomma la sicurezza a Varese inizia divenire un problema importante e forse mai trattato a dovere dall’amministrazione comunale che pare non trovare soluzioni idonee nemmeno nel lungo periodo.

Se poi aggiungiamo la scarsa o nulla illuminazione di molte vie centrali (per non parlare di quelle periferiche) che giá dal tardo pomeriggio dei mesi autunnali e invernali diventano buie e pericolose, si capisce che il problema diventa ancora piú sentito dai cittadini che non si sento tutelati e sicuri.

Molte le vie buie o male illuminate di Varese, che potrebbero diventare scenario ideale per aggressioni o scippi nei confronti soprattutto di donne e ragazze da parte di malintenzionati, come in affetti accaduto anche nelle scorse settimane.

Facedo un giro in alcune vie ‘a rischio’ della cittá, in effetti abbiamo constatato quali insidiose trappole possano essere, mettendo a rischio i passanti.

Come in via XXV Aprile ad esempio. Qui abbiamo notato, verso le 18.30, delle ragazze che affrontavano quel tratto di strada provenendo da via Sanvito Silvestro, con il marciapiede completamente al buio.

L’unica luce era quella dello schermo dei loro cellulari accesi e con i quali confabulavano animatamente forse anche per tenere in vita una conversazine utile a livello di sicurezza in caso di necessitá.

Ragazze e donne che cercavano di camminare in gruppetti anche se non si conoscevano, giusto per affrontare in compagnia quel lungo tratto al buio.

Immaginiamo lo stato di angoscia. E questo in una delle vie piú trafficate della cittá.

Atteggiamento di auotodifesa (e paura) assunto pure da alcune ragazze in altre vie cittadine come in va Carantani dove l’illuminazione esiste ma ancora con il vecchio sistema e non a led, quindi luce flebile e non adatta allo scopo.

Stessa cosa per la rampa di via Oriani o incrocio di viale Aguggiari, dove l’illuminazione non risulta funzionante con tutta la pericolositá che questa situazione comporta.

Sicurezza che non riguarda solo l’illuminazione ma pure la viabilitá di alcune strade. In via Truno a Casbeno ad esempio non é raro vedere gente in auto che l’affronta in contromano in direzione via Ciro Menotti.

Aldilá dell’incoscienza di alcuni automobilisti, in quest’ultimo caso bisognerebbe forse rivedere qualcosa a livello viabilistico evitando in tal modo certe deleterie azioni che potrebbero causare incidenti.

A che serve rinnovare l’intera illuminazione della cittá dotandola di un sistema innovativo e dal ridotto impatto ambientale (tutto questo a fronte di costi esorbitanti), se poi si trascurano importanti vie ancora completamente al buio, dando un senso (ma non solo) di paura e insicurezza a chi deve percorrerle a piedi?

direttore@varese7press.it

 

 

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui