Cortisonici 2022: sono 25 i cortometraggi in concorso provenienti da tutto il mondo

0
1045

VARESE, 4 febbraio 2022-Sono stati selezionati i 25 cortometraggi in concorso a Cortisonici 2022, che per la diciannovesima edizione torna nella sua tradizionale collocazione primaverile: il festival sarà infatti dal 19 al 23 aprile e riunirà in un unico evento le quattro storiche sezioni: il Concorso Internazionale; il Focus, che quest’anno tornerà a guardare all’Estremo oriente; Cortisonici Ragazzi con le opere realizzate dagli under 18; infine la notturna sezione Inferno.

Grande impegno per il gruppo selezionatore coordinato da Marta Uslenghi che quest’anno ha scelto i film in concorso tra un numero record di 3.812 cortometraggi, arrivati da 104 diverse nazioni: segnale dell’attenzione che il festival si è ritagliato tra i registi emergenti e le piccole e medie case di produzione di tutto il mondo.

Il lungo lavoro di selezione si è concluso con la scelta di 25 lavori provenienti da 18 diversi paesi con delle gustose new entry: per la prima volta in concorso opere da Libano, Singapore e Finlandia. A completare il giro del mondo “cortisonico” Argentina, Canada, Cina, Danimarca, Francia, Germania, Italia, Olanda, Regno Unito, Russia, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Taiwan e Ucraina.

 Come da tradizione il concorso presenterà ai suoi spettatori film già selezionati dai più importanti festival internazionali o opere decisamente più sperimentali e underground.

A Cortisonici 2022 ci sarà il francese The Right Words di Adrian Moyse Dullin in concorso all’ultima edizione del Festival di Cannes e il cinese Hair Tie, Egg, Homework Books di Runxiao Luo, presentato alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia la scorsa estate: protagonisti di entrambe le opere studenti alle prese con profonde difficoltà dentro e fuori le mura scolastiche. Sempre protagonista la scuola nel cortometraggio canadese Donc, Socrate est mortel di Alexandre Isabelle con la brillante insegnante di filosofia Louise di fronte a un dilemma: continuare a insegnare accettando le regole imposte dal sistema oppure restare coerente con i propri valori.

Le geografie del festival quest’anno si spostano prepotentemente verso nord consegnandoci visioni anomale e destabilizzanti: è il caso dei due film scandinavi Mushrooms for the Soul del regista finlandese Jimi Rosling e di Offshore diretto da Lorenzo Follari, regista italiano emigrato in Svezia. Due film diversi ma che con sfrontatezza toccano temi importanti quali l’elaborazione del lutto e la profonda solitudine dell’uomo contemporaneo.

Per tornare a latitudini più prossime saranno due i film italiani in concorso, Big di Daniele Pini e Chiusi alla Luce di Nicola Piovesan, più volte in concorso al nostro festival e autore in passato di un sanguinolento trailer. Due invece i film provenienti dalla vicina Svizzera: Fish Fingers di Lars Mulle e Abhauen di Kim Culetto. Per concludere questo caleidoscopico giro del mondo non rimane che attendere le serate del concorso che si terranno come da tradizione presso il Cinema Nuovo di Varese giovedì 21, venerdì 22 e sabato 23 aprile.

 Di seguito l’elenco completo dei cortometraggi selezionati, in attesa di scoprire gli altri contenuti che comporranno l’edizione n° 19 di Cortisonici.

 Concorso internazionale Cortisonici 2022

 Abhauen di Kim Culetto e Ilja Baumeier, SVIZZERA, 9’

Baby dolphins di Kevin Delobelle, FRANCIA, 4’

Big di Daniele Pini, ITALIA, 14’

Chiusi alla luce di Nicola Piovesan, ITALIA, 10’

Crush on di Chu Shu-Yu-, TAIWAN, 5’

Fish fingers di Lars Mulle, SVIZZERA, 9’

Hair tie, egg, homework books di Runxiao Luo, CINA, 15’

Haut les coeurs di Adrian Moyse Dullin, FRANCIA, 15’

Henchmen di Alistair Quak, SINGAPORE, 6’

Inheritance di Annalise Lockhart, STATI UNITI, 14’

In the soil di Casper Rudolf Emil Kjeldsen, DANIMARCA, 14’

It’s cold di Danil Ivanov, RUSSIA, 9’

Mi primer 15 di Federico Hartenstein, ARGENTINA, 13’

Moon tides di Assil Khalife, LIBANO, 15’

Mushrooms for the soul di Jimi Rosling, FINLANDIA, 9’

Offshore di Lorenzo Follari, SVEZIA, 9’

On different sides di Darya Alekseevna Lebedeva, RUSSIA, 9’

Quand vient la haine di Paul Bouisset, FRANCIA, 12’

Reality di Darya Shcherbakova, RUSSIA, 4’

Remue-Ménage di Lucien Hebrant, FRANCIA, 14’

The pitch di Eno Freedman Brodmann- STATI UNITI, 8’

Therefore, Socrates is mortal di Alexandre Isabelle, CANADA, 13’

The sweet hassle of a first time di Eva Zanen, OLANDA, 14’

You are here di William McConnell, REGNO UNITO, 14’

Youth di Ignas Jonynas, UCRAINA, 7’

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui