Nati sotto Putin, morti sotto Putin: i giovani soldati russi che muoiono in Ucraina

0
321
Igor Ivkin, 19 anni, è stato ucciso in pesanti combattimenti fuori Kharkiv

MOSCA, 9 aprile 2022-Yulia Ivkina avrebbe preferito che suo marito diventasse un falegname, non un soldato.

Ma poiché la pandemia di coronavirus ha intaccato il mercato del lavoro russo e gli sposi della città occidentale di Pskov hanno cercato di avere un bambino, il diciottenne Igor Ivkin ha ritenuto che un contratto a breve termine nell’esercito fosse l’opzione migliore per salvaguardare il futuro della sua famiglia.

Igor si è arruolato nel febbraio 2021, poco prima che Yulia si rendesse conto di essere incinta. Poco più di un anno dopo, fu ucciso in pesanti combattimenti fuori Kharkiv durante l’invasione russa dell’Ucraina. Mancavano sette mesi al suo 20esimo compleanno.

«Le persone del consiglio di leva mi hanno parlato della sua morte, sono venute da me con un avviso di morte il 25 marzo. È stato sepolto il 30 marzo nel villaggio di Vorontsovo dove è nato» ha detto Ivkina, 24 anni, al Moscow Times.

Igor Ivkin è uno degli almeno 25 giovanissimi soldati russi morti combattendo in Ucraina, secondo dichiarazioni ufficiali e dei post sui social media del Moscow Times.

La Russia ammette di aver perso 1.351 militari dall’inizio dell’invasione, ma prove indipendenti suggeriscono che la cifra reale – così come il numero di giovani che sono stati uccisi – è molto più alta.

I giovanissimi russi uccisi in Ucraina appartengono alla cosiddetta “generazione Putin” di coloro che sono nati sotto i 22 anni di governo del presidente Vladimir Putin.

Secondo l’esperto militare russo Pavel Luzhin, molti di questi giovani soldati non hanno esperienza militare e sono più vulnerabili in prima linea.

«Quando hai 18 o 19 anni non hai tanta paura della morte come quando ne hai 25, e con molto testosterone nel sangue, fai cose stupide», ha detto Luzhin.

Il numero esatto di giovanisssimi nell’esercito russo è noto solo da cifre ufficiali, ma è probabile che ce ne siano migliaia che attualmente combattono in Ucraina.

«Bambini! Siamo bambini. Ci hanno portato a 18 anni!», un gruppo di soldati furiosi che apparentemente prestava servizio nell’esercito russo in un attacco alla città ucraina di Sumy ha gridato in una videocamera il mese scorso. «Il ministero della Difesa russo non ha idea di noi, o di cosa stiamo facendo qui, ci stanno gettando direttamente in questa merda».

Molte di queste reclute sono entrate nell’esercito per la prima volta grazie alla leva militare, che richiede a tutti gli uomini di età compresa tra i 18 ei 27 anni di prestare servizio per un anno nelle forze armate.

Il più delle volte, coloro che provengono dalle grandi città o da ambienti più borghesi sono in grado di evitare la leva iscrivendosi alle università, sfruttando scappatoie o pagando tangenti. Ciò significa che la maggior parte delle reclute più giovani sono ragazzi uomini provenienti da piccole città e villaggi di tutta la Russia.

«Direbbe che… evitare l’esercito non era un’opzione» ha detto Ivkina di suo marito.

I più giovani soldati russi morti in Ucraina avevano 18 anni. Includono Ilya Kubik, morto diverse settimane prima del suo diciannovesimo compleanno a oltre 3.000 miglia dalla sua città natale siberiana di Bratsk; e David Arutunyan, anche lui 18enne, della repubblica russa della Buriazia al confine con la Mongolia, che è stato ucciso dal fuoco dell’artiglieria ucraina.

Le motivazioni di questi giovani variano: dalla necessità economica al patriottismo.

Ivkina ha detto che suo marito era spinto dal senso del dovere.

Alcuni adolescenti hanno persino ricevuto medaglie. Il diciottenne Arutyunyan ha ricevuto un ordine postumo del coraggio per aver portato in salvo un commilitone pochi istanti prima che fosse ucciso.

Ma i dettagli della morte di un soldato sono molto difficili da verificare.[I caduti in guerra della Russia saranno sempre inquadrati come tragici ma eroici. A molte persone non piace pensare che il proprio figlio sia morto invano”, ha affermato Allyson Edwards, un accademico britannico specializzato in militarismo russo e educazione patriottica.

E ci sono anche prove che i coscritti subiscono pressioni affinché firmino contratti, il che rende più facile per le autorità militari schierarli in una zona di guerra.

»Se sei un soldato arruolato nelle forze armate, presti tre mesi di servizio e gli ufficiali vengono da te e ti propongono di firmare un contratto. Se dici di no, vengono di nuovo dopo sei mesi, dopo nove mesi e diversi giorni prima della tua smobilitazione», ha detto Luzhin.

«Cercheranno di farti il ​​lavaggio del cervello che… le forze armate hanno bisogno di te. Cosa farai nel tuo villaggio? Cosa farai nella tua vita? Diranno. E le persone firmano il contratto».

Molti genitori di soldati affermano che, prima dell’attacco russo all’Ucraina alcune giovani reclute furono costrette a firmare contratti.

«Ai genitori è stato detto che i loro figli sono stati semplicemente portati via da ufficiali militari, i loro documenti sono stati timbrati e basta: ora sono soldati a contratto», ha detto Olga Larkina, direttrice del Comitato delle madri dei soldati, al sito web di notizie indipendente Meduza a febbraio.

I coscritti sono stati ripetutamente schierati all’estero nella storia recente della Russia, secondo Luzhin, anche in Cecenia negli anni ’90 e in Georgia nel 2008.

Funzionari russi hanno ammesso il mese scorso che alcuni coscritti erano presenti in Ucraina dopo l’invasione, ma hanno affermato che si trattava di un errore e che i responsabili sarebbero stati puniti.

In alcuni casi, i coscritti potrebbero essere stati lanciati in combattimento a causa del cambiamento dei piani di battaglia a seguito dell’intensa resistenza ucraina, che ha fatto fallire i piani della Russia per un’operazione fulminea. Ci sono state segnalazioni di scarso morale e riluttanza a combattere tra le truppe russe oltre a gravi difficoltà logistiche.

Yulia Ivkina ha detto che suo marito non aveva cibo a sufficienza e ha assistito all’incompetenza militare prima di morire.

«Era frustrato dal caos nell’esercito, dalla totale mancanza di disciplina, dal fatto che scherzavano tutto il tempo», ha detto.

Poche settimane prima dell’inizio dell’invasione alla fine di febbraio, Ivkin è potuto tornare a casa da dove era di stanza a Kursk, vicino al confine ucraino, per vedere la figlia appena nata.

Ma quattro giorni dopo quello che doveva essere un periodo di congedo di 10 giorni, ha ricevuto una chiamata dal suo ufficiale in comando che gli ha detto di tornare immediatamente alla sua unità.

«La nostra bambina aveva solo due settimane», ha detto Yulia Ivkina dell’ultima visita di suo marito. «Ha avuto il tempo di vederla, di tenerla tra le braccia. Sono molto felice che l’abbia fatto».

Fonte www.themoscowtimes.com

By  and 

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui