Inaugurate le Case di Comunità a Tradate e Lonate Pozzolo: “Oggi si apre una nuova fase del sistema sanitario provinciale”

0
747

TRADATE, 26 aprile 2022-Inaugurata oggi dal presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, dalla vicepresidente e assessore al Welfare, Letizia Moratti e dall’assessore regionale all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo, la Casa di Comunità di Tradate. A seguire anche quella di Lonate Pozzolo, ma in questo caso dei rappresentanti istituzioinali della regione vie era solo la Moratti.

La struttura fa parte del primo pacchetto individuato da Regione Lombardia che comprende 218 Case di Comunità, 71 Ospedali di Comunità e 101 Centrali Operative Territoriali.

La Casa di Comunità di Tradate si distingue, in particolare, per l’attivazione del servizio dell’infermiere di famiglia e di comunità che fa già registrare un primo bilancio favorevole, a conferma della buona accoglienza da parte del territorio.
Inoltre, sempre a gestione infermieristica, sono già in funzione due ambulatori, uno per le lesioni difficili (wound care) e l’altro dedicato ai pazienti con stomia (ambulatorio stomacare).

VICEPRESIDENTE MORATTI: CASA DI COMUNITÀ CUORE DELL’ASSISTENZA – “Un esempio concreto di sanità di prossimità – ha detto la vicepresidente Letizia Moratti – a cui si aggiunge il servizio di assistenza domiciliare con la persona, e non la malattia, al centro del sistema sanitario. Sino al 2024 saranno 11, nell’area dell’Asst Valle Olona, le Case di Comunità aperte con 21 milioni di euro di investimenti e 2 gli Ospedali di Comunità, con altri 5 milioni e mezzo di risorse. I fondi del Pnrr ci consentiranno di acquistare nuovi e più moderni strumenti: in particolare apparecchiature di Radiologia, Chirurgia vascolare, Medicina nucleare e Ginecologia per un totale di 9 milioni. Grande attenzione anche sui territori dell’Asst 7 Laghi. Saranno 9 in tutto le Case di Comunità, con oltre 13 milioni investiti e 2 Ospedali di Comunità con oltre 6 milioni. Anche in questo caso utilizzeremo il Pnrr per nuove grandi apparecchiature, con 38 milioni stanziati.

Il presidente della Regione Attilio Fontana

CASA COMUNITÀ DI TRADATE – La Casa di Comunità eroga i seguenti servizi: Punto Unico di Accesso (Pua); assistenza domiciliare di livello base; specialistica ambulatoriale per le patologie a elevata prevalenza con ambulatori diabetologico, cardiologico, pneumologico, di cure palliative e terapia antalgica ed ecografia vascolare; infermieristici con ambulatori stomacare (pazienti portatori di stomia), lesioni difficili (wound care) e Infermiere di famiglia o comunità; Sistema integrato prenotazione collegato al Cup aziendale dell’Asst dei Sette Laghi; integrazione con i servizi sociali per la cronicità; presenza medica; presenza infermieristica; diagnostica finalizzata al monitoraggio della cronicità; continuità assistenziale; attività consultoriali con ginecologo, ostetrica di famiglia e comunità, assistente sociale e psicologa e infermiera e vaccinazioni.

I NUMERI – L’organico della Casa di Comunità di Tradate è, attualmente, composto da:
– 10 infermieri per assistenza domiciliare integrata, vaccinazioni (pediatriche e adulti), assistenza protesica, assistenza farmaceutica e fragilità;
– 1 coordinatore infermieristico;
– 12 infermieri di famiglia o comunità;
– 2 operatori sociosanitari (Oss);
– 2 ostetriche;
– 6 medici specialisti;
– 7 amministrativi;
– 2 psicologi;
– 2 assistenti sociali;
– 10 medici di continuità assistenziale.

A seguire la vicepresidente Moratti ha inaugurato la Casa di Comunità di Lonate Pozzolo.

SCHEDA CASA COMUNITÀ LONATE POZZOLO – I servizi attualmente attivi sono il Punto unico di accesso, il servizio di assistenza domiciliare di livello base, il servizio infermieristico e l’ambulatorio dell’infermiere di famiglia e comunità. Presente anche il sistema integrato di prenotazione collegato al Cup (Centro unico di prenotazione) aziendale, servizi diagnostici finalizzati al monitoraggio della cronicità. È infatti attivo un ambulatorio della cronicità e telemedicina gestito dal clinical manager dell’ASST Valle Olona e collegato ai progetti di telemedicina.
Presente anche il Punto prelievi. La Casa è integrata con i servizi sociali per la cronicità. Si struttura sulla discussione dei casi con i servizi sociali del Comune e i servizi sociali del nucleo dimissioni protette dell’ASST Valle Olona.

In fase di attivazione sono i servizi di cure primarie erogati attraverso équipe multidisciplinari, attività consultoriali con la creazione di un ambulatorio materno infantile in collegamento e in raccordo funzionale con il Consultorio di Gallarate, servizi per la salute mentale, le dipendenze patologiche e la neuropsichiatria infantile e dell’adolescenza. È in corso la mappatura del terzo settore e delle associazioni di volontariato attive, per strutturare dei percorsi condivisi di integrazione e cooperazione.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui