Una pizza per l’Ucraina: successo per l’iniziativa benefica a Gavirate

0
218

GAVIRATE, 15 giugno 2022-Mentre in Ucraina siamo al 112° giorno di combattimenti di una guerra assurda come più volte ribadito da Papa Francesco, ieri sera centinaia di Gaviratesi e non solo hanno gridato il loro forte no alla guerra e chiesto, sulle note di “Stefania”, con forza di fermare questa invasione e di dare voce alla PACE.

Gavirate si e’ sempre contraddistinta per la sua capacità di solidarietà e di accoglienza, anche ieri sera non si è smentita.

Ogni giorno vediamo morti, donne e bambini che fuggono, uomini costretti a combattere per difendere la propria terra e la propria libertà.

Gavirate ha dimostrato un’altra volta che non intende assistere inerme a questa tragedia ma vuole rendersi utile e partecipe per aiutare vite umane, in particolare donne e bambini.

Ieri sera presso il Ristorante Pizzeria VECCHIO 800 un grande successo andato oltre alle più rosee aspettative.

Il team del pluricampione del Mondo LEO COPPOLA ha sfornato oltre 400 pizze.

Grazie ai Pizzaioli: Leo Coppola, Gaetano Pipitone, Angelo Cristiano, Raffaele Vitaliano, Massimo Canal, Ivan Assunto e le Marescialle ed alla generosità di La Menù agente di zona Vittorio Comini, SDM di Casorate Sempione, la DiBe di Gavirate è stato possibile raggiungere questo importante traguardo.

Abbiamo raccolto oltre 2600 euro che consegneremo alla Caritas di Gavirate per sostenere i profughi ospiti nel nostro territorio ed offerto la pizza e la coca cola ad oltre 70 profughi.

Un risultato importante.

Vedere la felicità dei bambini Ucraini che giocavano insieme ai nostri bambini ci ha aperto il cuore ed ha ripagato lo forzo e il lavoro svolto.

Solidarietà significa certamente offrire cibo, vestiti ed un tetto ai profughi ma anche momenti di svago, di spensieratezza e di condivisione.

Avventori contenti di aver contribuito per una giusta causa.

Abbiamo avuto anche un momento solenne: tutti in piedi per ascoltare con la mano sul cuore l’Inno Ucraino e l’Inno di Mameli.

Ha preso la parola il Coordinatore del Comitato promotore Gavirate per l’Ucraina, Gianni Lucchina, ha ringraziato tutti e, ancora una volta, ha ribadito con forza la necessità di fermare questa ingiusta ed incivile Invasione. All’alba del 2022 non è tollerabile che una Nazione si possa permettere di invadere una nazione sovrana.  Ancora Lucchina, Gavirate non si ferma e continuerà nella sua attività solidale, di accoglienza e di vicinanza al popolo Ucraino.

Per l’occasione erano presenti Padre Volodymyr MistermanCapellano della comunità cattolica dei fedeli Ucraini di rito Bizantino della zona di Varese e Meda, che con molta umiltà ha ringraziato tutti per il sostegno che ogni giorno il popolo Ucraino riceve dall’Italia.

Presente anche la Presidente dell’Associazione “Anna Sofia” di Varese HalynaBizhyk che in poche parole ha illustrato gli sforzi ed il lavoro che stanno facendo per raccogliere generi alimentari e vestiario da inviare in Ucraina e quanto forte sia la solidarietà degli Italiani.

Anche l’associazione Oltre Confine era presente con un nutrito numero di invitati sia Italiani che Ucraini. La Vice Presidente, Giovanna Natalello e la Presidente Laura Basili che ha illustrato le finalità della neonata Associazione e ringraziato tutti per l’ottima riuscita della serata.

Presente anche La Caritas di Gavirate, guidata da Valentina che ha coordinato l’ospitalità degli ospiti Ucraini e informato su come aiutare, ospitare ed insegnare.

Riprendendo la Parola il Coordinatore, Gianni Lucchina, ha invitato tutti ad alzarsi per ascoltare l’inno Europeo, l’inno che accumunerà l’Italia e l’Ucraina.

Il finale, grazie al lavoro volontario del Dj Silvio, sulle note sempre di Stefania, il brano che ha vinto l’Erovision e dell’Inno di Mameli lo spettacolo di pizza Acrobatica del team del pluricampione del mondo Leo Coppola.

Un sentito grazie ai volontari, a tutte le persone, associazioni, giornalisti che hanno contribuito al successo dell’evento benefico.

Gianni Lucchina per il Comitato Promotore Gavirate per l’Ucraina

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui