Impennata casi Covid-19, l’Europa ha deciso: “Necessaria la seconda dose booster a partire dai 60 anni”

0
367

VARESE, 11 luglio 2022-“Attualmente stiamo assistendo a una crescita dei casi di Covid-19 e una tendenza all’aumento dei ricoveri in ospedale e in terapia intensiva in diversi Paesi, principalmente a causa della variante BA 5 di Omicron”, ha affermato la direttrice del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC).

Le autorità sanitarie europee hanno quindi deciso di aggiornare le raccomandazioni per la dose di richiamo dei vaccini contro la malattia per le persone tra i 60 e i 79 anni e le persone vulnerabili di qualsiasi età in caso di recrudescenza delle infezioni.

“I vaccini contro il Covid-19 funzionano e offrono buoni livelli di protezione contro un decorso grave della malattia e le ospedalizzazioni. Con i casi e i ricoveri in aumento mentre entriamo nel periodo estivo, esorto tutti a vaccinarsi e a fare il booster il prima possibile”, ha affermato Stella Kyriakides, commissaria europeo per la Salute e la sicurezza alimentare citata in un comunicato diffuso lunedì.

Intanto, l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) sta lavorando per l’approvazione di vaccini adattati alle nuove varianti e sottovarianti a settembre.(fonte Rsi.ch)

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui