L’oro russo esportato in Cina a causa del divieto occidentale

0
810
L'oro prodotto in Russia prende la via della Cina (foto Tass)

MOSCA, 26 agosto 2022-La Russia ha aumentato in modo significativo le esportazioni di oro in Cina poiché i governi occidentali hanno chiuso i loro mercati al metallo prezioso durante la guerra in Ucraina, secondo quanto riportato dal mediatico RBC  venerdì citando i dati doganali cinesi.

La Cina ha importato oro russo per un valore di 108,8 milioni di dollari a luglio, con un aumento del 750% rispetto a giugno e del 4.800% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso.

Gli esperti di mercato intervistati da RBC hanno affermato di ritenere che la Russia, il secondo produttore mondiale di oro con oltre 300 tonnellate all’anno, stia attualmente vendendo il suo oro alla Cina con uno sconto fino al 30%.

Altri esperti hanno ipotizzato che la Cina, uno dei principali acquirenti di lingotti al mondo, potrebbe essere solo una delle numerose nuove importanti destinazioni per l’oro russo in Asia e Medio Oriente.

Gli Emirati Arabi Uniti, che non hanno rilasciato dati sulle importazioni di oro russe nel 2022, sono stati nominati dagli intervistati da RBC come un hub centrale per mascherare il paese di origine del metallo prezioso.

Gli Stati Uniti, il Regno Unito, il Canada e il Giappone hanno vietato le esportazioni di oro russo a giugno. L’Unione Europea e la Svizzera, un importante hub dell’oro con una posizione tradizionalmente neutrale, hanno seguito l’esempio il mese scorso.

RBC ha affermato che i dati doganali cinesi sono stati la prima serie di cifre a rivelare come le esportazioni di oro russe vengano dirottate verso est.

La Russia ha classificato i suoi dati doganali all’inizio di quest’anno dopo che le sanzioni occidentali per l’invasione dell’Ucraina hanno causato notevoli problemi economici.(fonte themoscowtimes.com)