Progetto di cineterapia: a Milano la prima italiana di “Il tempo dell’attesa” di Rolando Ravello

0
231
Il regista Rolando Ravello

MILANO, 30 novembre 2022- Il docu film ‘Il tempo dell’attesa’ di Rolando Ravello, progetto cinematografico sulla cineterapia, sarà proiettato il 5 dicembre a Milano al cinema The Space Odeon e contemporaneamente a Roma al cinema The Space Moderno. Il film racconta i risultati di un innovativo progetto di cineterapia, che ha coinvolto 34 donne pazienti in terapia oncologica presso l’UOC di Ginecologia oncologica della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, diretta dal professor Giovanni Scambia, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica “Cancers”.

‘Il tempo dell’attesa’ nasce dalla collaborazione tra la UOS di Psicologia Clinica diretta dalla dott.ssa Daniela Chieffo della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS e MediCinema Italia, l’organizzazione no-profit che utilizza il cinema come terapia in percorsi riabilitativi. Tra i promotori delle serate-evento Roche Italia, una delle più grandi aziende di biotecnologie al mondo che quest’anno taglia il traguardo dei 125 anni, e F.A.V.O. la Federazione italiana delle Associazioni Di Volontariato In Oncologia.  Per partecipare alla proiezione di Milano è necessaria una prenotazione con risposta di conferma inviando una mail entro e non oltre il 1 dicembre a: eventi@medicinema italia.org.

‘Il tempo dell’attesa’ ha coinvolto le pazienti in un percorso sperimentale di cineterapia a complemento delle cure oncologiche, nel film diretto con intelligenza e sensibilità da Rolando Ravello, che hanno raccontato in prima persona la loro esperienza, attraverso il linguaggio immediato della ‘GoPro’ (videocamera portatile) con una narrativa di grande impatto, che restituisce allo spettatore la sensazione di un tempo sospeso, ma non precluso alla vita. Il film rappresenta la tappa finale di un progetto di ricerca ideato  da Medicinema e Fondazione Gemelli IRCCS durato più di un anno e  i risultati di questo progetto sperimentale dimostrano che la presa in carico delle persone con un tumore può trarre beneficio non solo dai trattamenti oncologici tradizionali, ma anche dalle cure ‘complementari’, come in questo caso la cineterapia, che unita ad un sostegno psicologico, diventa un’elaborazione dei momenti difficili o traumatici, come quello della diagnosi, e aiutano ad affrontare temi ‘sensibili’ come quello della fertilità, della genitorialità e a volte anche del fine vita. Assistere alla proiezione di un film all’interno dell’ospedale, durante le cure ‘tradizionali’, può favorire una nuova forma del rapporto mente-corpo che, di fronte alla malattia, a volte viene perduta.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui