Parlare di poesia ai ragazzi: a Germignaga incontro riuscito con lo scrittore Antonio Ferrara

0
246

GERMIGNAGA, 27 dicembre 2022-Si può parlare di poesia a ragazzini di 11 anni? «Si può e si deve», parola di Antonio Ferrara, che guardando a preadolescenti e adolescenti ha scritto numerosi libri tra cui “Ero cattivo”, premio Andersen 2012.

Lo scorso giovedì 22 Ferrara ha incontrato al salone di Nasca e alla ex-colonia elioterapica le classi prime della secondaria di primo grado dell’ICS di Germignaga. E ha letteralmente incantato ragazzini e ragazzine.

In costante dialogo con i suoi lettori, Ferrara ha raccontato di sé, dei suoi romanzi e della sua esperienza di educatore, che gli ha permesso di conoscere le storie vere di tanti ragazzi ed entrare in relazione con loro, portando poi nei suoi romanzi qualcosa di quelle vite realmente vissute. E a chi chiede quanto di sé stesso ci sia in Tullio, il protagonista di “Respiro”, il libro che gli alunni dell’ICS hanno letto a scuola, Ferrara risponde citando Flaubert «Madame Bovary, c’est moi».

Un turbinio di parole ha avvolto le giovani platee di Castelveccana e Germignaga, accompagnate da Ferrara alla scoperta dei personaggi dei suoi libri, alle loro vicende e ad altre ancora, passando per Calvino, Rodari e Eco, nell’assoluta certezza che la narrazione «sia fondata su ricordo, esperienza e speranza».

Con la loro passione per la scrittura e la lettura Antonio Ferrara e Marianna Cappelli, compagna d’arte e di vita, hanno emozionato l’attentissimo pubblico, come già era avvenuto qualche settimana fa con Alice Savoldi, la storyteller che con la sua accattivante narrazione “ha fatto divorare” piatti, ricette e molto altro agli alunni e alle alunne delle classi seconde della scuola media.

Gli incontri con Ferrara e Savoldi fanno parte del progetto di avvicinamento e sostegno alla lettura dell’ICS Germignaga, che ha recentemente visto l’inaugurazione di nuovi spazi lettura in ciascun plesso e che proseguirà nel 2023 con altre esperienze educative.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui