“Spazio (al) Sacro. Le icone moderne di Tempio Industriale”, mostra di Valerio Perrino a Buguggiate

0
1549
Valerio Perino (Tempio Industriale)

BUGUGGIATE, 27 marzo 2023-Tempio Industriale (Valerio Perino), classe 1982, dopo il successo della mostra dello scorso anno all’Eremo di Santa Caterina del Sasso di Leggiuno , esporrà le sue opere a Buguggiate all’interno nell’Oratorio di San Giovanni Battistada venerdì 31 marzo a domenica 2 aprile nella mostra “Spazio (al) Sacro. Le icone moderne di Tempio Industriale” a cura di Un Quadro di Te e Obiettivo Cultura.

L’inaugurazione della personale si terrà venerdì 31 marzo alle ore 16. In seguito, fino alle ore 21 sarà possibile dialogare con l’artista torinese e con i curatori.

Sarà l’occasione per ogni visitatore di ritagliare nella propria vita un tempo e un luogo adatti ad accogliere le radici religiose e industriali della cultura. Le icone dell’artista, pervase dal Senso Sacro, si oppongono con il loro significato alla perdita di valori che la società occidentale sta subendo. Tempio Industriale si inserisce in questi vuoti e si riappropria degli spazi marginali e quotidiani della nostra esistenza.

“Spazio (al) Sacro. Le icone moderne di Tempio Industriale” è un progetto espositivo originatosi da un dialogo tra l’artista, i curatori di Un Quadro di Te A.p.s. e il gruppo culturale Obiettivo Cultura i quali, avendo finalità simili al pensiero dell’autore, hanno deciso di avviare una collaborazione che si è concretizzata in tre giorni intensi di esposizione.

Nasce così un’iniziativa voluta per rivalutare l’arte sacra contemporanea, svincolandola da pregiudizi che la reputano adatta solo a certi contesti culturali.

L’Oratorio di San Giovanni Battista accoglierà in mostra oltre 25 icone, ovvero composizioni, sculture e immagini che richiamano non solo la tradizione artistica italiana, ma anche quella di tutti i paesi che Tempio Industriale ha visitato e nei quali ha raccolto materiali e ispirazioni per le sue opere.

 Sabato 1 e domenica 2 Aprile sarà sempre garantita dagli organizzatori e dall’artista una visita accompagnata alla mostra. Si ricorda che l’ingresso all’esposizione è gratuito.