Raggiunto un accordo sulla mensa tra l’azienda Macchi di Venegono Inferiore e sindacati

0
1012
L'azienda Macchi di Venegono Inferiore (foto dal sito macchi.it)

VARESE, 26 luglio 2023-Nel gennaio 2023, abbiamo richiesto un incontro con l’azienda Macchi con la presenza di Confindustria a causa di alcune difficoltà riscontrate dai lavoratori nella gestione del ticket cartaceo per la consumazione del pranzo del valore allora di 5€ (il ticket era distribuito solo a chi lo richiedeva) e legato a una convenzione con alcuni locali.

I principali problemi riguardavano la scarsa disponibilità di posti presso locali convenzionati e l’aumento del costo complessivo del pacchetto pranzo da questi stabilito, che ovviamente era tutto a carico dei lavoratori. Per i lavoratori l’alternativa era un pranzo al sacco (panino, acqua e un frutto costo 6 euro) che ovviamente non essendoci un refettorio, consumavano sul posto di lavoro, con tutto quello che questa scelta comportava in termini di igiene e sicurezza. Pertanto, abbiamo chiesto all’azienda di trovare una soluzione alternativa.

Inizialmente, l’azienda ha proposto l’istituzione di un locale mensa con servizio di pasti

Un presidio dei lavoratori davanti alla Macchi (foto varesenews.it)

precotti, che però, per ragioni logistiche non è stata praticabile. Il locale mensa di cui l’azienda proponeva l’allestimento sarebbe stato distante 2,5 km dalla sede produttiva. Abbiamo quindi suggerito l’utilizzo del ticket elettronico come alternativa.

Proprio a favore del ticket si erano espressi i lavoratori consultati dal sindacato in assemblea, ma l’azienda aveva risposto che in quel momento non era fattibile.

In seguito al diniego aziendale, arrivato dopo una  inziale disponibilità al confronto,  siamo tornati quindi a consultare i lavoratori in assemblea, dando inizio a una vertenza che ha portato allo sciopero degli straordinari e a un pacchetto di otto ore di sciopero articolate in più fermate.

Nonostante la massiccia partecipazione dei lavoratori agli scioperi con presidi davanti ai cancelli, al blocco dello straordinario e la eco sui media locali, la Macchi non intendeva riaprire il confronto, una chiusura priva di reali  motivazioni. I lavoratori resistono e la Fiom continua ad incalzare l’azienda.

La Fiom Cgil, nel territorio di Varese ha ottenuto con la contrattazione di secondo livello ottimi risultati in oltre cento aziende della provincia di Varese. La Macchi Spa è un azienda annoverata tra i principali costruttori mondiali di impianti per l’estrusione di film in bolla,  un’azienda strutturata, solida e con un programma industriale valido.

Dopo quasi tre mesi di assoluto silenzio, l’azienda in seria difficoltà per i ritardi dovuti alla nostra azione sindacale, ci ha convocati e ha finalmente accettato la nostra proposta di utilizzare il ticket elettronico. L’accordo prevede un aumento graduale del valore del ticket: €6,50 a partire da settembre 2023 e €7 a partire da settembre 2024, con la possibilità di rinegoziare questa cifra nel 2025. Tali importi valgono PER TUTTI I DIPENDENTI ANCHE PART-TIME

Grazie a questa mobilitazione, abbiamo dimostrato all’azienda che siamo impegnati a proporre e negoziare per migliorare costantemente le condizioni di lavoro dei metalmeccanici, e che con noi trovano sempre una controparte pronta al dialogo e alla costruzione di soluzioni efficaci e ragionevoli per entrambe le parti.