A Varese firmata l’ordinanza anti alcol in quattro zone della città

0
542
VARESE, 12 giugno 2024-Dal 14 giugno al 31 agosto 2024, in alcune zone della città, sarà vietato consumare e portare con sé alcolici e superalcolici in strada, nei parchi e nelle aree pubbliche che non abbiano le concessioni per la somministrazione su suolo pubblico. Inoltre non sarà possibile la vendita per l’asporto di bevande alcoliche e superalcoliche, dalle ore 17 alle 6 del giorno successivo, da parte dei gestori di esercizi pubblici, commerciali o artigianali, compresi i punti vendita con distributori automatici. Sono questi i principali contenuti dell’ordinanza firmata oggi da Palazzo estense per una maggiore sicurezza e prevenzione in città durante il periodo estivo.
I divieti saranno attivi in quattro aree della città. Nel comparto di piazza Repubblica che comprende la via Avegno, via Medaglie d’Oro, via Piave, piazza XX Settembre, via Morosini, via Orrigoni. Poi nell’area delle stazioni con piazza Trento, piazza Trieste, viale Milano, via Casula, via Como, via Rainoldi. Nell’ordinanza sono incluse poi anche Biumo con via Adamoli, via Carcano, via Cairoli, via Merini, via Garibaldi, piazza XXVI Maggio, largo Comolli; infine il comparto della zona del Tribunale che include piazza Cacciatori delle Alpi, via Vetera, via Finocchiaro Aprile, via Morazzone, via Speroni, via dei Bersaglieri.
“Il provvedimento adottato – spiegano il Sindaco Galimberti e l’assessore Raffaele Catalano – ha l’obiettivo di far trascorrere un’estate più serena alla città, mettendo in campo un’azione seria di prevenzione sia sotto l’aspetto dell’abuso di sostanze alcoliche, soprattutto tra i più giovani, e sia di fenomeni che possono pregiudicare il regolare e ordinato svolgimento della vita civile e la vivibilità della città. Tutto questo si inserisce all’interno di un quadro di collaborazione e condivisione con tutte le forze dell’ordine e in particolare con il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza e riguarda zone in cui sono state fatte anche segnalazioni da parte dei cittadini”.
Il provvedimento muove dall’intento, come condiviso con il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza, di evitare fenomeni negativi legati all’abuso delle bevande alcoliche e superalcoliche, vietando nel centro cittadino il consumo in strada e limitando la vendita per asporto durante alcune fasce orarie. In sostanza il divieto riguarda la detenzione e il consumo di bevande alcoliche e superalcoliche nelle strade, piazze, giardini, parchi, aree pubbliche o aperte al pubblico transito e loro adiacenze, ad esclusione delle aree concesse dall’Amministrazione o diversamente autorizzate (ad esempio in occasione di occupazioni con tavolini limitrofi a pubblici esercizi) e fatto salvo il mero trasporto per accedere alle abitazioni private ricomprese nelle vie interessate dal presente provvedimento. Il provvedimento riguarda anche il divieto di vendita per asporto di bevande alcoliche e superalcoliche ed in qualsiasi contenitore dalle ore 17.00 alle ore 6.00 del giorno seguente, da parte dei gestori di pubblici esercizi ed esercizi commerciali o artigianali su area privata o su area pubblica, compresi i punti vendita con distributori automatici.
I divieti di cui ai punti precedenti non hanno efficacia per gli esercizi che effettuano servizio a domicilio del cliente e per le attività di ristorazione-somministrazione limitatamente al servizio al tavolo o in relazione alla consumazione sul posto di produzione. Per gli esercizi commerciali la vendita per asporto rimane ammessa solo se abbinata alla prevalente vendita di alimentari. Sono fatte salve eventuali deroghe per attività svolte nell’ambito di iniziative ed eventi pubblici di carattere temporaneo organizzate, patrocinate o comunque sostenute dall’Amministrazione comunale. Per i trasgressori sono previste sanzioni da 25 a 500 euro.