Siglato a Roma un accordo verso l’uguaglianza di genere e l’empowerment delle giovani generazioni

0
397
(foto di Stefania Sepulcri)

ROMA, 18 giugno 2024 – Questa mattina, presso la sede del Rettorato della Sapienza, la Rettrice della Sapienza Università di Roma, Antonella Polimeni e la Presidente del Consiglio Nazionale dei Giovani (CNG), Maria Cristina Pisani hanno firmato un protocollo d’intesa che sancisce una nuova alleanza strategica finalizzata a promuovere e rafforzare l’impegno comune verso la parità di genere e il contrasto alla violenza.

L’iniziativa nasce dalla volontà di contribuire a consolidare un ambiente equo e giusto, dove le giovani generazioni possano crescere, formarsi e partecipare attivamente alla società.

Il documento firmato oggi si concentra su azioni concrete e tangibili che mirano a eliminare le barriere di genere e a valorizzare il ruolo delle ragazze in ogni ambito, dall’istruzione al mondo del lavoro, attraverso iniziative comuni. L’obiettivo è formare e sensibilizzare le ragazze e i ragazzi sui temi della parità di genere e del contrasto alla violenza e ad ogni forma di discriminazione e di marginalizzazione sociale, realizzando attività condivise in grado di coinvolgere maggiormente le giovani e i giovani nei processi di promozione della cultura di parità e nella creazione di percorsi e strumenti concreti di empowerment.

In particolare il Protocollo prevede attività di formazione con un approccio intersezionale, non solo alle studentesse e agli studenti dell’Ateneo, che possano fornire strumenti analitici per esaminare la situazione della parità di genere in Italia e stimolare riflessioni condivise e collettive per favorire un cambiamento sociale e culturale tra i giovani. Tale percorso di formazione si avvarrà della consulenza di esperte ed esperti e di docenti universitari e verrà organizzato per raggiungere la più ampia utenza, anche attraverso l’utilizzo degli strumenti digitali.

Inoltre sono previste campagne di sensibilizzazione e informazione sui temi oggetto del l’accordo, anche co-progettate con le studentesse e gli studenti dell’Ateneo in grado di far emergere l’impegno e il punto di vista dei giovani favorendone la piena partecipazione.

Infine saranno condivisi dati e ricerche sui temi delle disuguaglianze di genere per realizzare congiuntamente documenti di analisi e proposte concrete da presentare alle Istituzioni e alle Autorità politiche per promuovere i valori della parità di genere, delle pari opportunità, del contrasto ai fenomeni di violenza e agli stereotipi. Tali analisi saranno la base per position paper specifici in grado di incidere fattivamente sulle scelte politiche, avanzando azioni concrete per il raggiungimento degli obiettivi nazionali e internazionali sul tema.

Dichiarazione della prof.ssa Antonella Polimeni, Rettrice della Sapienza Università di Roma“La sottoscrizione di questo protocollo d’intesa rappresenta un passo fondamentale per dare avvio ad una collaborazione fruttuosa tra il nostro Ateneo e una realtà autorevole e rappresentativa del mondo giovanile come il Consiglio Nazionale Giovani, su tematiche di assoluta rilevanza sociale e culturale rispetto alle quali Sapienza mantiene un impegno costante – spiega la Rettrice Antonella Polimeni – Come Ateneo abbiamo realizzato numerose iniziative per favorire la parità di genere e contrastare violenze e discriminazioni, attivando corsi di laurea, master e dottorati specifici, approntando strumenti di contrasto alle molestie, alle disuguaglianze, alle violenze, nonché fornendo servizi per garantire a tutte e a tutti il diritto allo studio e una formazione consapevole e rispettosa delle libertà, dei diritti e dei doveri di ogni cittadina e cittadino”.

 Dichiarazione di Maria Cristina Pisani, Presidente del Consiglio Nazionale dei Giovani:

“Desidero ringraziare la professoressa Polimeni, Rettrice della Sapienza, per il suo impegno e di tutta l’Università nell’estendere le attività di formazione sui temi della parità di genere e del contrasto alla violenza non solo agli studenti e alle studentesse dell’Ateneo, ma anche a una platea molto più ampia di giovani. Un approccio che rientra nel concetto di “Quarta Missione” che l’Università porta avanti attraverso lo sviluppo di servizi, strumenti e programmi finalizzati ad attuare l’inclusione sociale e le pari opportunità.

Il protocollo che abbiamo sottoscritto oggi rappresenta un’opportunità per sviluppare e implementare iniziative concrete che potranno fare la differenza nella vita quotidiana dei giovani, creando spazi di dialogo e formazione che ispirino le ragazze e i ragazzi a diventare protagonisti del cambiamento, promuovendo la parità di genere e contrastando ogni forma di violenza e discriminazione. 

Questo accordo rappresenta un passo importante verso un futuro dove l’uguaglianza non sia solo un ideale, ma una realtà condivisa e praticata da tutti.”