Il varesino Generic Animal pubblica il nuovo video “Presto”

VARESE, 20 dicembre 2019-Un mondo truccato di viola. La vita vissuta in un vagone della metro che non si sa da dove parte né dove arriva, tanto il tragitto è sempre uguale. Un surreale personaggio urbano che gioca e dialoga con una telecamerina di sorveglianza per trasfigurarsi poi in un avatar, abitante di un micro-universo racchiuso in una game app da smartphone.

Diretto da No Text Azienda, è on line da oggi il video di Presto feat. Franco 126, nuovo singolo uscito in radio e in digitale venerdì 6 dicembre, che anticipa l’album di Generic Animal in uscita a inizio 2020. Un video che trasporta le difficoltà relazionali al centro della canzone in una dimensione di claustrofobia metropolitana, dove la realtà, che fa capolino in chiusura, si riduce comunque all’esterno notte di un quartiere newyorkese circondato da grattacieli e ripreso con una camerina digitale dall’interno di un appartamento.

Prodotto da Fight Pausa (72-HOUR POST FIGHT, Massimo Pericolo, Leute), il singolo “Presto” è una ballad aperta da un arpeggio di basso distorto, un brano che rimane in testa al primo ascolto. Un flusso di coscienza per raccontare la difficoltà di una relazione di coppia e il senso di inadeguatezza nei confronti della persona che si ama.

Il nuovo album di Generic Animal sarà realizzato con il sostegno del MiBACT e di SIAE, nell’ambito del programma “Per Chi Crea”.

Generic Animal ha annunciato una serie di concerti nei club italiani, sul palco sarà accompagnato per la prima volta da una band vera e propria. 




A Varese rifioriscono i Verdi: Aimetti e Coffano portavoce. Da gennaio prime iniziative sul territorio

VARESE, 20 dicembre 2019- A Varese rifioriscono i Verdi. Sulla scia della grande spinta propulsiva che arriva dai neo movimenti spontanei di taglio ambientalista (Fridays for Future su tutti), si rifanno vivi finalmente i Verdi, partito che negli anni si era smarrito perdendo la sua identità.

Verdi che ora si stanno riorganizzando in tutto il Paese, con  Varese che ha colto l’opportunità di ripartire alla grande grazie alla volontà di un gruppo di persone fedeli a dogmi cari alle politiche ambientali.

Per farlo si è costituita l’associazione “Federazione dei Verdi – Europa Verde della città di Varese” dove l’assemblea degli iscritti ha eletto come portavoce cittadino l’architetto 26enne Francesca Coffano ed il sindaco di Comerio Silvio Aimetti.

Gli oltre trenta iscritti hanno nominato inoltre un consiglio direttivo, un tesoriere e, cosa non comune nell’attuale panorama politico, un comitato scientifico che avrà il fondamentale compito di fornire dati e informazioni per supportare le scelte politiche.
Sono passate poche settimane dalla serata con la co-portavoce nazionale Elena Grandi e già la città di Varese ed i Comuni limitrofi mandano un importante messaggio di partecipazione politica.
<<Di fronte alla crescita delle disuguaglianze, all’emergenza climatica, alla miopia della politica, è ora di rafforzare il movimento dei Verdi, l’unico in grado di dare risposte concrete alle persone perché capace di perseguire insieme la sostenibilità ambientale, quella sociale e quella economica>>, dicono i neo eletti che aggiungono

<<Anche a Varese, il partito ecologista, che in Europa rappresenta la quarta forza politica, vuole offrire una casa a chi sta sostenendo le mobilitazioni sul clima e a chi vuole basare un nuovo modo di fare politica mettendo al centro l’ambiente come soluzione per creare lavoro, per diminuire le diseguaglianze sociali, per garantire salute e istruzione di qualità a tutti>>
Da segnalare che già dalle prime settimane del 2020 saranno organizzate iniziative e incontri tematici per poter discutere con tutte le persone interessate al dibattito politico e sociale su temi ambientali e non solo, promuovendo anche una corretta informazione su alcuni temi di importanza cruciale per il nostro futuro.

Per contatti e adesioni: iverdivarese@gmail.com
E’ possibile aderire alla federazione dei Verdi andando sul sito www.verdi.it

redazione@varese7press.it




Brescia, aperto nuovo centro NEMO dedicato a malattie neuromuscolari

BRESCIA, 20 dicembre 2019 – In Lombardia sono oltre 4.400 le persone che convivono con una malattia neuromuscolare: per fare fronte alla domanda di cura e assistenza dei pazienti e delle loro famiglie, nonché di accesso alla terapie più avanzate, nascerà a Brescia una nuova sede del Centro Clinico NeMO, un centro ad alta specializzazione, già presente a Milano, Roma, Messina e Arenzano (GE), per le malattie neuromuscolari, patologie fortemente invalidanti come la Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), le distrofie muscolari e l’Atrofia Muscolare Spinale (SMA).

L’Agenzia di Tutela della Salute (ATS) di Brescia, in seguito al Bando Pubblico di gara indetto con Decreto D.G. n 352 del 24/06/2019, ha affidato al Centro Clinico NeMO l’incarico di creare un centro specializzato per queste patologie, che sarà attivo presso la Fondazione “Ospedale e casa di riposo Nobile Paolo Richiedei” di Gussago (BS), dove sono già iniziati i lavori di ristrutturazione degli spazi. La procedura di gara si è conclusa infatti ad ottobre ed è risultata vincitrice la Fondazione Serena che gestisce i Centri Clinici NeMO.

Il Centro avrà una superficie di circa 1.500 metri quadrati e sarà dotato di 16 posti letto in regime di degenza ordinaria, di cui 4 ad alta complessità e 4 dedicati all’area pediatrica, posti in un ambiente confortevole in cui il familiare potrà rimanere a fianco del paziente per tutta la durata del soggiorno, comprese le ore notturne.

Oltre alla degenza ordinaria, presso il Centro Clinico NeMO di Brescia si effettueranno trattamenti in regime di Day Hospital e Ambulatorio e Macroattività Ambulatoriali Complesse (MAC).

La collocazione del Centro presso la Fondazione Richiedei consentirà di operare in sinergia con le professionalità e i servizi già attivi all’interno della Fondazione, tra i quali anche il servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI), che permetterà al NeMO Brescia di mantenere la continuità di presa in carico anche dopo il ricovero.

Sottolinea Alberto Fontana, presidente del Centro Clinico NeMO: Siamo felici di poter iniziare questa nuova sfida, consapevoli della responsabilità dell’incarico affidatoci dall’Agenzia di Tutela della Salute di Brescia. L’approccio di cura di NeMO si inserisce in un contesto territoriale dove è già presente un’assistenza di alto livello per le malattie neuromuscolari: per questo il NeMO Brescia, grazie ad un team multidisciplinare di professionisti che pone il paziente e la sua famiglia al centro del percorso di presa in carico, potrà dare risposte concrete di cura, al fianco della comunità dei pazienti e in continuità con i servizi di cura e socio-assistenziali del territorio”.

Secondo Claudio Sileo, Direttore Generale di ATS Brescia: “La sottoscrizione del contratto è un momento “storico” per Brescia perché è la prima tappa che porterà all’attivazione del nuovo Centro che aprirà tra circa 6 – 7 mesi, necessari per il completamento dei lavori da parte di Fondazione Serena. Il percorso è iniziato con la volontà di Regione Lombardia di attivare e finanziare un nuovo Centro a Brescia ed ha visto la pubblicazione di un bando di gara cui hanno partecipato 6 qualificati Enti privati accreditati e dal quale è risultata vincitrice la Fondazione Serena con il Centro Clinico NeMO”.

Dichiara Giulio Gallera, assessore al welfare della Regione Lombardia: “Questa nuova sinergia è molto importante e rientra in un percorso che Regione Lombardia sta conducendo valorizzando le capacità e le eccellenze specifiche delle realtà che operano nei vari settori del sistema socio sanitario. Il Centro Clinico NeMO è fortemente e costantemente attivo nell’ambito delle malattie neuromuscolari per migliorare la qualità di vita delle persone prese in carico, fornendo loro e alle famiglie un supporto clinico, assistenziale e psicologico che risponda ai bisogni globali”.

Attività e caratteristiche del Centro

Il Centro offrirà, oltre al ricovero ordinario, anche la possibilità di effettuare prestazioni in regime di:

  • Day Hospital (con due letti): DH di tipo neuromotorio funzionale, che prevede attività per quantificare il livello e il grado di disabilità motoria e per valutare gli ausili necessari che possano migliorare il grado di autonomia del paziente. È anche possibile effettuare valutazioni della sua capacità respiratoria, della sua situazione nutrizionale e del grado di disfagia, cioè della difficoltà nel deglutire causata dalla patologia. Al Day Hospital accederanno pazienti neuromuscolari adulti e pediatrici che necessitano di un’osservazione prolungata al fine di garantire la continuità assistenziale, che non richieda tuttavia un ricovero ordinario.
  • Ambulatorio e Macroattività Ambulatoriali Complesse (due letti Tecnici MAC): le MAC offrono interventi riabilitativi di bassa, media ed alta complessità per la valutazione delle funzioni vitali, senso motorie, sfinteriche, relazionali, cognitivo-comportamentali, manovre diagnostiche e terapeutiche.

Il Centro Clinico NeMO di Brescia stipulerà una convenzione con l’Azienda Socio Sanitaria Territoriale Spedali Civili di Brescia, con la quale disciplinerà le modalità per l’erogazione di servizi di cura, a completamento di quanto già effettuato presso il Centro.

I partner del progetto

L’avvio del progetto sarà reso possibile grazie al supporto delle sezioni locali delle associazioni dei pazienti con malattia neuromuscolare e soci del Centro Clinico NeMO: Fondazione Telethon, Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare (UILDM), Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica (AISLA Onlus), Associazione Famiglie SMA Onlus, Associazione Slanciamoci, Fondazione Vialli e Mauro per la Ricerca e lo Sport Onlus, insieme a Viva la Vita Onlus.

Il Centro Clinico NeMO (NeuroMuscular Omnicentre) è un centro clinico ad alta specializzazione, pensato per rispondere in modo specifico alle necessità di chi è affetto da malattie neuromuscolari come la Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), le distrofie muscolari e l’Atrofia Muscolare Spinale (SMA), patologie che interessano attualmente circa 40.000 persone in tutto il Paese. Il Centro rappresenta un modello unico di sanità in Italia, che pone al centro la persona con malattia neuromuscolare e la sua famiglia, sviluppando una presa in carico d’eccellenza e una ricerca clinica avanzata. Il Centro Clinico NeMO ha seguito nel 2018 oltre 3.800 persone, erogato oltre 7.790 prestazioni e dispone di 68 posti letto dedicati al ricovero e 10 posti letto per i servizi di Day Hospital. Oggi conta quattro sedi sul territorio nazionale: Milano, Arenzano (Genova), Messina e Roma.




Approvato Bilancio, investimenti importanti nel settore sicurezza e grandi opere cittadine

VARESE, 20 dicembre 2019Trentaquattro milioni di euro per il piano delle opere in programma nel 2020. Oltre 4 milioni sulla sicurezza, sette nuovi agenti di Polizia locale e l’arrivo di oltre 50 telecamere nuove solo nel comparto stazioni.

Un milione in manutenzioni, asfaltature e lavori pubblici. La riqualificazione di nuovi impianti sportivi e investimenti per lo sport per un milione e 400mila euro. Potenziamento dei servizi e attenzione per l’infanzia per un valore di quasi 5 milioni di euro. Un piano speciale per i quartieri oltre allo sviluppo nei rioni dello strumento di controllo di vicinato.

Sono queste alcune delle novità che contiene il Bilancio previsionale approvato questa sera dal Consiglio comunale di Varese al secondo giorno di convocazione. Un documento economico di quasi 90 milioni di euro in cui trovano spazio anche la riqualificazione delle abitazioni popolari, la modernizzazione, la digitalizzazione e le opere per la sicurezza stradale. Per le politiche giovanili il bilancio previsionale stanzia 250 mila euro per il 2020, mentre saranno oltre 2 milioni e 300mila euro le somme che verranno impiegate per azioni concrete a sostegno delle persone anziane.

E ancora interventi che stanno già interessando la città come la riqualificazione dell’area stazioni o il prossimo cantiere per la caserma Garibaldi e piazza Repubblica di oltre 20 milioni di euro. Nel 2020 la voce cultura vedrà un investimento di 3 milioni di euro e 2 milioni sono stati stanziati sulle politiche ambientali.

“Programmazione, progettazione, efficienza e capacità di spendere al meglio le risorse – spiega l’assessore al Bilancio Cristina Buzzetti – è questa l’impostazione concreta che abbiamo restituito ai documenti di programmazione economica e che ci ha consentito di creare spazi di sviluppo e di rigenerazione della città. Il tutto senza pesare sulle tasche dei cittadini e senza aumentare la tassazione. Il lavoro svolto in questi anni si è basato sull’efficienza e il taglio degli sprechi per concentrare le risorse su quelle che sono le priorità per il miglioramento della città”.

Alcuni esempi sono la riqualificazione del Palaghiaccio e di Villa Mylius, la costruzione del nuovo centro cottura per le mense scolastiche. E ancora riqualificazioni con gli incentivi fino all’80% per il recupero degli edifici dismessi a cui si aggiunge un ulteriore 10% per chi si impegna ad assumere nuovo personale attingendolo almeno al 50% dagli iscritti alle liste del Centro per l’impiego di Varese o del Nucleo di inserimento lavorativo del distretto della Città Giardino.

“Il bilancio approvato oggi dal Consiglio – dichiara il sindaco Davide Galimberti – certifica la grande svolta che abbiamo dato alla città.

Un’operatività che proseguirà anche nel prossimo biennio con l’obiettivo di far crescere ancora la città. Alcuni dati ci dicono già che la strada è giusta: la diminuzione dei reati con un meno il 27% dei furti in abitazione e l’ottimo risultato nel dossier sulla qualità della vita redatto dal Sole 24 Ore che fotografa Varese come protagonista di una scalata della classifica nazionale. Pur con il disavanzo che abbiamo ereditato – oltre 7 milioni di euro – e che stiamo annualmente ripianando, siamo riusciti a mettere in campo una serie di interventi e opere che sono state possibili solo grazie ad un attento lavoro di efficienza e programmazione. Questo lavoro si intensificherà ancora di più nei prossimi anni.L’autonomia a Varese serve proprio a questo, a colmare il buco lasciato dalla Lega”.




Frana sulla SP7 tra Casalzuigno e Arcumeggia

CASALZUIGNO, 20 dicembre 2019-Ieri sera alle 19.30 i vigili del fuoco del distaccamento di Ispra, sono intervenuti nel comune di Casalzuigno, sulla SP7, per una frana. 

Causa le abbondanti piogge, diverso materiale roccioso è rovinato sulla strada provinciale 7 che da Casalzuigno sale all’abitato di Arcumeggia.
I vigili del fuoco intervenuti con un’autopompa hanno effettuato un sopralluogo congiuntamente al sindaco. A seguito delle verifiche effettuate è stata decisa la chiusura della strada in attesa della messa in sicurezza.



UBYA Busto Arsizio approda agli ottavi di finale della Cev Cup vincendo in trasferta

OLOMOUC (Repubbica Ceca), 20 dicembre 2019-La Unet e-work Busto Arsizio completa la prima missione di CEV Cup sconfiggendo per 3-0, anche nella gara di ritorno dei 16esimi di finale, il VK Up Olomouc.

Con il successo ottenuto al “Univerzita Palackeho”, le farfalle centrano dunque l’obiettivo ottavi, fase in cui affronteranno le polacche del Developres SkyRes RZESZÓW, che hanno sconfitto mercoledì sera al Golden Set le francesi del Mulhouse (andata al PalaYamamay tra il 21 e il 23 gennaio, ritorno tra il 4 e il 6 febbraio).
Come nella partita di andata, anche stasera la UYBA ha comandato le ostilità per tutta la durata dell’incontro, faticando un po’ in avvio in ricezione, ma riuscendo sempre ad imporre il proprio gioco.
Lavarini, che è partito con Orro – Lowe, Bonifacio – Berti, Villani – Herbots, Leonardi libero, ha poi dato spazio nel terzo set anche a Cumino in regia, a Bici in 2 e a Washington, dentro per Bonifacio al centro.
A tabellino per le farfalle spiccano la solita prestazione tutta energia di Herbots (13 punti, con un ace e due muri), il 57% offensivo di Villani (10 punti) e l’ottimo impatto di Washington (7 punti col l’83%). Giornata di riposo per la capitana Gennari.
Per le padrone di casa, più in palla rispetto all’andata, Orvosova la migliore con 13.

Tutti i risultati dei 16esimi di finale qui: https://www.cev.eu/Competition-Area/CompetitionView.aspx?ID=1197

Sala stampa:

Villani: “Abbiamo imposto il nostro gioco dall’inizio, abbiamo avuto qualche calo dovuto al loro buon livello di battuta; l’importante era vincere con un risultato netto e centrare velocemente la qualificazione agli ottavi perchè ora dobbiamo rituffarci subito nel campionato. Ripenseremo alla Cev verso la fine di gennaio”.

Il tabellino della partita

VK Up Olomouc – Unet e-work Busto Arsizio 0-3 (21-25, 18-25, 19-25)

VK UP Olomouc: Kulova (L), Michalikova 6, Trnkova 8, Handley 1, Ambrozova ne, Bezhandolska 6, Dudova ne, Burbelyuk ne, Kazachenka 2, Hodanova 3, Struskova ne, Stavinohova ne, Orvosova 13. All. Zapletal, 2° Micek. Battute vincenti 9, errate 6. Muri: 3.

Unet e-work Busto Arsizio: Washington 7, Bici 9, Herbots 13, Simin, Gennari ne, Cumino, Orro 3, Leonardi (L), Villani 10, Lowe 7, Bonifacio 6, Berti 6. All. Lavarini, 2° Musso. Battute vincenti 4, errate 13. Muri: 9.

Arbitri: Sinisa ISAJLOVIC – Yury BAKUNOVICH

Spettatori: 650 circa




“Signor Presidente!”, raccolta firme dei Radicali per Decreti Sicurezza e memorandum Italia-Libia

MILANO, 20 dicembre 2019-L’Associazione Enzo Tortora Radicali Milano sarà in piazza nel week end per raccogliere le firme sull’iniziativa “Signor Presidente!”, l’appello rivolto al Presidente Sergio Mattarella già sottoscritto da Roberto SavianoPierfrancesco MajorinoCecilia StradaOliviero Toscani e molti altri.

I Radicali chiedono al Presidente di ribadire, durante il suo discorso di fine anno, la richiesta di revisione dei Decreti Sicurezza e la sospensione del memorandum Italia-Libia.

“Il Presidente della Repubblica fece già notare le sue perplessità in merito dopo la firma dei decreti stessi” – commenta il Segretario della Tortora Riccardo Giorgio Frega – “rilevando tracce di incostituzionalità. I nostri valori costituzionali sono un pilastro portante della democrazia.,

Nel nostro paese è garantito il diritto d’asilosalvare le vite di naufraghi che fuggono dai lager libici è prioritario. L’Italia non può essere complice nel violare i diritti umani. La lettera con cui il Presidente si è rivolto al Governo Conte parla chiaro: il memorandum Italia-Libia va rivisto. Eppure da 15 mesi le richieste di Mattarella vengono ignorate da questo esecutivo di incompetenti e di sordi. Se le richieste del Presidente della Repubblica italiana non sono ritenute rilevanti da questa politica, noi faremo quadrato attorno a lui, ed alla sua voce uniremo le nostre.”

L’Associazione Radicale Enzo Tortora sarà quindi in piazza durante questo week-end pre natalizio a raccogliere le firme all’appello di tutti i cittadini milanesi. I tavoli si terranno in Corso Buenos Aires, di fronte al Teatro Elfo Puccini,  Sabato 21 e Domenica 22 dalle ore 12 alle 15.

L’iniziativa Signor Presidente! è promossa da Radicali Italiani e si può sottoscrivere anche online a questo indirizzo: https://www.radicali.it/campagne/signor-presidente/




La rabbia del movimento Civico 2.0 dopo Consiglio comunale: ”Quegli accordi sottobanco con la Lega non li accettiamo”

VARESE, 19 dicembre 2019-Il movimento civico Varese 2.0 manifesta il suo totale dissenso per quanto accaduto ieri sera in Consiglio Comunale.

È stato infatti approvato, durante la prima seduta  dedicata al bilancio bilancio, un emendamento della Lega, anche con il voto di parte della maggioranza, che legittima di fatto  le posizioni di autonomia differenziata della Regione Lombardia .

Una decisione politica, non concordata nelle sedi opportune, che nulla attiene all’ importante  tema discusso.

Perchè questa scelta? Qualcuno deve spiegarlo ai cittadini.

Queste commistioni sono inutili e dannose, confondono e irritano profondamente.

Ieri sera il proponente leghista di questo emendamento, ha affermato che questi accordi preventivi sono da considerarsi  fatti normali in politica.

Per noi cittadini di Varese 2.0 non lo sono affatto e danno una visione distorta di quella che dovrebbe e potrebbe essere invece  una politica virtuosa e diversa.

Risulta infatti che in Giunta e nella riunione preparatoria al Consiglio dei capigruppo di maggioranza tenutasi la sera prima, non si sia minimamente discusso di questo emendamento.

Risulta inoltre che Varese 2.0 non sia l’unico ad essere rimasto “perplesso” da questa novitá.

 Quindi è del tutto evidente che è stato inserito a nostra insaputa.

Se qualcuno teneva in modo particolare a questo emendamento  avrebbe dovuto avvertire i colleghi, prima di esprimersi in aulae spiegarne anche le ragioni a supporto.

Varese 2.0 non è disponibile a rappresentare la figura dell’utile idiota e quindi chiede di esplicitare tempestivamente le ragioni di questa scelta, a costo di mettere in discussione la nostra proverbiale lealtá in questa maggioranza

Attendiamo fiduciosi.

Varese 2.0




Spettacolo di Natale con la Filarmonica S.Cecilia di Sacconago

BUSTO ARSIZIO, 19 dicembre 2019– Sabato 21 (ore 21.15) e domenica 22 (ore 20.30), al teatro Lux di piazza San Donato 1, torna puntale lo spettacolo di Natale della Filarmonica di Sacconago. Con “Hai un piano per Natale?”, il gruppo di 40 musicanti guidati dal Maestro Francesco Carcello, guideranno il pubblico in un viaggio tra note, recitazione ed emozioni.

Ad accompagnare i brani in scaletta, infatti, saranno 3 giovani attori. Nei panni di due compagne di scuola e una giovane marionetta, saranno alle prese con i preparativi natalizi: Eleonora Moscelli, Letizia Di Gennaro ed Edoardo Cozzi.

Uno spettacolo firmato da giovani a tuttotondo, visto l’impegno degli under 30 della Filarmonica: i brani recitati sono stati redatti anche da Stefania Pini (clarinetto), la grafica è realizzata da Stefania Guarnera (sax soprano) mentre alcuni brani in scaletta sono stati arrangiati da Marco Ferrario (Eufonio).

Ad allietare i presenti con i loro assoli, altri due giovani del gruppo: Matteo De Bernardi al trombone per “Capriccio per Trombone e Banda” di Jan van der Waart e Aurora Avveduto al pianoforte per “Concerto Fantastico” di David Andrews.

Voci soliste saranno quelle di Elisa Tognella, Micol Iannetta, Stefania Guarnera, Davide Ancri e Marco Anzini. In scaletta, come consueto, brani di musica classica e moderna, tra cui “Ouverture in Miniatura” dallo Schiaccianoci di Čajkovskij, “Merry Christmas Everyone” di Shakin’ Stevens, “È stata Colpa Tua” di Edoardo Bennato, “Il Mio Solito Natale” con i brani natalizi mixati da Marco Ferrario, e tanti altri.

Entrata libera. Biglietti disponibili fino esaurimento scorte. Per informazioni: www.filarmonicadisacconago.it 




Non sprechiamo cibo, convegno a Milano organizzato da Whirpool: presente anche lo chef Cristina Bowerman

MILANO, 19 dicembre 2019-Mercoledì 15 gennaio dalle 11 alle 13 i più autorevoli interlocutori sul tema dello spreco alimentare si incontreranno a Milano nello spazio PRESSO di via Paolo Sarpi 60 per confrontarsi sulle strategie più efficaci per combatterlo. L’incontro, dal titolo “Non Sprechiamo il Cibo: per un’alimentazione più sostenibile” sarà anche l’occasione per presentare la quarta edizione di “Momenti da non sprecare, un percorso rivolto alle nuove generazioni in Italia e in Europa e alle loro famiglie con l’obiettivo di educare al consumo alimentare sostenibile.

All’incontro saranno presenti: Gilles MorelPresidente Whirlpool EMEA, l’On. Maria Chiara GaddaCommissione Agricoltura, Camera dei Deputati, Livia PomodoroPresidente Milan Center for Food Law and Policy, Giovanni BrunoPresidente Fondazione Banco Alimentare Onlus, Elena Buscemi Consigliere delegato a Lavoro e Politiche Sociali, Città Metropolitana di Milano, Andrea Segrè, Professore ordinario di Politica agraria all’Università di Bologna e Fondatore di Last Minute Market e Giulia BartezzaghiOsservatorio Food Sustainability, Politecnico di Milano.

Al termine dell’incontro la Chef Cristina Bowerman realizzerà uno showcooking per dimostrare come sia semplice creare nuovi piatti da scarti alimentari di precedenti preparazioni.