US workers file 853K jobless claims as COVID-19 slams labor market

NEW YORK December 10, 2020-American workers submitted 853,000 applications for unemployment benefits last week as a new wave of coronavirus lockdowns kept the labor market under pressure, the feds said Thursday.

The latest batch of initial jobless claims brought the total reported during the COVID-19 pandemic to roughly 70.5 million — a number larger than the combined populations of California and Texas, the nation’s two most populous states.

New filings surged from the prior week’s revised total of 716,000 and outpaced economists’ expectations for 720,000 as more parts of the country imposed restrictions to stem a record-setting spike in coronavirus infections.

The San Francisco Bay Area, for instance, started a month-long lockdown Sunday, and New York City officials have warned people vulnerable to the virus to stay home as much as possible.

Such measures could put added pressure on employers, while workers could suffer from the looming end of extended unemployment payments and other government benefits meant to help jobless Americans.

“The expiration of CARES Act programs will intensify economic damage from pandemic restrictions and a sputtering job market in the winter months,” Bloomberg economist Eliza Winger said. “An agreement on an extension before year-end expiry is essential in girding against a looming income shock.”

The US Department of Labor’s jobless claims data were just the latest sign that the labor market’s recovery from the pandemic has slowed since the robust rebound seen in the spring and summer.

The American economy added just 245,000 jobs in November, marking the fifth straight monthly slowdown in hiring amid an alarming resurgence of the coronavirus, the feds said last week.

But officials have cautioned that jobless claims are not as reliable an indicator of the labor market’s health as they are in normal times because the pandemic has distorted the Labor Department’s usual method of reporting the numbers.(www.rollingstone.com)




Neil Young rinuncia a fare causa a Donald Trump

VARESE, 9 dicembre 2020- La causa avviata da Neil Young contro Donald Trump per contestare l’utilizzo dei suoi brani durante i comizi del presidente è stata archiviata da un tribunale di New York: lo riporta il Guardian spiegando che lo stesso cantautore ha rinunciato all’azione legale “con pregiudizio”, il che significa che non potrà presentarla di nuovo. È possibile, commenta il giornale, che la controversia sia stata risolta in via extragiudiziale, anche se né la squadra del presidente né Young hanno rilasciato commenti.

Young aveva fatto causa all’inizio di agosto alla campagna di Trump accusandola di avere usato illegalmente due sue canzoni, ‘Rockin’ in the Free World’ e ‘Devil’s Sidewalk’, durante un comizio a Tulsa.
“In buona coscienza – aveva spiegato tra l’altro l’avvocato del musicista, Ivan Saperstein – Young non può consentire che le sue canzoni siano usate per una campagna divisiva e anti americana di odio e ignoranza”. I due brani erano stati suonati anche in occasione del comizio di Trump il 4 luglio al Monte Rushmore. (ANSA)

 

 




NASA says there’s more water than previously thought on the moon

NEW YORK october 26, 2020-There appears to be more water than previously thought on the moon — and the discovery could greatly help fuel deep-space exploration, NASA said Monday.

The water — which would be used for everything from drinking to the extraction of oxygen for astronauts to breath — is possibly trapped in “glass beads’’ about the size of a pencil tip in the moon’s soil, scientists said at a press conference.

“This discovery that water might be distributed across the lunar surface and not limited’’ to ice at the moon’s sunless poles, as the space agency had thought, raises the possibility that it could be “accessible as a human resource,’’ said Paul Hertz, NASA’s astrophysics director.

Enough water was detected in a cubic meter of soil outside the poles to fill a 12-ounce bottle, said Casey Honniball of NASA’s Goddard Space Flight Center in Greenbelt, Md.

She said it may have come from a combination of hydrogen molecules in the moon’s solar rings and oxygen in its soil.

We think the water is trapped in these glass beads … which protects and preserves them,’’ Honniball said.

“This discovery that water might be distributed across the lunar surface and not limited’’ to the moon’s sunless poles, as the space agency had thought, raises the possibility that it could be “accessible as a human resource,’’ said Paul Hertz, NASA’s astrophysics director.

Enough water was detected in a cubic meter of soil outside the poles to fill a 12-ounce bottle, said Casey Honniball of NASA’s Goddard Space Flight Center in Greenbelt, Md.

She said it may have come from the combination of hydrogen molecules in the moon’s solar rings with the oxygen in its soil.

“We think the water is trapped in these glass beads … which protects and preserves them,’’ Honniball said.

The discovery was made by a space laboratory above the moon known as SOPHIA, the Sratospheric Observatory for Infrared Astronomy, which definitively detected water’s “chemical fingerprint,’’ Hertz said.

A scientist speculated at a NASA press conference in 2009 that there was possibly enough water on the moon to support bases there so man could eventually planet-hop around the galaxy.

In 2018, the agency said there was definitely water — possibly ancient — in the form of ice around the moon’s poles.

Scientists determined the water was ice from the way it reflected light.

They said it formed at the poles because temperatures don’t go above minus 250 degrees there, since sunlight never reaches them, given the only slight tilt of the moon’s axis.

NASA said Monday that scientists still have to determine what form the newly discovered water is in, how much of it exists and whether it can be extracted.

“This is the core part of the question — we really need to understand about the water that’s present,’’ said Jacob Bleacher, head of the Human Exploration and Operations Mission Directorate at NASA.

“We need to understand what form it’s in, how much of it there is.

“It’s far easier to travel when you don’t have to carry everything with you for the entire trip,’’ Bleacher said in a nod to how crucial outer-space water supplies would be to widespread planetary travel.

“We know water exists” on the moon. “So finding water that’s easier to reach is really important to us.’’

The agency has said it will send the first woman along with a man to the lunar surface in 2020 to prepare for hopefully putting humans on Mars in the 2030s.




L’Ungheria ”caccia” malati terminali dagli ospedali per fare posto a pazienti Covid

VARESE, 6 maggio 2020-L’Ungheria ha dato ordine di liberare letti per malati Covid-19 negli ospedali pubblici, e di conseguenza migliaia di pazienti si sono trovati senza cure da un giorno all’altro. Si teme che persone con patologie terminali, tumori o altre malattie croniche siano state “buttate fuori”, finendo in strutture alternative o, talvolta a casa dai propri parenti. Lo riporta un articolo pubblicato oggi dal sito euronews.com 

La denuncia arriva da Human Rights Watch (HRW). L’Ong raccoglie la testimonianza di un’infermiera, Athina Németh, che si era impegnata a prendersi cura di dieci dei pazienti dimessi. Nove di loro, malati oncologici, sono morti. Uno di questi era stato mandato a casa con una ferita allo stomaco ancora aperta.




Racconti di viaggio ai tempi del coronavirus: ”Napoli-Cartagena, la mia esperienza erasmus”

CARTAGENA (Spagna)- LoopINN Hostels, 24 marzo 2020-di LIDIA IANUARIO-

Sono appena le nove e io sono sveglia già da un po’, ormai.

Mi rannicchio sotto il mio plaid azzurro, come il cielo e il mare della mia Napoli nonché della mia squadra di calcio del cuore, alzo gli occhi verso il balcone e osservo la pioggia che, inesorabile, scende da grossi nuvoloni grigi. In lontananza, il verso dei gabbiani e qualche bambino che chiama la sua mamma, scene di vita quotidiana rimaste lì, dietro questi vetri che ci separano, a causa del Covid-19, il virus che ha piegato in due non solo l’Italia, ma tutto il mondo.

Il tempo rappresenta lo stato d’animo di qualcuno.

Tutti all’erta sui Social, tra #andratuttobene e #iorestoacasa. Vi racconto la mia esperienza. Partita il 15 Febbraio da Volla, un paesino vesuviano del sud-Italia con la Ryanair, aeroporto di Capodichino, con scalo a Milano-Bergamo, arrivo ad Alicante sulla scala che l’Assistenza Amica riservata a noi disabili predisponeva per me. 

Mi volto intorno, trasportata su una sedia a rotelle, e tutto mi appare accogliente. Prenoto un taxi, che mi porta alla Florida, un ostello un po’ fuori dal centro. Addio a letti già fatti e comforts: le lenzuola sulle braccia distesi avanti e un :”Bienvenida” mi bastano. La sera mangio allegramente panino e patatine, rido e scherzo, sono felice e sorridente, grata del mio primo approccio con la movida spagnola.

Quei giorni sono stati l’ epoca d’oro rispetto a quello che poi accade. Ben tre settimane per immatricolarmi all’Univerdidad de Murcia, Campus Espinardo, a Murcia appunto, camere a prezzi esorbitanti da affittare e, infine, The Cathedral Hostel, l’unico posto a me familiare, con tanti ragazzi come me e la simpatica proprietaria, con cui mi capisco, nonostante lei non sappia nemmeno una parola di Inglese. È proprio lì che mi si affaccia, per la prima volta, un mondo inesplorato: stili di vita, abitudini alimentari, accenti e tanto altro, come bandiere colorate che campeggiano sui palazzi pubblici.

Poi, ancora, le chiese, la Messa in Spagnolo, gli artisti di strada, il Real Casino de Murcia e i tapas, questa è la mia Spagna. Così, un week-end decido di visitare Cartagena, città storica, che all’inizio è perfetta: solarium, vento e sole, lettura di libri, perfino una lezione di yoga, la spiaggia. Poi, improvvisamente, il decreto che mi costringe a restare in una “gabbia d’oro”, eppure, nonostante tutto, mi sento libera. A farmi compagnia, la cultura, il mio blog, http://opurtusillo.blogspot.com, e le mie dirette Facebook su #cosapossofareperlaltro. Ecco, questa è, per ora, la mia esperienza Erasmus di 40 giorni circa di permanenza qui in Spagna. Sì, la ripeterei ancora… col sapore del pesce fresco del ristorantino sulla spiaggia, il rumore delle onde e quel profumo che mi riporta alla mia amata costiera sorrentina. Hasta luego! (Tutti i diritti riservati)

redazione@varese7press.it

 




Virus cinese, i consigli dell’ Organizzazione Mondiale Sanità: “Per ora nessuna restrizione ai viaggi”

VARESE, 22 gennaio 2020-I coronavirus (CoV) sono una vasta famiglia di virus che provocano malattie che vanno dal comune raffreddore a malattie più gravi quali la Sindrome Respiratoria del Medio Oriente (MERS-CoV) e la Sindrome Respiratoria Acuta Grave (SARS-CoV). Un nuovo coronavirus (nCoV) è un nuovo ceppo che non è mai stato identificato prima negli esseri umani.

I coronavirus sono zoonotici, ovvero si trasmettono dagli animali all’uomo. Da indagini dettagliate si scoprì che la SARS-CoV fu trasmessa dagli zibetti agli uomini e la MERS-CoV dai dromedari agli uomini. Numerosi coronavirus noti circolano tra animali che non hanno ancora infettato esseri umani.

Il 31 dicembre 2019, l’Ufficio cinese dell’OMS è stato informato di casi di polmonite di eziologia sconosciuta (causa sconosciuta) rilevati a Wuhan, nella provincia di Hubei in Cina. Il 7 gennaio, le autorità cinesi hanno identificato un nuovo coronavirus (nCoV) come agente causale.

Il 10 gennaio, l’OMS ha pubblicato una serie di linee guida temporanee per tutti i Paesi circa le modalità per fare fronte a questo virus, tra cui monitoraggio delle persone affette, analisi dei campioni, cura dei pazienti, controllo delle infezioni nei centri sanitari, mantenimento delle giuste forniture e comunicazione sul virus al pubblico.

I sintomi d’infezione più comuni includono problemi respiratori, febbre, tosse, mancanza di fiato e difficoltà respiratoria. Nei casi più gravi, l’infezione può causare polmonite, sindrome respiratoria acuta grave, insufficienza renale e persino la morte.

Sulla base delle informazioni attualmente disponibili, l’OMS non raccomanda alcuna restrizione nei viaggi o nel commercio. Si incoraggiano gli Stati a continuare a rafforzare la preparazione alle emergenze sanitarie in linea con il Regolamento Sanitario Internazionale (2005).

 




Passaporto vaccinale per viaggiare all’estero: dalla Grecia alla Spagna alla Danimarca, sempre più paesi aderiscono

VARESE, 23 febbraio 2021-Un passaporto vaccinale per dimostrare che si è vaccinati, per poter viaggiare all’estero evitando restrizioni e quarantena.

Dopo un anno di limiti ai viaggi e frontiere chiuse torna in auge l’argomento passaporto vaccinale emerso a inizio pandemia, che ora sta diventando realtà per i viaggiatori.

La Grecia è pronta a introdurre questa novità, e altri Paesi come Spagna, Polonia, Danimarca, Estonia e Finlandia sono su questa strada. Nel frattempo le Seychelles sono diventate il primo paese al mondo a togliere l’obbligo di quarantena ai turisti che arrivano vaccinati, e Cipro ha in programma di introdurre il passaporto vaccinale entro la fine dell’anno.

L’iniziativa sembra trovi terreno fertile nei Paesi la cui economia si basa soprattutto sul turismo. L’allentamento delle misure per i viaggiatori che dimostrano di aver fatto il vaccino servirebbero quindi a dare una spinta alla ripartenza di questi Stati.(fonte money.it)




La Svizzera agli svizzeri, domenica referendum contro i migranti economici: a rischio centinaia di frontalieri

VARESE. 25 settembre 2020-La Svizzera agli svizzeri. Più o meno. Il prossimo 27 settembre si voterà il referendum sulla limitazione dell’accesso nel paese dei cosiddetti migranti economici.

Il governo elvetico, i sindacati e le associazioni religiose si sono detti a favore del “No”, ma molti cittadini sarebbero pronti ad esprimere il loro consenso al quesito posto dalla destra conservatrice. In poche parole il Paese diventa sempre più simile al Regno Unito. Con una piccola differenza.

Secondo Yves Nidegger, dell’udc, la Gran Bretagna era un membro dell’Unione europea. La Brexit ha suggellato un divorzio. Per la Svizzera, che non è membro Ue, saltano i trattati stipulati con Bruxelles, che dunque andranno completamente rivisti. Pur mantenendo un legame e un’amicizia.

Le conseguenze del referendum

La Svizzera infatti, pur non essendo membro dell’UE, ha aderito ad alcuni dei suoi principi fondamentali, come la libera circolazione delle persone. Ciò significa che i cittadini dell’Ue oggi, ma chissà domani, possono vivere e lavorare in Svizzera (Paese che aderisce anche al mercato unico) e viceversa per i cittadini svizzeri in altri Paesi dell’Unione.

Il referendum denominato “iniziativa di limitazione” domenica 27 settembre, cerca di fermare la libera circolazione dei cittadini dell’UE in Svizzera, rendendo difficile per le aziende assumerli. Il Partito popolare svizzero di destra (SVP) aveva previsto il voto per maggio, ma tutto è stato ritardato dalla pandemia COVID-19.

Gli elettori svizzeri decideranno il destino dei cittadini dell’UE che si trovano nei confini elvetici e inoltre voteranno per altri quattro referendum. Ovviamente anche i 460.000 cittadini svizzeri che vivono nell’UE non possono stare tranquilli. (it.euronews.com)




Assalto al Congresso degli Stati Uniti: 4 morti, 13 feriti e 52 persone arrestate. Si chiede la rimozione di Trump

VARESE, 7 gennaio 2021-Si aggrava il bilancio delle vittime in seguito agli scontri avvenuti ieri durante l’assalto al Congresso americano da parte dei sostenitori di Donald Trump. Oltre alla donna uccisa da colpi d’arma da fuoco esplosi da un agente del Campidoglio, altre tre persone sono morte per emergenze e complicazioni mediche.

Ora il bilancio é di 4 morti, 13 feriti e 52 persone arrestate, molte per violazione del coprifuoco. Intanto il sindaco di Washington ha esteso l’emergenza pubblica per altri 15 giorni, fino al 21 gennaio, il giorno dopo l’insediamento di Joe Biden, appuntamento per il quale si temono nuovi forti tensioni. E, dopo il no di Camera e Senato alla prima obiezione sul voto in Arizona, il Congresso è tornato a riunirsi e sta ora esaminando e contando i certificati dei voti del collegio elettorale, Stato per Stato.

Donald Trump è sempre più solo. L’ipotesi di invocare il 25/o emendamento per rimuoverlo si sta rafforzando nel gabinetto del presidente, anche se l’idea non è stata ancora ventilata al vicepresidente Mike Pence. Il 25/o emendamento della Costituzione prevede che il vicepresidente prenda i poteri nel caso il presidente muoia, si dimetta o sia rimosso dal suo incarico. D’accordo sulla rimozione anche alcuni leader repubblicani. Intanto si susseguono diverse dimissioni, dalla portavoce di Melania Trump al vice portavoce della Casa Bianca. E stanno valutando di lasciare anche il ministro dei Trasporti e il consigliere per la sicurezza Nazionale. Intanto Trump, che ieri è intervenuto con un video in cui ribadiva l’accusa di elezioni falsate invitando comunque i suoi fan a ‘tornare a casa’, è stato bannato temporaneamente dai principali social media, Twitter, Facebook e Instagram.

La condanna per l’assalto al Congresso statunitense è arrivata unanime da tutto il mondo. L’ex presidente Obama ha parlato di “grande disonore e vergogna” per gli Stati Uniti ma non “una completa sorpresa”. La violenza, ha detto, è stata “incitata da un presidente che ha continuato a mentire sul risultato delle elezioni”. “La violenza è incompatibile con l’esercizio dei diritti politici e delle libertà democratiche”, le parole del premier italiano, Giuseppe Conte. Parole di condanna sono arrivate anche da tutti i leader europei, da Macron a von der Leyen e Johnson. Protesta anche del mondo dello sport americano.




Ambiente, il Nobel Williams su Immagina difende la causa dell’amazzonia ecuadoriana

VARESE, 5 maggio 2020-“Tra il 1964 e il 1990, la Texaco oil ha deliberatamente sversato circa 17 milioni di galloni di petrolio greggio, scaricato 16 miliardi di galloni di acque reflue tossiche in fiumi e torrenti, e scavato centinaia di pozzi aperti nella foresta Amazzonica, per smaltirvi rifiuti pericolosi. La decimazione dell’ambiente che ne è conseguita è nota come ‘la Chernobyl dell’Amazzonia’, e le persone che vivono lì ne subiscono da allora le conseguenze”. E’ on line l’articolo scritto in esclusiva per Immagina da Jody Williams, premio Nobel per la pace nel 1997A difesa di Steven Dozinger,  il principale avvocato dell’accusa nel caso Chevron e delle popolazioni indigene dell’Amazzonia ecuadoriana.

“Lo scorso 17 aprile, 29 premi Nobel di varie categorie hanno rilasciato una dichiarazione a supporto della sentenza  – scrive Williams – che ha condannato la compagnia energetica Chevron a pagare 9,5 miliardi di dollari per aver inquinato l’Amazzonia ecuadoriana. Un’iniziativa di cui sono stato il primo promotore”.

Sul sito vengono ripercorsi le diverse tappe della storia dando una lettura ad ampio raggio su ciò che è accaduto: “Le azioni perpetrate contro l’ambiente, ovunque siano messe in atto, ci colpiscono tutti, ovunque”  è la riflessione da condividere.