Volontari AIC, vera risorsa in Lombardia in aiuto alle persone celiache

MILANO, 23 ottobre 2019-In Italia sono 6,63 milioni le persone che dedicano un po’ del loro tempo al volontariato secondo i dati Istat. Una scelta che non fa solo bene agli altri, ma anche a se stessi dal momento che, d’accordo con una ricerca pubblicata sull’edizione americana di Forbes, rende più felici. Inoltre, stimola la creazione di legami di fiducia e, non da ultimo, rappresenta un punto a favore del candidato nel curriculum.

Nella Regione che conta quasi un quinto dei celiaci italiani e che si estende su oltre 23 mila km2, avere un forte tessuto di volontari è fondamentale per diffondere la cultura gluten free e portare avanti iniziative su tutto il territorio, dalla Valtellina fino al mantovano passando per città come Milano, Bergamo e Brescia. Eppure, segnala AIC Lombardia, il rapporto fra volontari e associati in Regione è molto al di sotto rispetto alla media nazionale0,95% contro il 3,47%. Stando agli ultimi dati, sono infatti 5109 i lombardi iscritti ad AIC Lombardia e 49, il 5% del totale nazionale, le persone che dedicano una parte del proprio tempo alla promozione e all’implementazione di eventi quali partecipazione con punti di ristoro e informazione a manifestazioni podistiche, cene, convegni e tanto altro. Per questo, AIC Lombardia ha organizzato un corso, che si è tenuto a Milano il 5 ottobre, destinato ai nuovi volontari, così da rafforzare e dare nuova linfa alla squadra che si prende cura dei 36500 celiaci lombardi.

“I volontari sono il cuore pulsante dell’associazione, il punto riferimento per gli associati e, più in generale, per tutti i celiaci – spiega Isidoro Piarulli, presidente di AIC Lombardia – Senza la loro partecipazione attiva non potremmo realizzare i numerosi progetti che ci permettono di perseguire il nostro obiettivo: migliorare la qualità di vita dei celiaci che vivono in Lombardia, la Regione con più diagnosticati in Italia. Donare anche solo una mezza giornata l’anno per noi è tanto, si tratta sicuramente di un punto di partenza. È fondamentale avere volontari preparati, per questo organizziamo due corsi l’anno dedicati alle nuove leve. L’ultimo è stato il 5 ottobre scorso, mentre il prossimo è previsto per febbraio”.

L’iter da seguire per diventare volontari AIC Lombardia è molto semplice, basta prendere parte al percorso formativo: le porte sono aperte a tutti, l’unico requisito è essere soci perché significa credere fortemente nella causa dell’associazione. Nelle prime occasioni, i neo-volontari sono affiancati dai veterani, ma ben presto, soprattutto grazie alle conoscenze acquisite durante il corso, è possibile muoversi in autonomia. Un discorso  a parte lo meritano i referenti provinciali e di zona, che si occupano di  rappresentare l’associazione di fronte a istituzioni, privati e aziende locali e svolgono attività di mediazione a favore dei soci che risiedono in quel determinato territorio. In questo caso, serve avere un po’ di esperienza e conoscere AIC Lombardia da tempo così da poter guidare e coordinare gli altri volontari nel migliore dei modi.

Barbara Croci è una dei 18 referenti provinciali e opera sul territorio di Varese. È volontaria da 4 anni e ha scelto di entrare a far parte della squadra poco dopo aver scoperto di dover eliminare il glutine dalla sua dieta: “Sono l’unica celiaca in famiglia e, al momento della diagnosi, non conoscevo nessuno con questa patologia. È stato il mio gastroenterologo a indirizzarmi verso l’associazione e, da subito, mi sono resa conto del grande lavoro svolto da AIC Lombardia. In prossimità degli eventi abbiamo tanto da fare, ma le soddisfazioni sono ancor di più: ricordo ancora la prima volta che, a una manifestazione podistica, un ragazzo celiaco si è avvicinato al nostro punto di ristoro e ci ha guardato emozionato. Sorrisi come il suo ripagano qualsiasi sacrificio, ogni ora passata ad organizzare, chiamare e preparare. Il mio unico rammarico è che non siamo abbastanza a Varese, con più persone potremmo fare ancora di più per i celiaci della provincia”.

Con uno sguardo al futuro, AIC Lombardia sta dedicando grande attenzione anche al Gruppo Giovani, rivolto ai soci fra i 18 e i 35 anni. Il punto di vista dei ragazzi è, infatti, utile per sviluppare progetti adatti alle esigenze delle nuove generazioni come racconta la referente giovani di AIC Lombardia, Marta Fratantonio: “Attualmente, il Gruppo Giovani si incontra a livello nazionale una volta l’anno, nel corso della Settimana Nazionale della Celiachia, ma nuove attività sono in fase di sviluppo. Mi auguro che nei prossimi anni aumentino ancor di più le iniziative per supportare tutti quei ragazzi che, come me, hanno trovato in AIC Lombardia un prezioso alleato. Quando mi è stata diagnosticata la celiachia avevo solo 18 mesi, l’associazione è stata per i miei genitori un’ancora di salvezza e, oggi, è la mia. Essere volontaria e aiutare a far crescere il Gruppo Giovani è il minimo che io possa fare. Ai miei coetanei consiglio di intraprendere questa avventura: fare qualcosa per gli altri ti dà davvero tantissimo”.




Il cammino di Leonardo sulla via dell’ex Ducato di Milano: progetto con 540 km di percorsi

MILANO, 23 ottobre 2019-L’Associazione Cammino di Sant’Agostino, in sinergia con le istituzioni locali e numerosi Lions Club dei territori coinvolti, in occasione del 500° anniversario leonardesco ha inteso dare vita a un progetto turistico-culturale “emblematico” sul territorio dell’ex Ducato di Milano, denominato “Sentiero di
Leonardo”.

Trattasi di un percorso a piedi di 540 km da percorrersi il 26 giornate di cammino, che collega ad anello – con partenza e arrivo a Milano, tutti i luoghi lombardi, ticinesi e grigionesi connessi a vario titolo alla memoria di Leonardo da Vinci, per celebrarne in modo indelebile la memoria.
L’obiettivo è costituire col Sentiero di Leonardo un forte elemento di attrattiva culturale e turistica “lenta e sostenibile”, in un momento storico in cui la sostenibilità ambientale è più che mai al centro dell’attenzione. Tramite il Sentiero di Leonardo si vuole catalizzare – con le numerose testimonianze
leonardesche dei territori attraversati – l’interesse di un pubblico fruitore che sin d’ora sin d’ora si punta ad avere di tipo sovranazionale (sia europeo che extraeuropeo), considerando che – proprio al fine di rendere il Sentiero di Leonardo un polo attrattivo e di valorizzazione a lungo termine della Lombardia – non a caso il suo percorso transita anche dall’Aeroporto internazionale di Milano Malpensa.
Queste le 26 tappe dei 540 km del percorso: Milano, Gorgonzola, Trezzo sull’Adda, Imbersago, Lecco, Mandello del Lario, Bellano, Colico, Piantedo, Samolaco, Chiavenna, Madesimo, San Bernardino (CH),
Lostallo (CH), Bellinzona (CH), Lugano (CH), Ponte Tresa, Sacro Monte di Varese, Castiglione Olona, Busto Arsizio, Turbigo, Abbiategrasso, Vigevano, Zerbolò, Pavia, Certosa di Pavia, Milano.
I notevoli elementi di interesse delle 26 tappe sono degnamente rappresentati da una guida cartacea, che sarà pubblicata dall’Opificio Monzese delle Pietre Dure il prossimo 4 novembre 2019 a descrivere i due ambiti del percorso di 540 km: il tratto orientale di 240 km da Milano alle Alpi e a San Bernardino, il tratto occidentale e pavese di 300 km, da San Bernardino a Milano. Dal punto di vista dei “grandi emblematici” che caratterizzano il Sentiero, è opportuno almeno riassumere i seguenti:
1. Oltre 50 luoghi storici di diretta memoria leonardesca;
2. 5 siti UNESCO visitati (Milano, Crespi d’Adda, Bellinzona, Sacro Monte di Varese, Castelseprio);
3. Almeno 30 castelli medievali viscontei-sforzeschi;
4. Sette Province lombarde (MI, BG, MB, LC, SO, VA, PV) e due Cantoni svizzeri coinvolti (TI e GR);
5. Il Tema dell’Acqua: 4 Navigli, due grandi fiumi lombardi, il Lago di Como e il Ceresio;
6. Il Tema del Romanico: oltre 40 testimonianze di altissima valenza presenti sul Sentiero;
7. Il Tema delle numerose Ville di Delizia (tra tutte, Villa Melzi a Vaprio che ospitò Leonardo);
8. Il Tema delle Alpi, camminate sino allo spartiacque alpino italo-svizzero, allo Spluga.
Il tutto a valorizzare la figura di Leonardo da Vinci nel lungo periodo in maniera oggettivamente unica e con grande valenza attrattiva, insieme ai tanti aspetti artistici, culturali, paesaggistici e ambientali di Regione Lombardia, rendendola finalmente dotata di uno strumento indelebile, coerente e unitario a testimoniare la presenza per oltre 25 anni sul proprio territorio della grande figura del Genio di Vinci.




Successo per incontro su fibromialgia in Regione. Monti: ”Ci siamo attivati per fornire cure e assistenza”

MILANO, 6 novembre, 2019 – “Fino a qualche anno fa parlare di fibromialgia non era facile, era qualcosa che i medici non riconoscevano, che le autorità scientifiche non volevano riconoscere. Oggi, grazie anche all’impegno di Regione Lombardia, le cose stanno cambiando”.

Così Emanuele Monti (Lega), Presidente della III Commissione Sanità e Politiche Sociali di Regione Lombardia, sul convegno promosso oggi al Pirellone proprio dalla Commissione Consiliare, dal titolo “Fibromialgia: il paziente al centro”, che ha visto una larghissima partecipazione (la sala strapiena e una seconda sala per seguire i lavori in videoconferenza) e la presenza di relatori di alto livello scientifico.

“La fibromialgia è una forma di dolore muscoloscheletrico diffuso, che colpisce oltre un milione di persone in Italia – spiega Monti – le quali fino a poco tempo fa non ricevevano la giusta considerazione. Le cose sono cambiate soprattutto grazie all’azione politica portata avanti da molte regioni, tra cui Regione Lombardia. Io come Presidente della Commissione Sanità della Regione più importante d’Italia ho voluto fortemente questo convegno per dare ancora più evidenza a questa patologia, che deve essere riconosciuta”.

“A livello regionale, attraverso il nostro servizio sanitario – sottolinea il Presidente della Commissione – e in particolare i centri di reumatologia, ci siamo attivati per fornire cure e assistenza, portiamo avanti le politiche che sono di nostra competenza. Tuttavia è necessario un passaggio ministeriale affinché questa patologia venga riconosciuta definitivamente anche a livello nazionale e possano quindi essere sbloccate quelle attività importanti per curare chi soffre di fibromialgia”.

“Il convegno scientifico di oggi è un passaggio importantissimo – continua l’esponente della Lega – e serve anche per dare un forte segnale al governo centrale. A livello territoriale stiamo invece facendo partire una rete di informazione, per promuovere la conoscenza tra i cittadini e negli ambiti lavorativi di questa patologia”.

“Un esempio importante di quello che è necessario fare – prosegue – è portare la giusta conoscenza di questa patologia nel mondo del lavoro, per evitare il rischio di discriminazioni. Penso alle donne, tra le quale questa patologia è molto diffusa, che possono avere problemi sul posto di lavoro e rischiano di subire un trattamento ingiusto per il non riconoscimento della loro patologia”.

“Il convegno arriva dopo un anno cruciale – conclude Monti – durante il quale la Commissione Sanità ha lavorato per creare nuovi percorsi di assistenza per questa categoria di malati, che senza l’interessamento delle Regioni sarebbe stata lasciata sola a se stessa”.




Convegno su bullismo a scuola alla Sala Pirelli del Consiglio Regionale

MILANO, 14 novembre 2019 – Bullismo a scuola, inclusione e socializzazione: questi i temi della mattinata di studio organizzata per domani dal Consiglio regionale, in collaborazione con l’Unione Famiglie Adottive Italiane (UFAI) e il MIUR.
Il binomio scuola-adozione è ricco di risorse – ha spiegato il Vice Presidente del Consiglio regionale, Carlo Borghetti, che si è fatto promotore dell’iniziativa e che aprirà i lavori – tanto più in un momento storico e sociale come questo, in cui l’integrazione dei bambini diventa un tema sensibile anche per il benessere della collettività e l’efficacia dell’istituzione scolastica”.
Nel corso dell’incontro si parlerà anche di una recente ricerca di UFAI sul bullismo e di metodo “empatico”, da utilizzare a scuola con gli alunni adottati da parte di docenti, dirigenti ed operatori.

Sono previsti interventi di psicologi, esperti di diritto e dirigenti scolastici oltre ad alcune video testimonianze recitate.

Il workshop si tiene domanivenerdì 15 novembre, nella sala Pirelli del Consiglio regionale, via Fabio Filzi 22dalle 9.30 alle 13.




Codice rosso e violenza domestica di genere: convegno a Palazzo Pirelli

MILANO,18 ottobre 2019 – Venerdì 18 ottobre Palazzo Pirelli ospiterà il convegno “Codice rosso” e violenza domestica e di genere” promosso dal Consiglio regionale e dal garante per la tutela delle vittime di reato.

Nell’occasione saranno dibattute e approfondite le novità introdotte con la legge 19 luglio 2019, n. 69, conosciuta come Codice rosso, che modifica la disciplina penale della violenza domestica e di genere, corredandola di inasprimenti di sanzione. E’ prevista anche un’accelerazione per l’avvio del procedimento penale su vari reati, tra i quali: maltrattamenti in famiglia, stalking, violenza sessuale anche sui minori e porno-revenge con l’effetto che saranno adottati più celermente eventuali provvedimenti di protezione delle vittime.

In apertura dell’evento, che si terrà a Palazzo Pirelli-Sala Gonfalone (ore 9-13), a fare gli onori di casa con i saluti istituzionali a relatori e ospiti convenuti, sarà il Vice Presidente del Consiglio regionale Carlo Borghetti.

Seguiranno gli interventi dell’ex Sottosegretario al Ministero della Difesa On. Jacopo Morrone; dell’Assessore alla Sicurezza di Regione Lombardia Riccardo De Coratodella prima firmataria della legge regionale 22/2018 istitutiva dell’Authority di Garanzia la Consigliera regionale Viviana Beccalossi; della Garante regionale per la tutela delle vittime di reato e Presidente dell’Osservatorio Nazionale Sostegno Vittime Elisabetta Aldrovandi; della criminologa forense Roberta Bruzzone; del Presidente dell’Osservatorio Violenza e Suicidio Stefano Callipo e dello Psichiatra criminologo esperto in psicologia comportamentale Andreas Aceranti. Moderatrice del dibattito la giornalista di Affari Italiani Barbara Ciabò.




BergamoScienza: il premio Nobel Karl Berry Sharpless chiude questa edizione

BERGAMO 19 ottobre 2019-Chiude domani, domenica 20 ottobre, dopo 16 giornate di incontri, conferenze, dialoghi e spettacoli dedicati alla scienza, la XVII edizione di BergamoScienza.

Con un linguaggio chiaro e accessibile a tutti, scienziati di fama internazionale hanno coinvolto il vasto pubblico del festival proponendo soluzioni per affrontare le complesse sfide ambientali e sociali della società contemporanea.

La chiusura di questa edizione di BergamoScienza sarà affidata al Premio Nobel per la Chimica 2001 Karl Barry Sharpless, padre della click-chemistry – sistema che permette di sintetizzare sostanze complesse in modo semplice e rapido – scoperta che ha rivoluzionato il mondo farmaceutico avvicinandolo alla green-chemistry, un approccio chimico che riduce al minimo l’inquinamento ambientale.

Domenica 20 ottobre alle ore 17, nell’incontro I segreti della scoperta: cosa accomuna i grandi scienziati?, il chimico condurrà il pubblico in un viaggio alla scoperta dei segreti della creatività scientifica. Indipendentemente dal loro campo, i migliori scopritori condividono alcune particolari caratteristiche, come la tendenza a trovare cose nuove e la capacità di essere attratti sempre dall’ignoto.




Scontro tra autobus ATM e camion raccolta rifiuti: 12 feriti, grave una donna di 49 anni

MILANO, 7 dicembre 2019-Uno scontro tra mezzi pesanti di Atm, l’azienda dei trasporti milanese. e di Amsa, la ditta che si occupa della raccolta di rifiuti, ha causato il ferimento di  persone e il coinvolgimento di altre 12 in via Egisto Bezzi a Milano. Sul filobus della linea 90 si trovavano 15 persone e l’autista di uno dei due veicoli, per quanto cosciente, è rimasto incastrato nell’abitacolo.

L’impatto con il mezzo dell’Amsa sarebbe stato così forte che il filobus dell’Atm sarebbe stato sbalzato dalla corsia preferenziale su quella normale. E’ ancora da chiarire la dinamica dell’incidente. Una persona, all’arrivo dei soccorritori, era in arresto cardiaco ed è stata rianimata sul posto e trasportata all’ospedale Sacco dove è in gravi condizioni.

Una donna di 49 anni, è stata sbalzata dal mezzo ed è ricoverata in stato di coma. Il conducente del bus, secondo il 118, un uomo di 47 anni, ha riportato un trauma cranico commotivo ma non è in condizioni gravi. Altre nove persone hanno subìto contusioni e un’altra la sospetta frattura del femore.

E’ di 18 persone coinvolte, di cui 12 in ospedale, il bilancio definitivo del 118 dell’incidente, sei persone sono state curate sul posto.(ANSA)




Il varesino Attilio Pavin tra i protagonisti alla Scala di Milano

MILANO, 4 dicembre 2019-Quattro opere d’arte in pane realizzate dai panificatori volontari di Pane in piazza saranno donate il 7 Dicembre in occasione della trasmissione in diretta dal Teatro alla Scala di ‘Tosca’ per l’inaugurazione della stagione lirica milanese, all’Ospedale Niguarda per la sala MediCinema Italia, al Museo del Fumetto Spazio Wow, al Mic Museo Interattivo del Cinema, al Pio Albergo Trivulzio a cura dell’associazione Amici del Trivulzio Onlus e alla sede del Municipio 9 nell’ambito del progetto Prima Diffusa.

Il disegno dell’opera di pane “Rosetta Alla Scala” è stato realizzato dall’architetto Francesco Giubileo.

In particolare, all’ospedale Niguarda, nell’intervallo dello spettacolo che si potrà seguire nella sala MediCinema del Blocco Nord al Piano -1, Pane in Piazza offrirà anche al pubblico di degenti e visitatori una degustazione a base di pane, donato dal Panificio Ticozzi di Milano, e olio, grazie alla collaborazione con AIBI, Associazione Italiana Bakery Ingredients e Assitol, Associazione Italiana dell’Industria Olearia, sponsor di Pane in piazza.

La Rosetta “Alla Scala”

Pane in piazza, organizzato da Famiglia Marinoni e  Frati Missionari Cappuccini di piazzale Cimitero Maggiore 5 a MIlano, tornerà a Maggio 2020 in piazza Duomo per la terza edizione, con lo stesso obiettivo: raccogliere fondi per costruire un grande panificio a Dire Dawa in Etiopia e dare così lavoro e cibo ai giovani e ai poveri. Da Novembre 2018 grazie ai proventi delle passate edizioni, nella città della Diocesi di Harar, guidata dal Cappuccino Mons. Angelo Pagano,  è già attivo un forno dove lavorano due ragazzi etiopi che sono stati formati in Italia; ogni giorno l’attività di Tewodros e Abiy produce 100 kg di pane dei quali 2/3  va ai 150 bambini dell’orfanatrofio St.Augustin di Dire Dawa e ai 1.500 ospiti dell’Istituto delle Suore di Madre Teresa di Calcutta.

“Le iniziative per l’inaugurazione del Teatro alla Scala, momento clou della vita milanese, vogliono dare impulso al sentimento di solidarietà che oggi lega i milanesi ai fratelli etiopi più poveri attraverso il pane – spiegano Fra Marino Pacchioni e Cesare Marinoni -. Ci auguriamo così che il nostro messaggio porti sempre più interesse e generosità al nostro progetto benefico”.

I fornai che ‘firmano’ le opere omaggiate sono Attilio Pavin di Varese, Luca Piantanida di Biella e Nicola Guerra di Bari.

 

 




Tante sorprese alla Galleria Borromea con il ritorno di Galleria On Ice

Peschiera Borromeo 21 novembre 2019 – Galleria Borromea nei mesi di novembre e dicembre ha in serbo per i visitatori tante sorprese.

Tra le novità di quest’anno verrà inaugurato in anticipo il tanto atteso Galleria On Ice. La piazza centrale dello shopping center dal 21 novembre si trasformerà, come di consueto, in una vera e propria pista di pattinaggio sul ghiaccio, aperta al pubblico fino al 28 Febbraio 2020.

Tutti i visitatori potranno cimentarsi pattinando nell’area dedicata trascorrendo momenti di divertimento, dal lunedì al venerdì dalle 16.00 alle 20.00 e sabato domenica e festivi dalle ore 10.00 alle ore 20.00. Sarà possibile inoltre noleggiare pattini in loco e usufruire di uno sconto dedicato, presentando la Style Card, la carta fedeltà di Galleria Borromea.

Da non perdere anche la giornata di domenica 24 novembre: Galleria Borromea festeggerà il suo ottavo compleanno. Un’occasione speciale per celebrare l’anniversario della nascita del centro commerciale tutti insieme.

Durante il party che si terrà al secondo piano dalle ore 15.00, verranno presentati e premiati i tre vincitori del concorso “Fai shopping e vinci”, conclusosi lo scorso 17 novembre, che riceveranno in ordine: un soggiorno di 7gg per 2 persone in pensione completa nell’ Eco resort 5 stelle Alborea Eco Lodge in Puglia, una Bici Elettrica, un carnet di buoni acquisto da 500 Euro da spendere nei negozi di Galleria Borromea. Seguirà il taglio della torta realizzata per l’occasione dall’Ipercoop del centro.

Ma le sorprese non finiscono qui…Il Natale infatti arriverà presto a Galleria Borromea! Durante il periodo natalizio dall’1 al 24 dicembre, all’interno del centro commerciale saranno presenti i classici mercatini di Natale e al secondo piano, verrà allestito il tradizionale Villaggio di Natale, che quest’anno riserverà tante novità e sarà ancor più luminoso e ricco di attrazioni per i visitatori di ogni età. Nei sabati e domeniche di dicembre fino a sabato 21 e domenica 22, Babbo Natale e Mamma Noel incontreranno, scatteranno foto e regalano caramelle ai più piccoli e a tutti i visitatori che vorranno trascorrere momenti di svago cullati dall’atmosfera natalizia. A Galleria Borromea il Natale quest’anno si potrà respirare ad ogni angolo, facendo immergere grandi e piccini nel clima unico, tipico della festività più attesa dell’anno.

Galleria Borromea Shopping Center si conferma ancora una volta come luogo di aggregazione sociale, di promozione di buone pratiche e di iniziative ludiche e culturali, favorendo manifestazioni del territorio e coinvolgendo visitatori di ogni età.

GALLERIA BORROMEA

Situato a Peschiera Borromeo, nel quadrante sud-est dell’hinterland milanese, il centro commerciale Galleria Borromea è stato inaugurato nel novembre del 2011 ed è rapidamente diventato il destination point per lo shopping di qualità nel suo bacino d’utenza, con 4,5milioni di ingressi all’anno. L’offerta commerciale include un ipermercato, una moderna food court con 10 proposte di ristorazione e 80 negozi con brand di fascia medio-alta. La struttura offre numerosi servizi che migliorano l’esperienza di shopping, aree eventi, area custodita per bambini e zone relax, Wi-Fi Free gratuito, info point e dispone di un parcheggio gratuito su 3 livelli con circa 1.500 posti auto.

www.galleriaborromea.it




Il Presidente Fontana e assessore Caparini in Cina e Uzbekistan: ”Dobbiamo favorire lo sviluppo imprenditoriale lombardo”

MILANO, 17 novembre 2019-Missione istituzionale in Cina, a Shanghai, e in Uzbekistan, per il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, e l’assessore al Bilancio, Finanza e Semplificazione, Davide Caparini.
“Obiettivo del viaggio – spiega il governatore – favorire lo sviluppo imprenditoriale lombardo e avviare una collaborazione universitaria nel campo della ricerca in questi Paesi”.

Nella prima tappa, che prevede l’arrivo domani a Shanghai, la delegazione lombarda partecipera’ anche all’inaugurazione del Salone del Mobile in programma a Shanghai, dal 20 al 22 novembre allo Shanghai Exhibition Center.

Nei giorni susseguenti sono previsti incontri istituzionali anche il Uzbekistan.

Il rientro e’ programma per domenica prossima.