Con progetto Libellula a Milano le aziende contro le discriminazioni di genere

MILANO, 14 ottobre 2019-Progetto Libellula, promosso da Zeta Service, ad oggi vede coinvolte 30 aziende e oltre 50.000 collaboratori, distribuiti sull’intero territorio nazionale e in tutti i settori dell’economia.
Il premio sarà il riconoscimento dell’impegno costante delle aziende per diffondere una cultura di rispetto che possa arginare il fenomeno della violenza e sarà l’occasione di raccogliere le testimonianze di cosa significa agire in azienda per creare consapevolezza sugli stereotipi di genere e andare oltre gli stereotipi di genere nel proprio mondo professionale per seguire la propria passione dando valore al proprio talento.
L’evento sarà occasione per conoscere gli sviluppi della ricerca sulla discriminazione di genere nelle aziende, avviata da Progetto Libellula dal 2016 e i prossimi eventi in programma.
Programma
10:00
Saluti e apertura incontro moderato da Valeria Ciardiello, giornalista e conduttrice televisiva
Lamberto Bertolé
Presidente del Consiglio Comunale di Milano
Beatrice Uguccioni
Vicepresidente del Consiglio Comunale di Milano
Il volo della Libellula
Debora Moretti
Ideatrice del Progetto Libellula
Quando la Libellula arriva in azienda. La storia di Eataly.
Testimonianza di Vera Valtancoli
HR Director – Eataly
Dietro quali stereotipi si nasconde la violenza?
Aggiornamenti dalla ricerca del Progetto Libellula
Giorgia Ortu La Barbera, Coordinatrice scientifica Progetto Libellula
Silvia Rigamonti, Project Leader & Network Development
Chef: sostantivo femminile. Storie di donne stellate.
Viviana Varese
Chef stellata, ristorante VIVA – Eataly
Aziende coraggiose, consegna dei riconoscimenti alle aziende entrate nel Progetto Libellula



Lugano e tutto il Canton Ticino ha festeggiato il nuovo anno senza incidenti

LUGANO, 1 gennaio 2020-Lugano ha salutato il nuovo anno con circa 20.000 persone a festeggiare nelle vie e piazze cittadine. Come ha riferito la polizia comunale alla RSI, Piazza Riforma e Piazza Manzoni erano stracolme di gente in festa, al punto da arrivare a “occupare” in allegria le vie adiacenti fino a Piazza Rezzonico. Gli agenti sono stati molto sollecitati durante il Capodanno, ma solo per interventi minori, legati all’abuso di alcol e all’euforia del momento. Da segnalare, tuttavia, il fermo di una persona in città che stava tentando di utilizzare euro falsi.

Piazza Grande gremita con festeggiamenti che si sono svolti tranquillamente. Stessa cosa  a Locarno e in Piazza del Sole a Bellinzona.

Il portavoce della polizia cantonale Renato Pizzolli ha confermato che si è trattato di un 1° gennaio sostanzialmente tranquillo in tutto il cantone, senza che si siano verificati eventi fuori dalla norma in relazione ai festeggiamenti. (RSI.CH)




Al raduno regionale premiate Guardie Ecologiche varesine per intervento al Campo dei Fiori

SESTO SAN GIOVANNI, 20 ottobre 2019- Si sono riunite oggi al Parco Nord oltre 700 Guardie Ecologiche Volontarie (GEV) provenienti dalle provincie, dai parchi, dalle comunita’ montane, dalle citta’ della Lombardia, per la ‘Giornata delle Guardie Ecologiche volontarie della Lombardia’.

Un’occasione per celebrare il riconoscimento del ruolo delle Gev con l’assessore all’ambiente e Clima di Regione Lombardia Raffaele Cattaneo.

“Con questa giornata Regione Lombardia vuole valorizzare l’operato della Gev – ha sottolineato l’assessore Cattaneo – rafforzare lo spirito di appartenenza al servizio, condividere le esperienze piu’ significative, rinsaldare il rapporto con la Regione e indirizzare l’attivita’ delle GEV al servizio dei cittadini attraverso azioni diffuse di educazione ambientale, la valorizzazione del territorio, il recupero ambientale e la promozione di comportamenti consapevoli”.

“La sostenibilita’ ambientale – ha proseguito Cattaneo – e’ una delle priorita’ della Giunta Regionale. In questo contesto si colloca anche la valorizzazione del servizio delle GEV, con l’obiettivo di aprirlo ai piu’ giovani e alle nuove leve”.

“Abbiamo avviato con le Gev un lavoro di rilancio del servizio, concretizzato con l’approvazione della Delibera di Giunta che da’ l’avvio all’aggiornamento della Legge regionale del 2005. La nuova proposta di legge e’ il frutto del lavoro fatto insieme
alle Gev: non abbiamo voluto stravolgere l’impostazione della legge esistente, ma aggiungere temi nuovi, come la tutela della biodiversita’”.

“Abbiamo voluto mantenere un impianto sussidiario – conclude l’assessore – favorendo l’organizzazione dal basso del lavoro, in collaborazione con gli enti gestori e sostenere la
partecipazione dei cittadini della difesa del patrimonio naturale. In questo contesto, e’ stato evidenziato anche il ruolo fondamentale delle Gev in azioni di educazione ambientale, di
formazione, di custodia della natura e di vigilanza della tutela dell’ambiente”.

PREMIAZIONI – Durante l’evento l’assessore Cattaneo ha premiato 20 Gev per anzianita’ di servizio (uno di loro e’ operativo ininterrottamente dal 1980) e di eta’ (Gev di oltre 80 anni) per il costante impegno dimostrato nel corso degli anni in cui ha svolto questa attivita’ esemplare.

RICONOSCIMENTI – Sono stati anche consegnati riconoscimenti a sei Enti, che hanno svolto azioni significative ed esemplari del lavoro delle Gev a tutela dell’ambiente e al servizio dei
cittadini:
– Comune di Inverno e Monteleone (PV): intervento in occasione dell’incendio all’impianto rifiuti di Corteolona del 2018 e rinvenimento discarica abusiva a Villanterio del 2019
– Parco Campo dei Fiori (VA): intervento in occasione di due incendi, nel 2017 e 2019
– Comune di Cremona: campagna di informazione e di educazione relativa alla raccolta differenziate nel periodo 2015-19
– Comune di Milano: supporto logistico e organizzativo durante l’adunata nazionale degli Alpini del 2019
– Comunita’ Montana del Piambello (VA): interventi di salvataggio fauna (cavallo e capriolo)
– Parco Nord Milano: intervento di protezione civile a Ceva (CN) in occasione dell’alluvione del 1994.

UN ESERCITO DI VOLONTARI – Sono oltre 2000 le Guardie Ecologiche Volontarie presenti sul territorio della Lombardia. In Lombardia, questo servizio e’ stato istituito gia’ nel 1980 ed e’ disciplinato dalla Legge regionale n. 9/2005.

ATTIVITA’ DELLE GUARDIE ECOLOGICHE – Le Gev hanno il compito di salvaguardia dell’ambiente favorendo la partecipazione dei cittadini alla difesa del patrimonio naturale e paesistico. Si occupano principalmente della vigilanza ecologica, della vigilanza sull’ambiente, tutela della biodiversita’, segnalazione di comportamenti contro l’ambiente, collaborazione con le autorita’ in occasione di disastri ambientali.




La gente ha votato: verrà restaurata La Fontana del Delfino a Bergamo

BERGAMO, 11 ottobre 2019 – La sfida vera e propria, negli ultimi giorni si è combattuta fra Torino, con la Statua di Artemide, e Bergamo, con la Fontana del Delfino ma, alla resa dei conti, la vittoria se l’è aggiudicata la Lombardia, con ben 404.905 voti per quella che è considerata “il cuore” di Bergamo Bassa.

Un’opera stupenda che non passa inosservata da chi si accinge alla più celebre Città Alta e che si trova proprio partendo da via Pignolo, uno dei borghi più antichi e caratteristici della città lombarda.

Di origine cinquecentesca, in marmo bianco e di ottima fattura con la sinuosità delle sue linee, la Statua del Delfino rappresenta, su una stele, un possente tritone dalla due code di pesce che cavalca un delfino da cui zampilla l’acqua, come dalle bocche delle due maschere di divinità marine scolpite sui fianchi della colonna.

Un vero peccato che il tempo abbia offuscato tanta bellezza ma, ora, grazie ai voti e grazie alla forte e importante iniziativa di Sanex, potrà ritornare ad essere un nuovo e straordinario punto di riferimento artistico e culturale per Bergamo.

“Una bella vittoria che dimostra, ancora una volta, che quando si parla di patrimonio pubblico la città, e non solo, è attenta e risponde in modo attivo con una grande partecipazione. Siamo felici  – dice Nadia Ghisalberti Assessore alla Cultura del Comune di Bergamo – di aver vinto e di aver così garantito il restauro della Fontana del Delfino, ma ancora più contenti perché la competizione ha fatto conoscere questo angolo di città affascinante e pure poco conosciuto: incrocio tra quattro vie storiche dei borghi più antichi, alle porte di Città Alta e a 300 metri dai nostri tesori artistici, l’Accademia Carrara e la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea.

L’Amministrazione comunale di Bergamo esprime tutta la sua riconoscenza a Sanex e a Fondaco Italia che, in modo innovativo, hanno scelto una strategia di marketing che valorizza il patrimonio storico e artistico nazionale”.

“Sanex Libera l’Arte è un’attività che ha incontrato un interesse ed una partecipazione ben oltre le nostre aspettative.  – dice Riccardo Ricci Vice President e General Manager Southern Europe di Colgate-Palmolive – Stringere un legame forte con i cittadini valorizzando un’opera che dona bellezza ad una città come Bergamo tutti i giorni, rappresenta l’ambizione di Sanex di dare bellezza e protezione alla pelle di tutti ogni giorno. Sanex e Fondaco Italia resteranno vicini a Bergamo durante l’esecuzione dei lavori di restauro e si confronteranno su come dare seguito in futuro ad un’attività di grande successo per il nostro marchio e per le comunità sul nostro territorio”.

“Questa vittoria, ma anche l’altissima partecipazione degli italiani a questa “avventura”, – dice Enrico Bressan Presidente di Fondaco Italia – ha dimostrato come l’interesse per l’arte sia sempre molto alto e quanto ogni iniziativa per mantenerlo al meglio sia supportato da una grande partecipazione. Un successo, quello della fontana del Delfino che non potrà che accentuare l’attenzione e l’entusiasmo su quanto si può e si deve fare per preservare tutte le meraviglie di cui siamo circondati. Desidero ringraziare tutte le Istituzioni che hanno partecipato con grande entusiasmo e dato vita ad un appello incessante per il voto e il mondo del web che ha risposto con altrettanta energia (basti vedere la tabella finale dei voti qui sotto evidenziata) decretando il successo di questa iniziativa fortemente voluta dal gruppo Colgate-Palmolive, per lanciare il marchio Sanex in Italia ”.

Nei prossimi giorni verrà presentato il progetto di restauro al Comune di Bergamo ed alla Soprintendenza. L’appuntamento ora è per il prossimo mese di gennaio per svelare l’opera restaurata con una grande festa a Bergamo.

Una gara avvincente, suggellata non solo dall’amore per l’arte ma anche e, soprattutto, da quello per la propria città. Una valanga di voti sono stati la risposta degli italiani alla gara indetta dal marchio  Sanex, del Gruppo Colgate-Palmolive, per “regalare” un meraviglioso restauro a una delle 8 opere d’arte proposte e appartenenti a 5 regioni d’Italia: Lombardia, Piemonte Emilia Romagna, Toscana e Lazio.

Per realizzare questa idea di comunicazione inconsueta, Sanex, marchio della cura persona, con una linea di bagnoschiuma e deodoranti sicuri sulla pelle, formulati riducendo al minimo gli ingredienti chimici e appositamente studiati per mantenere la pelle sana, si è affidata a Fondaco Italia, società di comprovata esperienza nel campo della valorizzazione dei beni culturali.

Dal 9 settembre al 9 ottobre 2019, con un semplice click sul sito www.sanex.com/it-it, tutti i cittadini italiani hanno potuto votare la loro opera preferita dandole così modo di tornare all’antico splendore sostenendo, al contempo, la valorizzazione del patrimonio storico-artistico del nostro Paese.

VOTI E CLASSIFICA

1° Bergamo        n° 404.905          42,9%

2° Torino             n° 375.459          39,8%

3° Firenze            n°   68.516            7,3%

4° Milano            n°   58.324            6,2%

5° Parma             n°   23.648            2,5%

6° Amatrice        n°     6.079            0,6%

7° Monza            n°     4.856            0,5%

8° Roma              n°     1.643            0,2%




Riaperti Musei di Solferino, San Martino e Vittoriale sul Garda

MILANO, 25 maggio 2020- L’assessore regionale all’Autonomia e Cultura, Stefano Bruno Galli, si è recato ieri al Museo di Solferino e San Martino e successivamente al Vittoriale degli Italiani a Gardone Riviera.

“La giornata odierna è stata particolarmente significativa – ha sottolineato l’assessore Galli -. Ho infatti inteso così manifestare la mia sincera ammirazione, la mia vicinanza e il mio sostegno, a queste due importanti istituzioni del sistema culturale lombardo”.

AL VITTORIALE GRANDE IMPEGNO E MASSIMA SICUREZZA PER VISITATORI – “Il Vittoriale ha aperto i battenti, con grande sacrificio, lunedì 18 maggio scorso – ha aggiunto l’assessore – ed è rimasto aperto per tutta la settimana. Di fronte ai numeri della prima settimana di apertura, il presidente Guerri mi ha comunicato che valuterà se limitare le aperture ai fine settimana. Nella giornata odierna sono stati 200 circa i visitatori. Il Vittoriale, che era in netta crescita (+43% rispetto all’anno scorso), ha infatti pagato un ‘pedaggio’ oltremodo oneroso al lockdown in termini di mancati introiti. In base a un calcolo approssimativo ha perso oltre 1.200.000 euro. In ogni caso, sono stato accolto con affetto ed entusiasmo e ho verificato tutto l’impegno degli operatori per garantire la massima sicurezza dei visitatori. Con molta prudenza e ragionevolezza, ha aperto solo il parco, ma non la Prioria”.

APERTI  MUSEI SOLFERINO E SAN MARTINO, ANCHE APP INNOVATIVA – “Il complesso monumentale di San Martino della Battaglia, della Rocca e del Museo di Solferino – ha aggiunto l’assessore regionale all’Autonomia e Cultura – che ha riaperto proprio oggi registrando 50 visitatori, conserva intatto tutto il suo fascino e celebra quest’anno il 150 esimo anniversario della costruzione della Rocca. I Musei di Solferino e San Martino sono peraltro circondati da splendidi parchi, dov’è possibile trascorrere qualche ora in grande sicurezza, lontano da assembramenti, tra la bellezza del lago di Garda e le colline moreniche dell’alto mantovano. Si tratta di uno dei musei di storia risorgimentale più importanti a livello nazionale. Per Regione Lombardia è sicuramente il più importante e sarebbe opportuno che si assumesse la regia per la valorizzazione tematica di tutti i musei risorgimentali lombardi, attraverso la costruzione di una rete. L’impegno dei musei di Solferino e San Martino durante la pandemia è stato importante poiché ha offerto visite virtuali, rubriche digitali e percorsi on line molto seguiti. Ma sono andati avanti sulla strada delle tecnologie informatiche. Adesso che ha riaperto i battenti, con il proprio cellulare sarà possibile scaricare una App innovativa per essere guidati nel percorso museale, che a San Martino prevede anche spiegazioni interattive tramite QR Code. Si tratta di un ricorso alle nuove tecnologie che indubbiamente aumenta l’attrattività del museo e potenzia l’offerta culturale”.

LA SFIDA DELLA RIAPERTURA – “Una strada che dovrebbe essere seguita anche da altri musei nella prospettiva – ha concluso Galli – almeno nell’immediato, di poter contare solo sulla domanda interna, dunque sul visitatore lombardo. Ciò comporta un lavoro serio e consapevole sull’attrattività che non può prescindere dal ricorso all’innovazione dei criteri espositivi e di allestimento museale, ma anche alle nuove tecnologie informatiche. Solo così è possibile affrontare la sfida della riapertura con un margine di ragionevole sicurezza”.




Inaugurato stand Lombardia alla Borsa Internazionale del Turismo

MILANO, 9 febbraio 2020-”Il 2019 è stato un anno di successo. La Lombardia è una meta privilegiata per il turismo italiano ed internazionale grazie alle sue montagne, ai laghi, alle città d’arte, alle tradizioni e ai percorsi enogastronomici. Un driver fondamentale per l’economia dei territori, un volano per lo sviluppo che sta dando grandi risultati, visto che gli arrivi sino a settembre del 2019 sono stati più di 14 milioni, con una crescita del 5,8% rispetto al 2018, e le presenze hanno toccato quota 36 milioni, con un +7,5%. Un risultato eccezionale reso possibile grazie alla sinergia tra istituzioni, territori e operatori di settore”.

È questo il messaggio che ha lanciato l’assessore al Turismo, Marketing Territoriale e Moda di Regione Lombardia, Lara Magoni, all’inaugurazione dello stand di Regione Lombardia alla BIT, la Borsa Internazionale del Turismo, in programma a Milano fino a martedì 11 febbraio. All’evento sono intervenuti anche l’assessore alle Politiche Sociali, Abitative e Disabilità, Stefano Bolognini e il sottosegretario alla Presidenza con delega ai Rapporti con le Delegazioni Internazionali Alan Christian Rizzi, alla presenza di una folta rappresentanza del Corpo Consolare di Milano e della Lombardia. Allo stand di Regione Lombardia ha presenziato anche il sottosegretario di Stato al Turismo, Lorenza Bonaccorsi.

Sono ben 64 gli operatori lombardi presenti alla Borsa Internazionale del Turismo; professionisti del settore e visitatori saranno accolti dalla Regione in un’area espositiva di oltre 700 metri quadrati brandizzata #inLombardia.




Luigi Lugiato, fisico di fama internazionale, premiato dalla ”sua cittá” Legnano

LEGNANO, 5 novembre 2019 – È un fisico di fama internazionale. E nel giro di poche settimane ha ricevuto tre diversi riconoscimenti.

Stiamo parlando di Luigi Lugiato, 75 anni, professore emerito all’Università dell’Insubria, un passato da docente in diversi atenei (Milano, Torino, Como e Varese), celebre in tutto il mondo per il contributo significativo allo studio della bistabilità ottica, che a San Antonio, in Texas, gli è stato assegnato il Quantum Electronics Award 2019 della Ieee Photonics Society, la grande organizzazione statunitense degli ingegneri elettrici ed elettronici.

Lugiato che ieri, a Glasgow, all’Università di Strathclyde, ha ricevuto anche il dottorato ad honorem in Scienze. E oggi la città di Legnano (Milano), dove risiede da anni con la famiglia, l’ha premiato nel giorno del santo patrono, San Magno, con la benemerenza civica.

  In particolare, Lugiato si è dedicato alla formazione di strutture spaziali ottiche e solitoni di cavità, elaborando il modello che ha preso il nome di Lugiato-Lefever e fornendo il prototipo per la formazione di strutture spaziali ottiche. A ritirare il premio oggi a Legnano è stato il figlio Paolo, advisor di Auditel, che, commosso, ha detto: “È stato fondamentale, nel mio percorso di crescita umana e professionale, poter avere l’esempio di un padre tenace, perfezionista e mai pago dei risultati raggiunti. Non ho seguito le sue orme nel mondo della fisica. Io sono un dirigente d’impresa. Ma la passione che papà ha profuso nella ricerca a scientifica è la stessa che ha animato il mio percorso manageriale, dalla consulenza all’industria dei beni di consumo, dal settore dell’energia rinnovabile a quello dei media, dove opero oggi con grande entusiasmo e curiosità intellettuale, come ho sempre visto fare a lui”.




Covid-19, via libera del Consiglio regionale al pacchetto di 3 miliardi per fronteggiare l’impatto economico provocato dall’emergenza

MILANO, 4 maggio 2020 – Tre miliardi per lo sviluppo, un pacchetto di risorse destinato agli investimenti per fronteggiare l’impatto economico legato all’emergenza scaturita per il COVID -19.

Sono le cifre e gli obiettivi della legge 121 (relatore Marco Colombo della Lega) approvata oggi all’unanimità dal Consiglio regionale che avrà ricadute su sanità, infrastrutture, viabilità, sviluppo sostenibile, dissesto idrogeologico e digitalizzazione.  Queste  le misure previste: 51.350.000 euro per le Province, 348.650.000 euro ai Comuni, 2.470.000.000 euro per interventi per la ripresa economica, 130.000.000 euro per investimenti strategici.

Vengono inoltre stanziati 10.000.000 euro per la produzione di dispositivi medici e di dispositivi di protezione individuale e 82.000.000 sono destinati al personale sanitario che ha combattuto in prima linea l’emergenza Coronavirus.  Le risorse sono ripartite nel triennio: 83 milioni nel 2020, 2 miliardi e 787 milioni nel 2021 e 130 milioni nel 2022.

Per il relatore del provvedimento Marco Colombo la legge “e’ coraggiosa perché rappresenta un acceleratore per la ripresa economica. Si tratta di un provvedimento che interviene per dare risposte perché mette nelle mani degli enti locali 400 milioni, soldi che saranno spesi direttamente dai sindaci che amministrano il territorio e dunque ne conoscono le urgenze e le esigenze. Mettiamo ulteriori risorse inoltre per incrementare gli incentivi al personale sanitario: in questo modo la giusta e generosa Lombardia vuole dimostrare loro non solo grande riconoscenza ma anche forte vicinanza”.

Sono stati 122 gli emendamenti inizialmente presentati sul provvedimento (nella stragrande maggioranza di minoranza) ma, come ha annunciato il Capogruppo del PD Fabio Pizzul , in seguito al confronto con maggioranza e Giunta che ha recepito alcuni indirizzi, un’ottantina di proposte emendative sono state ritirate prima dell’inizio delle votazioni. Una ventina gli ordini del giorno collegati.
Tra le proposte accolte si segnala  l’ordine del giorno del PD (capogruppo Fabio Pizzul) che stabilisce una condivisione delle risorse che saranno smobilizzate in accordo con le Commissioni consiliari e i territori interessati. Via libera anche a un odg del Movimento 5 Stelle (Monica Forte) per una programmazione coordinata per la sicurezza sui luoghi di lavoro; alla richiesta di sospendere per il 2020 le tasse di successione per tutte le persone beneficiarie di eredità a causa della perdita di parenti per COVID-19 (Gianluca Comazzi capogruppo di Forza Italia); a prevedere maggior flessibilità per il congedo parentale per un convivente nel caso in cui entrambi i genitori di un figlio con meno di 14 anni siano impossibilitati a svolgere la proprie mansioni lavorative da remoto (Franco Lucente, Fratelli d’Italia) e all’impegno a privilegiare le somme non ancora assegnate alle amministrazioni comunali della prima “zona rossa” e a quelle con la maggior percentuale di tasso di mortalità (Roberto Anelli, Lega).

Nelle dichiarazioni di voto, sia PD che M5S (Pizzul e Fumagalli) hanno sottolineato il voto favorevole alla manovra “corretta e importante” ma hanno lamento  il metodo e la programmazione con la quale la Giunta si è rapportata con il Consiglio e le Commissioni “con poca condivisione”. Per Viviana Beccalossi (Gruppo Misto) il provvedimento è in grado di muovere le microeconomie del territorio, mentre i capigruppo di Forza Italia e Lega – Gianluca Comazzi e Roberto Anelli – hanno parlato di “legge straordinaria per rilanciare l’economia lombarda”.




Whirlpool chiude defintivamente stabilimento a Napoli:’ ”Dal governo nessun segnale incoraggiante”

PERO,15 ottobre 2019 – A seguito dell’incontro odierno presso Palazzo Chigi, avvenuto alla presenza del Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte e del Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli, Whirlpool EMEA prende atto con grande rammarico della mancata disponibilità da parte del Governo a discutere il progetto di riconversione del sito. Tale progetto, come più volte sottolineato, rappresenterebbe l’unica soluzione in grado di garantire la salvaguardia occupazionale e la sostenibilità nel lungo periodo dello stabilimento di Napoli. Come infatti già presentato nei mesi scorsi, Whirlpool EMEA durante l’incontro odierno ha ripercorso le opzioni alternative alla riconversione, non sostenibili nel medio-lungo termine.

Vista l’impossibilità di una discussione sul merito del progetto di riconversione e i mesi di incontri che non hanno portato ad alcun progresso nella negoziazione, l’Azienda, come comunicato durante la riunione a Palazzo Chigi, si trova costretta a procedere alla cessazione dell’attività produttiva, con decorrenza 1 novembre 2019.

Come già ribadito, nonostante ingenti investimenti realizzati negli ultimi anni, lo stabilimento di Napoli non è più sostenibile per via di una crisi strutturale. Il sito opera infatti al di sotto del 30% della capacità di produzione installata a causa del drastico declino della domanda di lavatrici di alta gamma a livello internazionale e di congiunture macroeconomiche sfavorevoli, condizioni non previste né in alcun modo prevedibili al momento della sottoscrizione del Piano Industriale del 25 ottobre 2018.

 La disponibilità confermata oggi dal Governo e quella inclusa nel decreto per la risoluzione delle crisi aziendali sono misure non risolutive e che non possono incidere né sulla profittabilità del sito di Napoli nel lungo periodo, né sulla competitività di Whirlpool nella regione EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa).

 Whirlpool EMEA tiene a ribadire la strategicità dell’Italia, dove sono impiegate circa 5.500 persone e dove l’Azienda ha realizzato investimenti significativi nel corso degli anni, arrivando a costruire la più forte presenza produttiva del settore. In questo contesto, Whirlpool EMEA confida nella continua collaborazione con il Governo italiano per supportare la propria forte presenza nel Paese e per garantire che gli investimenti rendano i propri impianti competitivi per il mercato globale.




Convivere con i propri figli ai tempi del coronavirus: i consigli di Terre des Hommes 

VARESE, 26 marzo 2020-L‘emergenza Coronavirus ha determinato, a livello globale, un cambiamento epocale per tutti, colpendo non solo la sfera sanitaria, ma anche quella psicologica ed emotiva delle persone, con ripercussioni maggiormente rischiose soprattutto per le categorie più fragili. Ci sentiamo esposti alla minaccia di un nemico nuovo e invisibile, qual è il COVID-19, e questa percezione di pericolo può favorire vissuti d’ansia, che potrebbero trovare terreno fertile soprattutto in un momento in cui la richiesta delle autorità è quella di rimanere a casa in quarantena. È la prima volta che nella storia della Repubblica Italiana viene adottata una misura cautelativa di questo tipo, che ha portato nelle case degli italiani non solo l’isolamento, ma uno stravolgimento delle proprie abitudini e delle routine dei propri figli.

La convivenza forzata e l’impossibilità di uscire e dedicarsi alle attività abituali possono essere, infatti, fattori stressanti, soprattutto se protratti nel tempo. Inoltre, la perdita dell’organizzazione dei propri tempi e spazi – sia fisici che relazionali – può destabilizzare i più piccoli, soprattutto quando fanno fatica a dare significato a quello che sta succedendo. Per questo motivo Terre des Hommes – che è da sempre in prima linea al fianco dei bambini – grazie all’aiuto dei suoi psicologi esperti in emergenze lancia un decalogo di buone prassi per dare il giusto sostegno psicologico a tutti i genitori che si trovano ad affrontare l’emergenza Coronavirus in casa con i propri figli. E per far sì che il giusto sostegno raggiunga tutte le famiglie, senza discriminazioni di provenienza, sul sito www.terredeshommes.it è disponibile il documento tradotto in 5 lingue (inglese, francese, spagnolo, arabo e portoghese). Terre des Hommes sta attivando con gli stessi psicologi una helpline dedicata ai medici dell’Ordine Provinciale dei Medici di Milano.

Anche in questa situazione di emergenza si riafferma l’importanza di continuare a lavorare su due assi fondamentali: ascoltare e fare rete. Per questo Terre des Hommes e Fondazione Geronimo Stilton annunciano la propria collaborazione e sono pronte a unire le forze per poter rispondere in modo concreto ai bisogni della rete ospedaliera del territorio nazionale come già fatto in Lombardia, ma anche per offrire un servizio rivolto alle famiglie e ai più piccoli, mettendo a loro disposizione dei contenuti interessanti e coinvolgenti per accompagnare queste lunghe giornate.

 

10 SUGGERIMENTI PER VIVERE AL MEGLIO AL TEMPO DEL CORONAVIRUS:

1)     NON ESPORRE E I TUOI FIGLI A UN FLUSSO COSTANTE D’INFORMAZIONI

Una delle caratteristiche della pandemia di Covid-19 è la grande mole di informazioni disponibili su media a social. Un primo consiglio è quello di non esporre e i tuoi figli a un flusso informativo costante: informarsi poche volte al giorno, facendo riferimento solo alle fonti autorevoli, può aiutare a controllare l’ansia.  Nel farlo, occorre tenere presente che la situazione è in divenire, quindi non è possibile conoscere tutti gli sviluppi della ricerca scientifica. Occorre dunque avere fiducia nel lavoro che migliaia di medici e ricercatori stanno facendo, non solo in Italia.

2)     SPIEGA AI TUOI FIGLI LA SITUAZIONE IN MODO SEMPLICE, EVITANDO TONI ALLARMISTICI

È normale che bambini e adolescenti facciano molte domande su questa emergenza. Parlare con loro li aiuta a comprendere la situazione, per questo motivo è importante spiegare quanto sta succedendo, usando parole semplici e adatte ad età e livello di maturazione, evitando di lasciarli da soli di fronte alle notizie che possono apprendere da tv, social ed amici. Soprattutto per i più piccoli è importante evitare l’esposizione ai toni allarmistici e a immagini terrificanti.

3)     MOSTRATI SEMPRE DISPONIBILE ALL’ASCOLTO PER EVITARE DI TRASMETTERE ANSIA

I bambini percepiscono le paure e le ansie degli adulti quindi è utile che, in quanto genitore, ti mostri sempre disponibile all’ascolto, provando a mantenere equilibrio e serenità, a beneficio tuo e di tuo figlio.

4)     DI’ SEMPRE AI TUOI FIGLI LA VERITÀ CON LA GIUSTA EMOTIVITÀ

Sminuire o nascondere la verità ai bambini è un atteggiamento che li manda in confusione e può amplificare le loro paure, suggerendo che sta succedendo qualcosa che è così grave che va nascosto o di cui non si può parlare. È preferibile dire ai bambini la verità con la giusta emotività, aiutandoli a capire che se si adottano buone norme di comportamento è possibile evitare il contagio. Rassicurazioni generiche che invitano a stare calmi e tranquilli non sono riescono a contenere il loro malessere. È preferibile rassicurarli dicendo che tutti, in famiglia e fuori, stanno prendendo le misure adeguate per proteggersi.

5)     CERCA DI MANTENERE I CONTATTI CON I FIGLI ANCHE IN CASO DI SEPARAZIONE FORZATA

È molto importante mantenere la vicinanza dei bambini ai loro genitori anche in caso di separazione forzata. Per esempio, se dovesse essere necessaria una ospedalizzazione o l’autoisolamento, laddove possibile è utile garantire un contatto telefonico.

6)     FAI MANTENERE I CONTATTI CON PARENTI O AMICI ATTRAVERSO IL TELEFONO

Anche se non ci si può incontrare, è possibile mantenere contatti con i nonni o con gli amici attraverso il telefono o le diverse applicazioni a diposizione. Sentire la vicinanza dei cari è molto importante e garantirsi occasioni di incontro può rassicurare tutti sul fatto che si sta bene. I bambini possono aver sentito spesso che il virus colpisce soprattutto gli anziani. Considerate che possono aver sperimentato una forte angoscia di perdere i nonni o gli stessi genitori. Spesso è una paura difficile da mettere in parola: presta quindi attenzione a cogliere eventuali segnali di disagio.

7)     SE TUO FIGLIO MANIFESTA UN MALESSERE PASSA PIÙ TEMPO CON LUI GIOCANDO

È possibile che i bambini, soprattutto i più piccoli, esprimano il disagio manifestando irritabilità, necessità di contatto, agitazione. Possono diventare particolarmente piagnucolosi e, in alcuni casi, fare la pipì a letto. È utile aiutarli a esprimere il loro malessere: il gioco o il disegno sono i loro strumenti di fronteggiamento dello stress. Passa più tempo con tuo figlio impegnandoti in queste attività insieme a lui.

8)     CREA NUOVE ROUTINE INSIEME AI TUOI FIGLI

A causa della quarantena, bambini e adolescenti non possono più fare affidamento su una organizzazione del loro tempo e dei lori spazi. Per quanto possibile, è importante mantenere alcune routine, creandone di nuove. La quarantena può essere un momento in cui beneficiare del tempo che normalmente non hai a disposizione. Sfruttalo in maniera creativa e generativa, facendo in modo che sia il tempo della relazione e non dell’autoisolamento sui social o attraverso l’utilizzo dei diversi devices presenti a casa. Disegnare, raccontare una storia, ascoltare musica o creare piccoli manufatti sono in primo luogo occasioni per stare insieme. Alcune attività quali disegnare o fare dei lavoretti sono normalizzanti perché riproducono quanto viene fatto a scuola e possono rassicurare tuo figlio, riportandolo a prassi usuali. Per i bambini e gli adolescenti che hanno bisogno di stancare il corpo, sono utili le attività di movimento che possono essere fatte anche a casa. Non trascurare l’uso di paste modellabili: la manipolazione serve a sciogliere la tensione e un effetto benefico si può raggiungere anche impastando pane o pizza. Numerosi psicologi dell’età evolutiva hanno creato delle storie che sono disponibili online per spiegare il Coronavirus ai bambini. Cercale e leggile insieme a tuo figlio: da sempre le fiabe sono un modo per combattere la paura.

9)     OFFRI A TUO FIGLIO STRATEGIE ALTERNATIVE PER AFFRONTARE LA SITUAZIONE

Come gli adulti, bambini e adolescenti possono adottare strategie disfunzionali di fronteggiamento dell’ansia o di contrasto alla noia. Potresti notare, per esempio, la tendenza ad assumere più cibo o a fare spuntini frequenti e numerosi. Se questo succede, prova ad offrire a tuo figlio strategie alternative, mostrandoti disponibile ad impegnare il tempo della quarantena in maniera produttiva, mantenendo disponibilità all’ascolto ed essendo pronto a parlare del momento che state vivendo. È importante mantenere le routine di cura e igiene personale, anche se si sta a casa. Non si tratta di prassi frivole, ma di modi concreti di prendersi cura di sé, dedicandosi la giusta attenzione. Bere qualcosa di caldo, fare un bagno, mettere una crema, sono tutti modi per distendersi. Se normalmente tu e tuo figlio meditate, continuate a farlo: si tratta di una pratica efficace contro lo stress.

10)  SE TI SENTI IN DIFFICOLTÀ NON ESITARE A CONTATTARE UN ESPERTO, ANCHE ONLINE

Provare ansia e sentirsi stressati è normale in questo momento. Se senti di non riuscire a gestire le tue emozioni o riscontri difficoltà in tuo figlio, non esitare a contattare un esperto che può aiutarti a far fronte alla situazione, anche online. Diverse ricerche internazionali hanno dimostrato l’efficacia del supporto psicologico da remoto.

È doveroso ricordare che ognuno di noi può fare qualcosa per proteggersi dal rischio di contagio ed evitare la diffusione del Coronavirus, a partire dal rispetto delle norme igieniche di prevenzione indicate dagli esperti e delle regole varate dalle Autorità competenti.