1

La ministra Azzolina si congratula con Paolo Franzato, insegnante e regista teatrale varesino

VARESE, 6 luglio 2020-Nei giorni scorsi il regista e pedagogo teatrale Paolo Franzato, nella sua qualità di professore abilitato e specializzato, ha ricevuto un attestato di stima dalla Ministra dell’Istruzione Onorevole Lucia Azzolina con una lettera densa di gratitudine per il suo impegno profuso nelle intense attività inclusive che svolge quotidianamente a scuola.

Tale lavoro lo ha persino visto promotore della norma a tutela degli alunni con disabilità all’interno dell’ultimo Decreto Scuola approvato a giugno dalla Camera dei Deputati e subito firmato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Paolo, che oltre alla intensa e celebre attività di Pedagogia Teatrale riconosciuta a livello

Paolo Franzato

internazionale che svolge da 35 anni, è anche vincitore di ben tre concorsi ministeriali e docente di ruolo presso la Scuola Secondaria di Cuasso, ha curato personalmente un lungo iter per il riconoscimento di specifici diritti relativi all’inclusione che ha visto la sinergia del Dirigente Scolastico Domenico Portale dell’Istituto Comprensivo Statale “Don Milani” di Bisuschio, dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Varese e i relativi referenti Bes e Inclusione, con il sostegno di vari enti sociosanitari del territorio. Una battaglia vinta sul fronte dei Diritti tradotta nell’iter legislativo, al cui vertice del Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione vi è il Dott. Bruschi che, destino vuole, è stato docente di legislazione scolastica di Franzato all’Università Milano Bicocca.

Per Paolo, che già in precedenza aveva ricevuto un ringraziamento dal Vice Ministro Anna Ascani, è un motivo di grande fierezza che si aggiunge ad un anno già particolarmente gratificante dopo il conseguimento a febbraio della Laurea Magistrale in Psicologia Clinica quale suo 14° titolo di studio (di cui il 9° accademico).




“Abbiamo ragione da vent’anni”, i fatti di Genova raccontati dal movimento

VARESE, 25 giugno 2021-Molto interessante il libro “Abbiamo ragione da vent’anni” (People tracce edizioni) scritto da Carlo Gubitosa e illustrato da Mauro Biani, con i contributi di Haidi Giuliani e Lorenzo Guadagnucci, sui vent’anni del G8 di Genova e allo spirito del Social Forum che contestò l’agenda dei grandi leader del pianeta.

A vent’anni dalla protesta del G8 di Genova, il movimento per la globalizzazione dei diritti può dimostrare dati alla mano di aver avuto ragione sulle stragi di migranti, i costi umani e ambientali del capitalismo, i danni della finanza transnazionale, la spesa militare, le guerre “umanitarie” e la repressione del dissenso. Per trasformare le ragioni del 2001 e la memoria del “movimento no-global” in un’agenda sociale per il 2021, Gubitosa e Biani tracciano e disegnano la direzione che unisce le piazze di vent’anni fa alle iniziative di lotta che guardano al futuro. Un manuale di resistenza civile per chi a Genova c’era e non si è stancato di ribellarsi, o chi non c’era e vuole cominciare a farlo, recuperando proteste e proposte rimaste attuali oggi come allora. Perché un mondo diverso è ancora possibile, e sempre più necessario.




Il Circolo degli Artisti di Varese compie 100 anni: domenica grande festa al Salone Estense

VARESE, 9 giugno 2021-Il Circolo degli artisti di Varese celebra i cento anni della fondazione con una cerimonia pubblica in programma domenica prossima 13 giugno, alle 16.30 , nel Salone Estense del Palazzo comunale di via Sacco.

Con un anno di ritardo sulla ricorrenza, provocato dall’emergenza Covid, sarà presentato il volume “Cento anni di storia, arte e costume attraverso il Circolo degli artisti di Varese”, che contiene il materiale della mostra che si sarebbe dovuta tenere un anno fa nella sede dei Musei civici di Villa Mirabello e che se, come tutti ci auguriamo, riusciremo a uscire dall’emergenza pandemica, sarà allestita nella stessa sede nel 2022. A far gli onori di casa nel Salone Estense sarà il sindaco Davide Galimberti mentre spetterà a Matteo Inzaghi, direttore di Rete55,  il compito di condurre l’evento a cui parteciperanno, con il presidente del Circolo Antonio Bandirali, il presidente onorario professor avvocato Ferruccio Zuccaro e il segretario Paolo Musajo Somma di Galesano, gli amici del Circolo che, sotto la regìa di Antonio Bandirali, hanno collaborato alla stesura del volume e all’allestimento, per il momento  virtuale, della mostra. I contenuti del libro sono firmati da Chiara Ambrosoli, Alberto Bertoni, Fausto Bonoldi, Enrico Brugnoni, Daniele Cassinelli, Raphael De Vittori Reizel, Mario Chiodetti, Robertino Ghiringhelli, Matteo Inzaghi, Laura Lozito Zanzi, Maurizio Lucchi, Franco Prevosti, Silvio Raffo e Francesco Spatola.

Con l’originaria denominazione di “Amici dell’arte di Varese”, il Circolo nacque il 26 giugno del 1920, giorno in cui fu costituita l’associazione che, negli anni successivi, prese i nomi di “Cenacolo artistico” e”Raduno delle arti” per rinascere, come Circolo degli artisti, nel 1945.  Attorno al primo presidente, l’avvocato Edoardo Chiesa, e al primo segretario, il fondatore e direttore della “Cronaca Prealpina” Giovanni Bagaini, si unirono nell’impresa i maggiori pittori e scultori varesini dell’epoca, come Giuseppe Montanari, Domenico De Bernardi,  Federico Gariboldi, Innocente Salvini,  Enrico Butti, Daniele Scola, Lia Ambrosoli, Alessandro Pandolfi, Donato Gramegna e Arturo Tosi. Promotori della rinascita dopo la tragedia della Seconda guerra mondiale furono lo stesso Montanari con De Bernardi e lo scultore Angelo Frattini, a cui è intitolato il Liceo artistico varesino. Primo presidente fu l’avvocato Aldo Lozito, che potè contare sull’apporto di alcuni intellettuali di primo piano tra cui Luigi Ambrosoli, Leopoldo Giampaolo e Dante Isella.

 

 




Nuovo portale rete bibliotecaria provinciale: tante novitá a partire dal 23 giugno

VARESE, 16 giugno 2021-Un’importante novità per gli utenti delle 130 biblioteche della Rete Bibliotecaria Provinciale: dal 23 giugno sarà attivo il nuovo portale retebibliotecaria.provincia.va.it, una piattaforma innovativa non solo per l’aspetto grafico, ma soprattutto per i contenuti.

Non si tratta infatti di un semplice restyling, ma di un nuovo progetto, in cui è compresa anche l’attivazione di un nuovo software gestionale, che mette in evidenza e valorizza il ruolo della biblioteca e dei servizi che offre alla comunità, con una maggiore attenzione al coinvolgimento attivo dei cittadini.

“Questa nuova piattaforma rispecchia l’immagine completamente rinnovata delle biblioteche, non più solo depositarie del sapere, ma luoghi in cui la cultura nasce e si diffonde e le persone si incontrano, anche virtualmente – afferma il vicepresidente e consigliere delegato Alessandro Fagioli – . Il nuovo portale, frutto di un lungo e complesso lavoro coordinato dal settore Cultura della Provincia, permette proprio di creare una biblioteca interattiva, che non solo offre servizi ai cittadini, ma a cui i cittadini possono partecipare e creare valore aggiunto per la comunità. Ringrazio tutti coloro che hanno contribuito a questo grande obiettivo e che continueranno a farlo crescere in futuro”.

Un risultato che arriva alla fine di un periodo difficile, in cui le biblioteche hanno sempre cercato di rappresentare un punto di riferimento e di assicurare l’apertura delle sedi e i servizi, anche nei modi più creativi: dalla consegna a domicilio dei libri per i lettori, alla “quarantena” dei documenti, alla consegna dei libri agli utenti tramite un cesto da calare dall’alto, se la biblioteca è al secondo piano….

Il nuovo portale rappresenta un ulteriore strumento per l’implementazione del ruolo strategico che le biblioteche svolgono per lo sviluppo culturale, ma anche sociale ed economico della società. Come dichiara il Manifesto Unesco: “le biblioteche … sono la via di accesso locale alla conoscenza e costituiscono la condizione essenziale per l’apprendimento permanente, l’indipendenza nelle decisioni, lo sviluppo culturale dell’individuo e dei gruppi sociali”.

Accedendo al nuovo portale, già a colpo d’occhio gli utenti noteranno notevoli differenze rispetto al sito sinora utilizzato, a partire dall’home page che pone attenzione al progetto grafico, colorato, dinamico e partecipativo.

L’accesso appare più intuitivo, benché i contenuti siano molteplici e articolati.

Il portale è integrato infatti con una serie di risorse per il cittadino: con un unico accesso, senza dover navigare in siti diversi, sarà possibile reperire più semplicemente tutte le informazioni sui molteplici servizi offerti dalle biblioteche.

Tra le novità presenti nell’home page:

  • sarà possibile effettuare la preiscrizione alla Rete Bibliotecaria Provinciale, sempre gratuita, come tutti i servizi di base
  • si potrà consultare e prenotare materiale cartaceo e multimediale, leggere i quotidiani e altro materiale digitale sulla piattaforma MLOL MedialibraryOnLine, accedendo al catalogo on line delle biblioteche, che contiene oltre un milione di documenti catalogati, sia cartacei che multimediali
  • gli iscritti alla Rete Bibliotecaria Provinciale potranno prenotare il materiale d’interesse 7 giorni su 7 h24, tra il materiale posseduto da 130 biblioteche del territorio
  • all’atto della prenotazione on line, si potrà selezionare la consegna del materiale richiesto presso la propria biblioteca di riferimento, con il servizio di prestito interbibliotecario il materiale sarà consegnato nella biblioteca richiesta; tutti i passaggi saranno tracciati grazie al nuovo software gestionale

e, soprattutto:

  • si potranno trovare immediatamente informazioni, orari e contatti delle biblioteche, con aggiornamenti in tempo reale gestiti direttamente dai bibliotecari, oltre ad informative sui servizi bibliotecari
  • saranno indicati gli eventi organizzati dalle biblioteche e sarà possibile conoscere tutte le attività e le iniziative che ruotano intorno al libri, alla cultura, al tempo libero e a quell’esperienza affascinate che è la lettura
  • verranno attivate le funzioni interattive del nuovo sito, ossia la possibilità da parte degli utenti, ovviamente su base volontaria, di votare e recensire i libri/film
  • la nuova sezione forum/community permetterà un’interazione degli utenti tra di loro e con i bibliotecari, oggi semplicemente inimmaginabile.

“L’introduzione della nuova piattaforma e del nuovo software gestionale porterà sempre di più i Sistemi Bibliotecari a una maggiore integrazione e collaborazione, a “fare sistema”, oltre ad acquisire una nuova autoconsapevolezza e visione del territorio e dei vari servizi erogati” aggiunge Fagioli.

Nei prossimi giorni sarà purtroppo inevitabile qualche disagio: la migrazione delle banche dati per il passaggio dalla piattaforma ora in uso al nuovo portale prevede la sospensione delle prenotazioni di documenti da giovedi 17 giugno sino al 22 giugno.

Dalle ore 18 del 19 giugno saranno sospese anche tutte le attività informatizzate dei servizi bibliotecari (prestiti, iscrizioni…).

Non sarà possibile esportare nel nuovo portale le ricerche salvate nell’area personale del vecchio OPAC: si consiglia di estrarle o stamparle.

Gli utenti possono contattare la biblioteca di riferimento per eventuali chiusure nel periodo indicato.




John McLaughlin in concerto a Milano per la rassegna “JazzMi 2019”

VARESE, 30 ottobre 2019 – La rassegna “JazzMi 2019” di Milano si apre sicuramente con uno dei più grandi chitarristi di tutti i tempi, stiamo parlando di John McLaughlin.
Artista  eclettico le sue composizioni sono memorabili e uniche, sempre alla costante ricerca musicale e spirituale, spaziando dal flamenco al rock psichedelico, ma soprattutto al jazz fusion.
John McLaughlin che torna ad esibirsi sul palco del Conservatorio di Milano, Sala Verdi sabato 2 novembre alle ore 21, proponendo un repertorio di tutto rispetto. Artista che è stato cofondatore della storica Mahavisnu Orchestra, band che nella metà degli anni settanta e ottanta ha segnato il corso della musica psichedelica.
L’artista americano è  sempre stato controcorrente; a confermarlo è il suo stile aggressivo e selvaggio, con accordi power, temi lirici e improvvisazioni di velocità “sovrannaturale”. Ad accompagnarlo un trio di tutto rispetto; Gary Husand (tastiere), Etienne Mabappe (basso), Ranier Barot ( batteria). Biglietti in vendita a partire da 25/45 euro.
L.P.



Vasco non stop live, nuove date nel 2021

MILANO, 28 maggio 2020-Rimanere “vivo, sano e lucido fino a giugno 2021”, questo il claim di Vasco Rossi che, “colpa del virus”, è stato costretto a rimandare di un anno i suoi concerti.

Con la ripartenza della fase 2, arriva anche per noi una buona notizia: da oggi è ufficiale, queste sono le date del Vasco Non Stop Live Festival 2021:

–    13 giugno 2021 agli I-DAYS di Milano
–    18 giugno a Firenze Rocks (Visarno Arena)
–    22 all’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola
–    26 e 27 giugno al Circo Massimo Rock in Roma.

Evviva! Il sogno di poterci riabbracciare sottopalco si realizzerà e sarà ancora più bello ritrovarci.

Sono oltre 360.000 gli spettatori già “prenotati.
I biglietti già acquistati, rimarranno validi per i rispettivi concerti nel 2021. Chi sarà obbligato a rinunciare, potrà rivendere legalmente il proprio biglietto sulla piattaforma dove è avvenuto l’acquisto oppure richiedere il rimborso tramite un “voucher” di pari valore a quello indicato sul biglietto precedentemente acquistato e comprensivo, dunque, del diritto di prevendita. Il voucher potrà essere richiesto entro il 26 Giugno 2020.
Per maggiori informazioni sull’ottenimento dei voucher, visitare le pagine:
•    Ticketmaster Italiahttps://help.ticketmaster.it/hc/it/articles/360006556417-Informazioni-COVID-19-Coronavirus-
•    Ticketonehttps://www.ticketone.it/campaign/covid-19/
•    Vivatickethttps://shop.vivaticket.com/ita/voucher?

E intanto, il popolo dei social ha notato il ritorno di Vasco in sala di incisione con Vince Pastano, naturalmente con le dovute misure di distanziamento fisico.
Dopo due mesi e mezzo di lockdown, possono finalmente tornare in studio e continuare il lavoro iniziato allo Speak Easy di Los Angeles. Canzoni nuove? Presto per dirlo anche se gli indizi ci sono tutti, eccome! E allora non ci resta altro che aspettare le prossime mosse del KOM.

CALENDARIO VASCO NON STOP LIVE FESTIVAL 2021:
13 GIUGNO 2021 – I-DAYS Milano
18 GIUGNO 2021 – FIRENZE ROCKS (Visarno Arena)
22 GIUGNO 2021 – IMOLA (Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari)
26 GIUGNO 2021 – ROCK IN ROMA (Circo Massimo)
27 GIUGNO 2021 – ROCK IN ROMA (Circo Massimo)




Recensione: ”Il bene comune. Dove spingere lo sguardo della politica” di Benedetta Cosmi

VARESE, 19 novembre 2019-Un vademecum progettuale. Rete, materiali, progetti concreti ma soprattutto l’idea della società che si vuole costruire.

Che combatte l’alienazione quella che altrimenti colpisce gli individui, ma contagia società e comunità intere. Che società si crea quando si priva della possibilità o perfino del desiderio di avere accesso alle risorse culturali? Da questa domanda di vent’anni fa di Chomsky, ne Il bene comune, Cosmi parte.

La lettura, “è un autentico e insostituibile bene comune”. I musei, le biblioteche, i corpi intermedi, le piazze, la scuola, l’università, i luoghi dell’innovazione, i centri culturali, sportivi,  l’associazionismo, le aziende, i libri, i bimbi, sono il bene comune, di cui parla l’autrice.

Storie di un presente che non pensava al futuro e di generazioni che cercano una società aperta, basata sul lavoro e merito, in Italia, talora all’estero. Programmi per chi resta. È come un giro d’Italia (non fisico, città per città ma di rappresentanza, rappresentanza politica di quello che è stato fatto, si può fare si potrebbe ancora fare meglio su tutto il territorio nazionale con le persone che possono collaborare).

E (come ama ricordare il direttore del Corriere della sera) un capitolo è dedicato anche all’idea di Benedetta Cosmi di un “giornalismo costruttivo”, “che prende a cuore un problema e lo segue fino a quando le risposte pubbliche e private che quel problema pone non saranno arrivate”.

Benedetta Cosmi, giornalista economico, trentaseienne, esponente di spicco della società civile di Milano, da un lungo trascorso nel sindacato che ha contribuito ad innovare. Vicedirettore della testata della Cisl e per cinque anni Innovation manager. È alla sesta pubblicazione. Con Armando Editore è al suo secondo libro, in entrambi l’attenzione sulle future generazioni, la società e il lavoro. È mamma di una bambina, è molto impegnata sui temi donne, economia e potere, sia come associazioni, sia come ospite di Unomattina in famiglia.

Benedetta Cosmi

Il bene comune. Dove spingere lo sguardo della politica. 

Prefazione Luciano Fontana 

Armando Editore

  Pagine 146, prezzo 14,00 euro




Festival Piambello torna dal vivo: debutto con lo spettacolo ”Il Gatto e la Volpe”

CUNARDO, 5 maggio 2021-“Abbiamo voglia di incontrarvi, di scambiare due parole, di vedervi rapiti dalle storie, di alzarvi dalle poltrone con un nutrimento nuovo!
Crediamo che il teatro possa essere un luogo dove giovani e adulti possano lasciarsi condurre in un viaggio, accompagnati da voce e corpo degli attori.
Le storie ci aiutano a crescere e stimolano il pensiero, la fantasia e la voglia di tornare a sognare insieme.”, cosí Andrea Gosetti, direttore artistico Piambello dal Vivo -Intrecciteatrali parlando del FESTIVAL PIAMBELLO DAL VIVO il primo festival di teatro diffuso della valle del piambello
Primo appuntamento DOMENICA 9 MAGGIO ore 17.00, al parco Formentano Comune di Cunardo con IL GATTO E LA VOLPE; ASPETTANDO MANGIAFUOCO
spettacolo imperdibile per tutta la famiglia!
La storia strizza l’occhio ad Aspettando Godot, riletta in chiave più divertente per poterla adattare a un pubblico di giovanissimi.

TRAMA:
Tutti conosciamo i due personaggi del libro Pinocchio per ciò che combinano durante il racconto ma…quale sarà la loro vera storia? Ci siamo immaginati una panchina e un piccolo alberello bonsai dove i due, in attesa che arrivi Mangiafumo per offrir loro qualche “lavoretto” si raccontano e ricordano la loro vita passata e di come si siano ridotti in quello stato. Vorrebbero andare via ma non riescono perché capiscono che in
quel luogo si sta svolgendo qualcosa di importante e sta nascendo una nuova amicizia.
Dopo “Amleto”, rivisto in chiave fiabesca, continua la rilettura dei classici, che da anni il Teatro del Cerchio trasforma per renderli facilmente fruibili e per non vederli tramontare mai. Pur se originale, questa storia strizza l’occhio ai due personaggi di “Aspettando Godot” di S. Beckett rileggendolo in chiave più divertente per poterla adattare a un pubblico di giovanissimi. Una nuova sfida che continua a distinguere le produzioni
del Teatro del Cerchio per quanto riguarda la ricerca e la pedagogia relativa al mondo bambino e famigliar

Prenotazioni: https://www.eventbrite.it/e/15289617156 o sui nostri canali social
tutto il programma del festival e le prossime date http://www.intrecciteatrali.it/piambello-dal-vivo/
Oltre agli spettacoli per il Festival piambello dal vivo
abbiamo creato un canale podcast “Corte al teatro” , un luogo personale dove ascoltare storie .




Auser Varese cerca giovani volontari

VARESE, 6 settembre 2020-AUSER Volontariato Varese ha lanciato una nuova campagna di ricerca volontari.
Questa volta anche anche ai giovani (dai 18 ai 25 anni) perché, dopo il periodo di rallentamento delle attività a causa del Covid-19, le fila di Auser sono alquanto sguarnite a fronte di un aumento di richieste di aiuto da parte di persone anziane fragili e sole.
Per contatti: 0332813262 oppure auservolontariatovarese@gmail.com



Cortisonici 2020: tutto esaurito a Varese per il Festival del Cinema corto

VARESE, 27 agosto 2020-Sono andati a ruba i posti su prenotazione per tutte e quattro le serate di Cortisonici 2020,  a Varese all’interno della Tensostruttura dei Giardini Estensi. Ma anche chi non è riuscito a prenotarsi potrà godersi le visioni: l’organizzazione ha tenuto una cinquantina di posti a disposizione, fino ad esaurimento dei circa 200 posti previsti.In questo caso priorità a chi prima si presenterà presso la tensostruttura dei Giardini Estensi.  Chiusura dell’ingresso per i prenotati: 5 minuti prima della proiezione. Nel caso siano presenti ancora posti liberi verrà consentito l’ingresso anche alle persone che non hanno prenotato.

Il festival è partito ieri, con una prima serata da tutto esaurito: a dare il via alla

Matteo Angaroni

manifestazione il Focus Anime&Core, con un viaggio sul cinema di animazione giapponese, grazie a Luca Della Casa, storico del cinema di animazione, che ha portato alcuni cortometraggi d’animazione d’annata per raccontare l’evoluzione del cinema d’animazione giapponese, in un viaggio nel tempo iniziato con uno spezzone di un film realizzato nel 1907, a cui sono seguiti altri corti d’animazione realizzati nei decenni successivi. Si è poi passati alla proiezione del surreale e diverte The night is short, walk on girl (2017), lungometraggio del regista giapponese Maaaki Yuasa.

Questa sera, mercoledì 27 alle ore 21.00, si entra nel vivo del concorso internazionale. Quindici le nazioni per i ventisei corti in gara:  Germania, Corea del Sud, Norvegia, Spagna, Russia, Usa, Romania, Olanda, Iran, Italia, Regno Unito, Vietnam, Francia, Belgio e Messico. A valutare i film sarà la redazione de “I 400 calci“, magazine online dedicato al cinema da combattimento. E come sempre anche il pubblico potrà esprimere la propria preferenza.

Altra bella novità è la conferma della sezione Inferno, in programma venerdì sera dalle 22.30, con nove pellicole tra le più estreme, deliranti e difettose presentate come di consueto da Andrea Minidio e Paolo Matteazzi. In caso di bel tempo l’Inferno si terrà a Villa Toeplitz, mentre in caso di maltempo sarà presso le Cantine Coopuf di via De Cristoforis. In questo secondo caso, per ragioni di capienza, potranno assistere alle proiezioni solo i primi 30 persone prenotati. La conferma sul luogo infernale sarà il giorno stesso di venerdì entro alle 18.30.  La prenotazione è gratuita e fortemente consigliata.

Ed ecco i film in concorso questa sera:

GIOVEDÌ 27 AGOSTO

CONCORSO INTERNAZIONALE, PRIMA SOMMINISTRAZIONE (21.00)

REONGHEE

Regia: Jegwang Yeon

Corea del Sud, 15’ Sceneggiatura: Jegwang Yeon Fotografia: Sangkil Han Montaggio: Jegwang Yeon Suono: On Park

Interpreti: Jiwon Han, Kyunghwa Lee, Bongsik Hyun, Sangki Woo Section

Ieri Reonghee è morta in fabbrica; il suo corpo è stato nascosto perché, in quanto immigrata irregolare, non merita nemmeno un funerale.

ECO

Regia: Raùl Mancilla

Spagna, 2′

Sceneggiatura: Raùl Mancilla

Fotografia: Andrés Mata

Montaggio: Raùl Mancilla, Antonio Aguilar Musica/ Suono: Tentacles Band/ Sergio Hernandez Interpreti: Pedro Lanzas, Marisa Olid

A ogni biforcazione bisogna scegliere che percorso seguire. È un videogioco per auto … o una relazione?

VESSELS OF DESTINY

Regia: Franie-Éléonore Bernier

Francia, 15’

Sceneggiatura: Franie-Éléonore Bernier

Fotografia: Thomas Walser/ Raphael Prat et Matthis Goldfain Montaggio: Franie-Éléonore Bernier

Musica/ Suono: Paul Hinton/

Interpreti: Catherine Sauval, Christophe Amsili, Tobias Nuytten, Bob Levasseur

Réjeanne sa che forse non supererà un intervento chirurgico. Decide quindi, come “ultimo desiderio”, di invitare il suo vecchio amico JB a giocare al loro video-game preferito, “Vessels of Destiny”.

BOS

Regia: Steffen Geypens

Belgio, 10’

Sceneggiatura: Steffen Geypens

Fotografia: Jens Vanysacker

Montaggio: Maarten Janssens

Musica/Suono: Lode Vlaeminck /Thomas Vertongen Interpreti: Brecht Dael, Mona Lahousse

Il silenzio imponente della foresta, rotto solo dal correre di una coppia di adolescenti.

ERA YO

Regia: Andrea Casaseca

Spagna, 12′

Sceneggiatura: Andrea Casaseca Fotografia: Laurent Poulain, Rubén Yanes Montaggio: Andrea Casaseca

Suono: María Rodríguez-Mora

Interpreti: Marta Belenguer, María Rivera,Miguel Rivera

Maria crede di poter fare o dire quello che vuole, quando vuole, a chi vuole. Quello che non sa è che, spesso nella vita, potresti ottenere ciò che dai.

CHAOS

Regia: Samuel Auer

Germania, 5′

Sceneggiatura: Samuel Auer

Fotografia: Lukas Eylandt

Suono: Tamás Bohács

Interpreti: Maik Solbach, Arno Sudermann

AMERICA

Regia: George ve Gänæaard, Horia Cucută Romania/USA, 2′

Sceneggiatura: Ron Riekki

Fotografia: Constantin Ene Jr.

Montaggio: Michael Locksmith, Horia Cucută

Suono: Teodor Mihnea Rusu, Codruț Dubăț, Cezar Boțel Interpreti: Daniel Popa, Octavian Boțel

L’ossessione di Frederik? Vivere il più sicuro possibile fra le sue quattro mura.

Cosa fanno un jogger, un vagabondo e due maiali in una foresta? CHAOS è una storia sull’avidità e sul tempo, una decostruzione di generi e forme conosciute.

INCOGNITO

Regia: Maxim Rozhkov

Russia, 15′

Sceneggiatura: Maxim Rozhkov Fotografia: Mark Kelim Montaggio: Maxim Rozhkov Suono: Artur Hayrullin

Interpreti: Arthur Mukhamadiyarov

Uno strano ragazzo, armato di una pistola, ruba ai passanti solitari, cercando di raccogliere quanto più denaro possibile.

HORRORSCOPE

Regia: Pol Diggler

Spagna, 5’

Sceneggiatura: Pol Diggler

Fotografia: Kimio Ogawa

Montaggio: Pol Diggler, Ferran Pujol

Suono: Marcel Basté

Interpreti: Miriam Marcet, Clàudia Trujillo, Morgan Symes

Una creatura malvagia si impossessa del corpo di una ragazza e solo sua madre, con l’aiuto di uno strano dottore, sarà in grado di salvarla.

PROGRAMMA

Giovedì 27 agosto
Concorso internazionale, prima somministrazione (21.00)

Venerdì 28 agosto
Concorso internazionale, seconda somministrazione (21.00)

Inferno (22.30, Villa Toeplitz o Cantine Coopuf – in base a condizioni meteo)

Sabato 29 Agosto
Conferenza #INbiblioteca “Il giorno in cui arrivarono Heidi e Goldrake” (17.45)
Concorso internazionale, terza somministrazione e premiazioni (21.00)