1

Editoriale: Quando Jorginho sfidava il Varese in memorabili sfide playoff

VARESE, 9 luglio 2021- di GIANNI BERALDO-

Forse non tutti sanno che Jorge Luiz Frello Filho, meglio conosciuto come Jorginho, il trascinatore della Nazionale di Mancini così come giocatore essenziale anche per il Chelsea neo campione d’Europa per club, nella sua felice carriera ha calcato pure il rettangolo di gioco del Franco Ossola. 

Il campione italo brasiliano in odore di Pallone d’Oro, ha infatti affrontato il Varese in serie B nella stagione 2011/2012 prima di essere ceduto al Napoli nel 2014 con l’ascesa che tutti oramai conosciamo.

Partite sempre molto belle quelle tra Varese e Verona dove Jorginho (cresciuto nella vicina Sanbonifacese), già si distingueva per classe e lungimiranza nel capire prima degli altri come si potesse sviluppare l’azione in corso.

Stagioni calcistiche,  quelle sopra menzionate, con Varese inatteso protagonista capace di

La sfida playoff Verona-Varese

pareggiare al Bentegodi di Verona la sfida di ritorno nella semifinale Playoff del 2012 con un gol di Terlizzi (finale vinta poi dalla Sampdoria). Biancorossi alla cui guida vi era un certo Rolando Maran mentre capace di fare meglio anche del mai dimenticato Beppe Sannino che l’anno prima ha centrato anch’egli i playoff al primo anno di Serie B.

Non sappiamo se Jorginho si ricordi ancora di queste sfide, per noi varesini, memorabili, ma possiamo ben dire di avere avuto la fortuna di vedere un grande campione destreggiarsi nel desueto ma storico tappeto verde del Franco Ossola.

Ora caro Jorginho facci sognare e domenica portaci sul tetto più alto d’Europa!

direttore@varese7press.it

 

 




Finale Italia-Inghilterra: a Varese allestiti maxischermi ai Giardini e Ippodromo

VARESE, 8 luglio 2021-Due schermi a Varese per godersi la finale degli europei di calcio in sicurezza. Due location dove guardare la partita dell’Italia: una ai Giardini Estensi, sotto la tensostruttura, con 200 posti e l’altra all’ippodromo. «In questo modo – spiegano da Palazzo Estense – si offrono alla città due luoghi dove assistere alla partita in sicurezza perchè sia all’ippodromo che ai giardini sono già attivi i piani di sicurezza e sono location che già ospitano pubblico per eventi di vario genere. L’emergenza infatti non è passata completamente e l’attenzione deve essere ancora alta. Per questo motivo è stata fatta la scelta di evitare la concentrazione delle persone in un solo luogo ma diversificare in spazi anche lontani tra loro».

Per chi volesse dunque assistere alla finale degli europei, nel massimo rispetto del distanziamento e della sicurezza, potrà prenotare il proprio posto in uno dei luoghi, giardini o ippodromo. Per accedere ai maxischermi sarà obbligatorio prenotarsi secondo le seguenti modalità:

Prenotazione per la tensostruttura ai Giardini Estensi
https://www.eventbrite.com/e/biglietti-uefa-euro-2020-finale-tensostruttura-giardini-estensi-varese-162551880049

Prenotazione per l’Ippodromo
https://www.eventbrite.com/e/biglietti-uefa-euro-2020-finale-ippodromo-le-bettole-varese-162551125793

APERTURA PRENOTAZIONI: 8 luglio alle ore 14.00
CHIUSURA PRENOTAZIONI: domenica 11 luglio ore 14.00




La FIGC al lavoro per organizzare la trasferta di 1000 tifosi Azzurri a Wembley: tutte le informazioni

VARESE, 8 luglio 2021-In occasione della finale di EURO 2020, prevista al Wembley Stadium di Londra domenica 11 giugno alle ore 21, la UEFA ha concordato con le autorità britanniche la possibilità per un numero massimo di 1000 tifosi provenienti dall’Italia di recarsi a Londra per assistere alla sfida conclusiva del torneo. L’iniziativa prevede comunque il rispetto di una serie di condizioni attraverso le quali poter derogare le attuali disposizioni relative alla necessaria quarantena imposte dal Governo britannico per i viaggiatori provenienti dall’Italia.

Nello specifico i tifosi provenienti dall’Italia potranno rimanere nel territorio britannico per un massimo di 12 ore; dovranno raggiungere Londra rispettando il concetto di “bolla di sicurezza” tramite l’utilizzo esclusivo di voli charter e di trasporti dedicati dall’aeroporto di arrivo a Londra fino al Wembley Stadium e viceversa, che verranno organizzati direttamente dalla FIGC; al Wembley Stadium sarà dedicato loro uno specifico settore dell’impianto per garantire la bolla di sicurezza; compilare un formulario online (“Travel Locator Form”: https://www.gov.uk/provide-journey-contact-details-before-travel-uk) nelle 48 ore precedenti la partenza.

Inoltre, tutti i tifosi che viaggeranno alla volta di Londra dovranno esibire la prova di un test Covid PCR (tampone molecolare) con risultato negativo da effettuarsi tassativamente dopo le ore 15 del 9 luglio 2021 (requisito necessario per entrare in Gran Bretagna). Per consentire, inoltre, il rispetto delle attuali normative del Governo italiano in merito al rientro in Italia, si consiglia vivamente di effettuare tale tampone nella giornata di sabato 10 luglio. Infine, così come previsto dalle attuali normative e disposizioni del Governo italiano e del Ministero della Salute, al rientro in Italia tutti i tifosi dovranno effettuare obbligatoriamente 5 giorni di isolamento fiduciario presso la propria abitazione o dimora, nonché effettuare un ulteriore test molecolare o antigenico al termine dei 5 giorni di isolamento.

I tifosi che vorranno aderire all’iniziativa dovranno necessariamente utilizzare i voli charter e i trasporti interni in Inghilterra organizzati dalla FIGC attraverso l’agenzia Carlson Wagonlit Travel. La partenza dei voli charter è prevista nella tarda mattinata o primo pomeriggio dell’11 luglio da Roma e da Milano, a seconda delle prenotazioni, e il rientro in Italia avverrà al termine della gara. Il costo del servizio del pacchetto trasporti è di € 610 a persona.

L’acquisto del pacchetto garantisce di conseguenza la possibilità di acquistare separatamente il biglietto della finale, successivamente alla conferma del viaggio, tramite il portale biglietteria della UEFA. I tagliandi a disposizione dei tifosi azzurri destinati dalla UEFA per tale iniziativa sono della categoria Fans First il cui costo è di € 95.

Tutti gli interessati dovranno far pervenire la propria adesione entro le ore 11 di domani 8 luglio 2021 utilizzando il link https://cvent.me/K0re9W?locale=it

Il servizio verrà confermato a seguito del numero di adesioni raggiunte.

I possessori di una Membership Card Vivo Azzurro beneficeranno di condizioni agevolate per effettuare la prenotazione; l’iniziativa è valida fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Per maggiori informazioni e adesioni: https://cvent.me/K0re9W?locale=it

Per richieste e assistenza: Euro2020finale@mycwt.com




#MiFidoDiTe maratona itinerante di nuoto a favore della ricerca sulla Sindrome di Usher: tappa a Monate

VARESE, 7 luglio 2021-Il progetto #MiFidoDiTe é un’ impresa sportiva e solidale inserita all’interno del circuito di gare in acque libere organizzato su scala nazionale da Italian Open Water Tour, organizzazione che ha sposato il progetto, toccherà le acque del lago Maggiore la prossima domenica (11 luglio), per la sua terza tappa.
Una maratona a nuoto di 42 km in SETTE tappe, a sostegno della ricerca sulla Sindrome di Usher, legati l’uno all’altra, coscia a coscia, da una corda lunga solo 50 centimetri e da una fiducia totale.
La prima tappa si è svolta il 5 e 6 giugno nello scenario di Vulcano alle isole Eolie mentre la seconda tappa nelle acque del lago di Monate il 20 giugno.
Il progetto #MiFidoDiTe, nasce dall’incontro di Alessandro Mennella, ragazzo genovese affetto dalla Sindrome di Usher (una malattia rara che si manifesta con sordità alla nascita e una progressiva perdita della vista) e Rare Partners, una azienda milanese senza scopo di lucro che si occupa dal 2010 di supportare lo sviluppo di nuove terapie nel campo delle malattie rare utilizzando risorse finanziarie non profit. La fiducia reciproca ha dato il nome #MiFidoDiTe al progetto e alla raccolta fondi associata, fondi destinati alla ricerca per questa patologia rara devastante.

Rare Partners ha ricevuto il patrocinio della Fondazione Cariplo ed il sostegno di numerose aziende che con entusiasmo hanno sposato il progetto #MiFidoDiTe.
Main Partner per l’intero circuito è la PQE Group, azienda leader di consulenza nel settore life science che supporta i progetti di Rare Partners da molti anni. Per la tappa di Maccagno, la terza delle 7 previste, Alessandro e Marcella avranno al loro fianco Bird & Bird, uno studio legale internazionale e multidisciplinare, e I.M.G.2 una società di intermediazione di rifiuti che gestisce prevalentemente contratti con termovalorizzatori e discariche.

E’ stata definita una maratona che guarda al domani, una sincera metafora del vivere, con cuore a mille, orizzonti da esplorare dentro e fuori, e un “diario di bordo” speciale, ovvero la muta di Alessandro, che indosserà e utilizzerà per accogliere le firme dei donatori, con l’obiettivo di riempirla tappa dopo tappa fino all’ultimo frammento di stoffa. 

L’obiettivo sarà quindi duplice: completare le 7 gare del circuito e riempire tutta la muta per raccogliere fondi per un traguardo ancora più ambizioso. Abbiamo aperto una raccolta fondi dedicata al progetto sulla piattaforma di Buonacausa.org dal titolo #MiFidoDiTe – la nuova sfida.
Il circuito conferisce al progetto #MiFidoDiTe un carattere itinerante, toccando sette territori di eccezionale valore e bellezza, alcuni dei quali iscritti nella lista del Patrimonio dell’UNESCO. Il progetto racchiude l’essenza di un viaggio e il valore di un’iniziativa sociale.
I fondi raccolti saranno destinati a supportare le ricerche nel campo della degenerazione retinica, dirette in particolare allo sviluppo di nuove terapie per i pazienti affetti da Sindrome di Usher.



Il Consiglio regionale ha premiato la paraciclista bergamasca Claudia Cretti

MILANO, 6 luglio 2021 – “Non me l’aspettavo, per me questo premio è una soddisfazione grandissima e lo dedico innanzitutto alla mia famiglia. Questi riconoscimenti mi rendono felice tanto quanto le vittorie sportive, perché significa che c’è chi crede in me.
Claudia Cretti, venticinquenne paraciclista professionista, originaria di Costa Volpino in provincia di Bergamo, è stata premiata oggi dal Consiglio regionale “per la sua tenacia e la capacità di rialzarsi, ritornando a vincere con passione ed entusiasmo”.

La cerimonia di premiazione si è tenuta al Belvedere di Palazzo Pirelli nella pausa dei lavori della seduta consiliare: l’evento è stato promosso dal Consigliere Segretario Dario Violi e ha visto presenti il Presidente del Consiglio regionale Alessandro Fermi insieme ai Vice Presidenti Francesca Brianza e Carlo Borghetti, agli Assessori regionali Alessandra Locatelli e Lara Magoni e ai Consiglieri regionali Roberto Anelli, Fabio Pizzul, Jacopo Scandella, Monica Mazzoleni, Francesco Ghiroldi e Barbara Mazzali.

Oggi non abbiamo premiato solo una grande atleta, ma abbiamo premiato un esempio per tutti noi: una giovane ciclista che dopo un brutto incidente ha saputo rialzarsi, solo come sanno fare i veri bergamaschi, ed è tornata in sella a vincere medaglie –ha detto Dario Violi-. Nello sport e nella vita ci vuole dedizione, passione e arte di arrangiarsi, e Claudia incarna in pieno lo spirito caparbio dei lombardi. L’augurio che le faccio è di non perdere mai quella grinta e quella tenacia che l’hanno resa così forte, lei che si è rimboccata le maniche trovando una strada nuova e stimolante, con la speranza che possa presto farci sognare alle prossime Paralimpiadi di Tokyo”.

Questo riconoscimento, oltre che un ringraziamento commosso e sentito per l’esempio e la testimonianza quotidiana di forza e tenacia che Claudia ci offre, vuole essere anche di buon auspicio perché lei possa essere grande protagonista alle prossime Paralimpiadi –ha sottolineato a sua volta Alessandro Fermi-, dove sono certo che, se sarà convocata, saprà essere ulteriore motivo di vanto e orgoglio per i colori azzurri e per noi lombardi”.

Medaglia d’argento nella specialità “inseguimento a squadre donne” ai Campionati del mondo juniores su pista nel 2014 a Seul e medaglia di bronzo nella specialità “scratch” ai Campionati europei juniores su pista nel 2014 in Portogallo, nel 2017 durante la settima tappa del Giro d’Italia femminile, Claudia Cretti è stata vittima di un brutto incidente dove ha battuto violentemente la testa: la conseguenza è un trauma cranico che la lascerà in coma per tre settimane.
Al risveglio, nonostante le difficoltà, ha sempre avuto una volontà di ferro: prima è tornata a camminare e poi subito in sella” ha evidenziato la mamma Laura, anche lei presente oggi al Belvedere di Palazzo Pirelli.

Nonostante il grave infortunio, infatti, Claudia ha recuperato subito la voglia di correre in bici, e dopo molti allenamenti specifici in palestra a Bergamo, è tornata a gareggiare come atleta paralimpica con il Team Femminile “Born to Win” di Roberto Baldoni. L’atleta orobica è così riuscita a coronare un suo grande sogno e obiettivo, tornando in sella con le più forti atlete italiane e internazionali della categoria Elite: vince la prima medaglia nel 2019 a Bassano del Grappa e la seconda lo scorso aprile nelle finali nazionali di Marina di Massa, fino ad arrivare alla più recente medaglia d’argento nella Coppa del Mondo di Paraciclismo a Ostenda in Belgio. Ora, in vista della Paralimpiadi di Tokyo, Claudia andrà in ritiro con la Nazionale a Rovere, in Abruzzo, in attesa delle convocazioni ufficiali.

Un messaggio di sostegno e plauso all’iniziativa è giunto anche dal Consigliere Segretario Giovanni Malanchini: “Oggi premiamo una persona e un’atleta eccezionale, esempio vivente del cuore e della determinazione dei bergamaschi nell’affrontare le grandi sfide della vita. Claudia ha dimostrato a tutti noi che non importa quante volte cadi, ma come ti rialzi e cosa fai della tua vita dopo ogni rovinosa caduta”. 




Festival dei Giovani a Varese, grande successo per la manifestazione remiera alla Schiranna

VARESE, 4 luglio 2021-Grandissimo successo per il 32° Festival dei Giovani “Gian Antonio Romanini” che da venerdì a oggi ha animato il Lago di Varese e la Schiranna. 329 le gare che si sono svolte una dopo l’altra e che hanno visto all’opera 1900 giovani atleti dai 9 ai 14 anni provenienti da 127 società d’Italia.

A trionfare è stato il Circolo Canottieri Aniene, che si è presentato a Varese con il gruppo più numeroso: i suoi 74 talenti in erba hanno fatturato la bellezza di 1954 punti conquistando così la vittoria e una barca per il doppio nuova di zecca. Al secondo posto i padroni di casa e campioni in carica della Canottieri Varese con 1424 punti, terzo il Circolo Canottieri Saturnia con 1126 punti totali.

La prima edizione della “Coppa Filippo Mondelli”, in ricordo del giovane Filippo, campione del mondo nel 2018 nel quattro di coppia scomparso prematuramente pochi mesi fa, è stata assegnata ai pugliesi della Canottieri Barion, ovvero il team presente con il minor numero di atleti (14) che è salito sul podio per più volte (31). A consegnare la coppa la sorella di Filippo, Elisa Mondelli. Seconda la Canottieri Lario (12 atleti e 19 podi) e terza la Canottieri Milano (21 atleti e 31 podi).

Il prossimo appuntamento con il Festival dei Giovani è fissato per il primo weekend di luglio del 2022 all’Idroscalo di Milano, sede della manifestazione anche nel 2019.

Classifica finale:

17° posto Fiamme Gialle

16° posto Cus Torino

15° posto Canottieri Cernobbio

14° posto Canottieri Monate

13° posto Canottieri Milano

12° posto Canottieri Peloro

11° posto Circolo Canottieri Roma

10° posto Canottieri Valdesio

9° posto Canottieri Garda Saló

8° posto Canottieri Gavirate

7° posto Canottieri Armida

6° posto Rowing Club Genovese

5° posto Canottieri Cerea

4° posto Canottieri Canottieri Tevere Remo

3° posto Circolo Canottieri Saturnia con 1126 punti

2° posto Canottieri Varese con 1424 punti

1° posto Circolo Canottieri Aniene con 1954 punti




Giulio Ebagua entra in politica a favore di Galimberti: pronta una lista civica con il bomber biancorosso primo candidato

VARESE, 2 luglio 2021-di GIANNI BERALDO-

Il bomber biancorosso Giulio Ebagua, tra le bandiere del calcio varesino, scende in campo per l’ennesima sfida. Questa volta senza calcare un rettangolo di gioco ma in politica.

Ebagua infatti ha accettato di far parte di una lista civica a sostegno di Davide Galimberti.

Tra gli artefici di questa operazione di convincimento  la parlamentare di Italia Viva Maria Chiara Gadda che dichiara <<Tra qualche giorno presenteremo questa nuova lista civica che vede Ebagua come primo candidato, un campione in campo ma pure fuori dal rettangolo di gioco. Sono certa che da candidato darà il massimo con idee e proposte chiare, grazie alla passione che lo contraddistingue>>.

Una vera sorpresa questa candidatura, utile per rilanciare l’immagine dello sport varesino in crisi in questo ultimo decennio <<Il nostro obiettivo per il prossimo mandato  della giunta Galimberti sarà quello di rilanciare lo sport. Solo valorizzandolo porteremo lavoro, turismo e inclusione sociale, in una città sempre più attrattiva, per questo ringrazio Giulio Ebagua per avere accettato questa candidatura>>, chiosa la parlamentare varesina.

direttore@varese7press.it




Federica Cesarini della SC Gavirate alle Olimpiadi di Tokio nella categoria Doppio Pesi Leggeri

VARESE,2 luglio 2021 – L’Italia del canottaggio è pronta a volare a Tokyo per partecipare ai XXXII Giochi Olimpici estivi con le regate olimpiche, sulle acque del Sea Forest Waterway, dal 23 al 30 luglio. Il Presidente Federale Giuseppe Abbagnale e il Direttore Tecnico Francesco Cattaneo ieri sera 1° luglio, a Sabaudia, hanno ufficializzato i nomi dei 26 atleti azzurri (15 uomini e 11 donne), comprese le riserve, che parteciperanno alle regate olimpiche nelle 9 specialità qualificate: 5 maschili (quattro senza, quattro di coppia, due senza, singolo senior e doppio pesi leggeri) e 4 femminili (quattro di coppia, doppio, due senza senior e doppio pesi leggeri).

Di seguito le formazioni complete di riserve:

QUATTRO DI COPPIA MASCHILE – Simone Venier (Fiamme Gialle), Andrea Panizza (Fiamme Gialle/Moto Guzzi), Luca Rambaldi (Fiamme Gialle), Giacomo Gentili (Fiamme Gialle/SC Bissolati)

SINGOLO MASCHILE – Gennaro Di Mauro (CC Aniene)

QUATTRO SENZA MASCHILE – Matteo Castaldo (Fiamme Oro/RYCC Savoia), Bruno

La squadra olimpica femminile

Rosetti (CC Aniene), Matteo Lodo (Fiamme Gialle), Giuseppe Vicino (Fiamme Gialle)

DUE SENZA MASCHILE – Giovanni Abagnale (Marina Militare), Marco Di Costanzo (Fiamme Oro)

DOPPIO PESI LEGGERI MASCHILE – Stefano Oppo (Carabinieri), Pietro Willy Ruta (Fiamme Oro)

RISERVE – Vincenzo Abbagnale (Marina Militare), Luca Chiumento (Fiamme Gialle/SC Padova)

QUATTRO DI COPPIA FEMMINILE – Valentina Iseppi (CC Aniene), Alessandra Montesano (Fiamme Gialle/SC Eridanea), Veronica Lisi (SC Padova), Stefania Gobbi (Carabinieri/SC Padova)

DOPPIO FEMMINILE – Alessandra Patelli (SC Padova), Chiara Ondoli (CC Aniene)

DUE SENZA FEMMINILE – Kiri Tontodonati (Fiamme Oro/CUS Torino), Aisha Rocek (Carabinieri/SC Lario)

DOPPIO PESI LEGGERI FEMMINILE – Valentina Rodini (Fiamme Gialle/SC Bissolati), Federica Cesarini (Fiamme Oro/SC Gavirate)

RISERVA – Clara Guerra (Fiamme Gialle/CC Pro Monopoli)

Tra i convocati ci sono 10 azzurri che hanno già preso parte a una o più edizioni dei Giochi Olimpici come Simone Venier, alla quinta Olimpiade consecutiva con l’argento vinto a Pechino 2008 (Atene 2004, Pechino 2008, Londra 2012, Rio 2016), Pietro Willy Ruta, alla sua terza Olimpiade consecutiva (Londra 2012, Rio 2016), mentre sono alla seconda Olimpiade consecutiva Alessandra Patelli (Rio 2016), Valentina Rodini (Rio 2016) e Stefano Oppo (Rio 2016). Sempre alla seconda Olimpiade consecutiva, ma con la medaglia di bronzo vinta a Rio 2016, troviamo Giuseppe Vicino (Rio 2016), Matteo Lodo (Rio 2016), Marco Di Costanzo (Rio 2016), Giovanni Abagnale (Rio 2016) e Matteo Castaldo (Rio 2016). Gli altri sedici atleti sono al debutto olimpico con Tokyo 2020NE tra cui il singolista Gennaro Di Mauro, il più giovane della compagine del canottaggio, che a venti anni è alla sua prima avventura a Cinque Cerchi.




Festival dei Giovani, a Varese la più grande manifestazione sportiva giovanile a livello nazionale

VARESE, 1 luglio 2021-Scatta domani la 32esima edizione del Festival dei Giovani, la più grande manifestazione sportiva a livello nazionale rivolta agli atleti da 9 ai 14 anni che animerà la Schiranna di Varese fino a domenica. La Canottieri Varese ha deciso di raccogliere l’invito della Federazione e ospitare un altro evento d’alto livello dopo gli Europei Assoluti di inizio aprile. Attesi a Varese oltre 1700 giovani prospetti in rappresentanza di tutte le società remiere d’Italia.

“Stiamo facendo del nostro meglio e siamo contenti di aver dato a tutti i giovani la possibilità di gareggiare – spiega Pierpaolo Frattini, Direttore Generale della Canottieri Varese -. Questa è una delle manifestazioni a livello nazionale in assoluto più importanti e avremo anche diversi sponsor di rilievo tra cui Kinder che installerà un villaggio per i ragazzi. Ormai ci siamo, stringiamo i denti, incrociamo le dita e speriamo che tutto vada per il meglio”.
Davide Galimberti, Sindaco di Varese: “Dopo l’evento di aprile, questa è una kermesse

Frattini, Franzi, Galimberti e Manzi

che rafforza il ruolo di Varese nel mondo del canottaggio e per quanto riguarda l’aspetto turistico. A distanza di tre mesi circa dagli Europei Assoluti, c’è un altro evento che porta nella nostra città tante persone e questo è un dato di fatto straordinario. Il canottaggio rappresenta, come dimostrato in questi anni, un’attrattiva importante per il turismo nelle nostre zone e speriamo che lo sia anche nel 2022, nel 2023 e negli anni a venire”.

In rappresenta della Camera di Commercio, Antonio Franzi: “Camera di Commercio, tramite il progetto Varese Sport Commission, è al fianco di questo evento. Stiamo tornando alla vita vera e completa ed è importante che lo sport ne faccia parte. L’obiettivo è tornare ai 50mila pernottamenti sul nostro territorio che nel 2019 il canottaggio ha offerto agli operatori turistici della zona. Pian piano vogliamo tornare su questi numeri e magari superarli”.
Infine, Claudio Minazzi, vice presidente della Canottieri Varese: “Siamo orgogliosi. In primavera siamo partiti e ora abbiamo il piacere di ospitare una flotta di giovani e non potevamo scegliere di meglio”.

Il programma prevede una tre giorni a dir poco intensa con 3000 gare, una ogni 3 minuti. La prima è fissata per domani alle ore 12 e la giornata di sfide si chiuderà attorno alle 18.30; alle 19 si terrà la cerimonia d’apertura del Festival dei Giovani con l’accensione del braciere, l’inno nazionale e un giovane atleta che leggerà il saluto e la promessa.
Sabato si inizierà alle 8 del mattino e fino alle 18 i giovani solcheranno le acque del lago dandosi battaglia; lo stesso anche domenica dalle ore 8 alle ore 15. La manifestazione sarà a porte chiuse ed è previsto un protocollo anti-covid da rispettare.

La società più numerosa presente a Varese è l’Aniene (78 atleti e 148 barche). La Canottieri Varese padrona di casa schiera 62 atleti per un totale di 95 barche iscritte e proverà a bissare l’ultimo successo colto nel 2019 all’Idroscalo di Milano. Presenti, naturalmente, tutte le realtà della nostra zona che saranno ben rappresentate in termini di numeri: Canottieri Gavirate avrà 39 tesserati, Canottieri Monate 32, Arolo e Corgeno 22, Canottieri Luino 20, Caldè 15, Germignaga 13, De Bastiani Angera 10, Cerro Sportiva 5 e Ispra 4.

Sarà possibile seguire tutte le gare in diretta streaming sui canali youtube, twitter e facebook della Federazione.




Inizia la nuova stagione per il Tavagnacco protagonista in serie B

TAVAGNACCO, 1 luglio 2021-La stagione sportiva 2021-2022 comincia con i tesseramenti il primo luglio e il Tavagnacco è pronto a guardare al domani con entusiasmo e lucidità.

La seconda stagione consecutiva in serie B sarà piena di insidie, ma i gialloblù ripartono da più di qualche certezza. La conferma del 90% della rosa con mister Rossi alla guida è la base da cui costruire la squadra che verrà. Il tecnico, arrivato nell’ultimo mese e mezzo, ha testato le calciatrici e ha chiuso bene il campionato scorso con cinque buone prestazioni, l’ultima a Formello contro la Lazio. Il gruppo gli è piaciuto, ha chiesto di mantenere l’ossatura e la società si è mossa in questo senso. Continueranno a vestire la maglia friulana le quattro giovani calciatrici di proprietà che formano lo zoccolo duro (Veritti, Donda, Grosso e Milan).

E’ stato rinnovato il contratto di Caneo, Kongouli e Ferin, inoltre è stato prolungato il prestito delle juventine Devoto e Gianesin. Stesso discorso per il portiere Beretta, fresca di diciottesimo compleanno. L’Empoli ha acquistato Abouziane, ma la numero 27 resterà in prestito in Friuli, c’è già l’accordo con i toscani. Sono queste le principali novità e nelle prossime ore ci saranno altre operazioni.

La società andrà a cercare altri elementi congeniali alle idee di gioco di Rossi per puntellare la rosa. Il vestito più utilizzato dal mister è stato il 4-2-3-1 e probabilmente sarà la base di partenza anche se lo stesso allenatore ha ribadito che ci sono pure altre soluzioni nelle corde delle ragazze. Presumibilmente in chiave mercato si andrà ad aggiungere un elemento per reparto aumentando l’esperienza e il tasso tecnico. Il quarto posto della stagione scorsa dimostra che il Tavagnacco ha le potenzialità per stare nelle zone alte della classifica. Un concetto espresso di recente dal vicepresidente Domenico Bonanni: “Questo gruppo ha valori importanti. Dopo la retrocessione di un anno fa abbiamo inaugurato una politica che continueremo a seguire, quella di una miscela di gioventù ed esperienza in modo da facilitare la crescita delle più giovani. Per tante di loro la stagione scorsa in serie B è stata molto formativa”. Presto ulteriori novità, per il momento c’è da rimboccarsi le maniche e ripartire con entusiasmo e lucidità.