1

“Autonomia: a che punto siamo?”, sabato convegno a Varese organizzato dalla Lega

VARESE, 26 maggio – Varese è ancora la culla del pensiero autonomista. E questo sabato i riflettori saranno puntati su Palazzo Estense, dove a partire dalle 9.15 avrà luogo il convegno “Autonomia: a che punto siamo? Il senso della rivendicazione autonomista dopo la pandemia”, organizzato dalla Sezione varesina della Lega, guidata dal Commissario cittadino Marco Bordonaro.
“La data è simbolica: abbiamo scelto la vigilia della Festa della Lombardia, che cade, quest’ultima, nell’anniversario della storica Battaglia di Legnano – spiega Bordonaro – quale momento migliore, quindi, per una riflessione ad ampio raggio sull’importanza di portare avanti la battaglia autonomista?”.
“Oggi – continua Bordonaro – dopo due anni di pandemia che hanno stravolto il nostro mondo e messo a dura prova la società e le Istituzioni, mentre da alcuni mesi ci troviamo in un contesto geopolitico che definire precario vuol dire usare ben più di un eufemismo, l’autonomia dei territori è di estrema attualità e rappresenta l’ultimo strumento davvero valido per garantire efficienza dei servizi e tutela della democrazia nell’interesse di tutti i cittadini”.
“Varese è stata a partire dagli anni Ottanta, nel nostro Paese, la realtà capofila dalla quale è partita la rivoluzione autonomista. Oggi è quindi il luogo maggiormente simbolico per ospitare un convegno sul rilancio della nostra battaglia” conclude il Commissario cittadino della Lega.
Il convegno si svolgerà nel Salone Estense, al piano terra di Palazzo Estense, in via Sacco n. 5, sabato 28 maggio, a partire dalle ore 9.15.
Interverranno, per i saluti iniziali, il Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana e il Coordinatore della Lega Lombarda Fabrizio Cecchetti. Quindi condurranno all’interno dei lavori del convegno l’Assessore regionale all’Autonomia e Cultura Stefano Bruno Galli, il Professore di Diritto Costituzionale all’Università dell’Insubria Giorgio Grasso, il Professore di Diritto Costituzionale all’Università di Milano-Bicocca Federico Furlan e il giornalista di Libero Fabio Rubini.
Seguiranno testimonianze del mondo imprenditoriale lombardo: l’imprenditore Andrea Monfredi, la Presidente dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Varese, Vera Stigliano, e il Presidente dell’Ordine dei dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Busto Arsizio, Roberto Ianni

Modererà il convegno Marco Bordonaro.



Leggiuno, vitello segregato in una stalla abusiva senza aria e al buio

LEGGIUNO, 26 maggio 2022-Sabato 21 maggio tre volontari dell’associazione per la tutela degli animali “Centro Stalli Odv” si sono recati a Leggiuno, a seguito di una segnalazione che indicava la presenza di un bovino segregato a catena senza aria e al buio all’ interno di una struttura, probabilmente abusiva, come successivamente confermato dal Comune alla stessa associazione che sporgeva denuncia per maltrattamento di animali nei confronti del proprietario del vitello.

Nella giornata di sabato sul posto sono intervenuti i carabinieri forestali competenti per territorio chiamati dai volontari. All’arrivo dei carabinieri i volontari si sono trovati davanti un animale legato a una catena corta, al caldo causato, oltre che dalle alte temperature di questi giorni, soprattutto dall’assenza di vani per l’ entrata di aria e al buio rinchiuso in uno spazio grande quanto la sua stessa stazza. I veterinari dell’ats intervenuti, chiamati dai carabinieri, hanno provveduto a prescrivere al proprietario l’immediata rimozione di una lastra di plexiglass al fine di creare una finestra per il circolo dell’aria.

Secondo l’associazione l’animale è oggetto di grave maltrattamento nonché detenuto in una struttura abusiva che viola anche i vincoli paesaggistici essendo stata costruita vicino a un torrente. L’associazione ha presentato formale denuncia alla Procura della Repubblica tramite l’avvocato Annalisa Gasparre per il reato di maltrattamento di animali e si è resa disponibile ad individuare un luogo idoneo per il vitello che rispetti il benessere e l’etologia della specie. Ha altresì richiesto al Comune di Leggiuno l’immediata demolizione della struttura in quanto non a norma.




Conad Jazz Contest, concorso dedicato a musicisti emergenti, aggiunge qualche giorno per iscrizioni

BOLOGNA, 26 maggio 2022Conad e Fondazione Umbria Jazz, storici partner del concorso Conad Jazz Contest, annunciano un’estensione del termine per presentare la propria candidatura alla nona edizione del Contest.

I due anni di stop forzato non hanno favorito l’attività dei giovani musicisti jazz, siano essi solisti o band, e in molti hanno contattato l’organizzazione per richiedere più tempo per poter finalizzare l’iscrizione al contest. È necessario infatti caricare ben 3 brani, direttamente sul sito www.conadjazzcontest.it, oltre alle informazioni di tutti i membri della band e ad una fotografia o immagine che li rappresenti perché la partecipazione al contest sia completata.

L’iscrizione è gratuita, aperta a tutti i giovani italiani e non purché residenti in Italia, solisti o membri di band di età compresa tra i 18 ed i 28 anni al momento dell’iscrizione, ed ora si avrà tempo fino alle 23.59 dell’8 giugno per iscriversi al concorso e sperare di essere tra i 10 finalisti che si esibiranno sul prestigioso palco di Umbria Jazz durante il famoso festival che si terrà a Perugia dall’8 al 17 luglio.

Al termine della fase di iscrizione, a partire dalle ore 11 del 9 giugno inizierà la fase delle votazioni: una giuria tecnica presieduta da Manuele Morbidini, sassofonista e compositore nonché direttore musicale della Umbria Jazz Orchestra, selezionerà 9 dei 10 finalisti e una giuria popolare, composta da chiunque voglia votare le band iscritte direttamente sul sito del contest, decreterà il 10^ finalista.

Le 10 band finaliste così individuate si esibiranno sul palco di Umbria Jazz, (Perugia 8-17 luglio 2022), e saranno quindi giudicate da una giuria artistica – presieduta da Stefano Bragatto, Direttore di Radio Monte Carlo – che decreterà il vincitore assoluto del Contest, il quale si aggiudicherà i 5000€ come contributo alla carriera ed avrà la possibilità di esibirsi durante tutto il resto del 2022 sui palchi jazz più prestigiosi in giro per l’Italia.

Informazioni e regolamento al sito www.conadjazzcontest.it

Iscrizioni aperte da venerdì 6 maggio 2022 a mercoledì 8 giugno 2022.

Votazioni online da giovedì 9 giugno a mercoledì 22 giugno 2022.




NOI & Springsteen, il suolo lombardo si scatena sulle note rock di Moa Holmsten e Band

BERGAMO, ,26 maggio2022 –L’artista svedese Moa Holmsten dà il La agli appuntamenti previsti dalla narrativa del Contest “Cover Me” organizzato dal gruppo “NOI & Springsteen” e scuote il suolo lombardo con le note crude e rockettare di un’abile rielaborazione del sound di Bruce Springsteen. Sono due gli appuntamenti in programma:questa sera, giovedì 26 maggio, al Druso di Ranica (BG) e domani sera, venerdì 27 maggio, al Gasoline Road Bar di Castegnato (BS).

L’agenda dei fan di The Boss è sempre più ricca e piena di appuntamenti: dalla fresh breaking news del ritorno del Cantautore Americano entro i confini del Bel Paese, alla prossima partenza del contest – martedì 31 maggio è la deadline prevista per l’invio delle candidature alla competizione musicale – infine le due date imperdibili del concerto dell’artista svedese, Moa Holmsten e Band:giovedì 26 maggio al Druso, Ranica (BG) e venerdì 27 maggio al Gasoline, Castegnato (BS).

 Moa Holmsten vanta un’esperienza incredibile, dalla band femminile Meldrum e, successivamente, con i Motorhead e molte altre band di spicco della scena rock musicale.Ad aprire la serata al Druso, alle ore21.15, sarà Tommaso Imperiali e la sua band, arrivati per ben due volte sul podio delContest del gruppo “NOI & Springsteen” delle edizioni del 2020 e 2021; la serata, quindi, proseguirà

con l’esibizione dell’artista svedese e della sua band a partire dalle ore 22.00.Per la serata del Gasoline Road Bar l’inizio della live session è previsto per le ore 21.30, mentre il locale e la cucina apriranno già a partire dalle ore 20.00; la prenotazione è fortemente consigliata causa posti limitati.

L’energia e la vitalità che Moa Holmsten trasmette è indescrivibile e difficilmente si riesce a trasporre in parole – dice Alberto Lanfranchi, fondatore del gruppo“NOI& Springsteen”–per questo l’unico modo che si ha per percepire l’atmosfera e la carica della serata è prenderne parte. Sarà un momento di condivisione, di unione tra tutti coloro che sono accomunati dalla grande passione per la musica, per chi le note le ha sotto la pelle, nel sangue, e per chi ha il cuore che batte a ritmo di rock ‘n roll“.

 




Grande successo per la mostra  di Maria Cristina Carlini ‘La forza delle idee’ alla Fondazione Stelline

MILANO, 26 maggio 2022-Continua alla Fondazione Stelline il successo della grande mostra Maria Cristina Carlini La forza delle idee, a cura di Vittoria Coen. Una importante personale che riunisce numerosi inediti e crea un percorso intenso tra opere di grandi e piccole dimensioni. L’esposizione rimane aperta fino al 12 giugno 2022 nella Sala del Collezionista e nel Chiostro della Magnolia mentre le imponenti sculture monumentali saranno presenti tutta estate – fino al 30 settembre –  nell’incantevole Chiostro.

La forza e la tenacia del percorso dell’artista emergono chiaramente nell’esposizione, idee che prendono vita ispirate dai materiali, idee che plasmano opere intime ed esprimono linguaggi universali, equilibri interiori e sorprendenti tensioni tra gli elementi.

«Siamo molto contenti di ospitare questa personale della scultrice Maria Cristina Carlini – sottolinea la presidente della Fondazione Stelline PierCarla Delpiano – perché la scultura è la forma d’arte che meglio ci consente di esprimere la piena potenzialità della nostra sede, permettendo un dialogo tra i diversi spazi espositivi. Le opere della Carlini, infatti, sono esposte nella Sala del Collezionista e, open air, nel suggestivo Chiostro della Magnolia».

La potenza delle opere di Maria Cristina Carlini risiede nel richiamo atavico che conservano, nella capacità dell’artista di evocare atmosfere, ricordi singolari e personali, ogni opera ha infinite letture, infiniti messaggi che ognuno può scoprire e fare propri “Non vi è una sola visione, un unico punto di vista, – rivela la curatrice –  le sculture sono frontali, da qualsiasi angolazione il nostro occhio osservi, ma la percezione di luci ed ombre, quella sì, è diversa. Il disvelamento è compiuto”.

Linee, volumi, luci e ombre si susseguono nell’allestimento, la piccola scultura in grès Guerra, riporta nella materia instabile e tormentata tutti i segni del dolore e della distruzione, i lampi dorati che illuminano le tre alte torri dal titolo L’Alfabeto restituiscono la speranza che risiede nel dialogo tra lingue differenti, i profondi segni impressi nel grès corrono verso l’alto in un fluire incessante quasi magico.
Il legno di recupero custodisce per Carlini una memoria sconosciuta che rivive nei tre possenti tronchi di Prometeo in cui torna il tormento della materia, il legno ferito e scavato è incendiato da luci che evidenziano i tagli frutto di un passato lontano ma tangibile, una natura imponente quanto fragile e minacciata.
La lamiera degli Scudi racconta Vittoria Coen rappresenta, “la strenua difesa della libertà contro il banale, l’ovvio” , il grès delle colonne tortili Castore e Polluce ricorda una colonna vertebrale, una scultura viva e potente che crea un dialogo tra la terra e il cielo.

Tre sculture monumentali occupano il magnifico Chiostro della Magnolia, IncontroOrigine e Fantasmi del lago dialogano tra loro, con l’architettura e il verde circostanti, un susseguirsi di linee, volumi, materiali e riflessi che affascina, stupisce e rinnova lo stretto legame tra le opere di Maria Cristina Carlini e la natura.

In mostra è possibile immergersi nell’atmosfera rarefatta dello studio di Maria Cristina Carlini attraverso l’esclusivo il docufilm Maria Cristina Carlini. Geologie memorie della terra, realizzato nel 2020 da Storyville, in cui l’artista racconta le sue opere e la sua poetica e affronta con sguardo intimo e privato il lavoro nel suo studio.

L’esposizione, realizzata con il patrocinio di Regione Lombardia e Comune di Milano, è accompagnata da una breve pubblicazione bilingue con testo introduttivo di Vittoria Coen, un’intervista all’artista e le immagini delle opere esposte.
Tra gli eventi speciali organizzati in occasione della mostra ricordiamo la visita  In mostra con il curatore sabato 4 giugno alle ore 18.00.




Clara Pirani Cardoso verrà ricordata sabato a Gallarate con una nuova Pietra d’Inciampo

GALLARATE, 26 maggio 2022- Dopo quella dedicata dedicata a Vittorio Arconti, le Associazioni ANPI e AMI Gallarate proseguono con l’installazione delle PIETRE D’INCIAMPO.

Sabato 28 maggio alle ore 11 (all’angolo tra le vie Palestro e Del Popolo) vi sarà la posa in opera della pietra dedicata Clara Pirani Cardoso, figlia di Achille Pirani e Elda Pisa, nata a Milano il 23 giugno 1899.

Coniugata con Francesco Cardosi, Clara è stata arrestata a Gallarate il 12 maggio del 1944 e  deportata nel campo di sterminio di Auschwitz dove è morta il 6 agosto dello stesso anno.

redazione@varese7press.it




Elezioni amministrative. A Besozzo la lista ‘Noi con Voi’ venerdì presenterà candidati e programma

BESOZZO, 26 maggio 2022- A Besozzo la lista n. 1 “NOI con VOI” avente come candidato sindaco Emanuela Gervasini, domani sera alle ore 21 aprirà la campagna elettorale presso il parco del Cioss (via Mazzini, antistante il palazzo comunale).

Evento durante il quale verranno presentati linee guida del programma e candidati al consiglio comunale.

Apertura campagna elettorale alla quale parteciperanno anche il parlamentare leghista Leonardo Tarantino e la vice presidente del Consiglio regionale Lombardia Francesca Brianza.

In caso di maltempo la presentazione si svolgerà nel cortile comunale.

redazione@varese7press.it 




Sintomizziamoci, campagna per incentivare un dialogo in sintonia tra persone con sclerosi multipla e neurologi

MILANO, 26 maggio 2022 – SINTOMIZZIAMOCI, Sintonizzare pazienti e medici sui sintomi SM, è la campagna di sensibilizzazione e informazione, patrocinata dall’Associazione Italiana Sclerosi Multipla (AISM), ideata per sintonizzare pazienti e medici sulla stessa lunghezza d’onda nella decodificazione di sintomi e bisogni. La campagna si diffonderà sostanzialmente attraverso due canali paralleli: digitale e fisico. Il mondo dei social network, e in particolare Instagram, con la pagina dedicata SINTOMIZZIAMOCI (https://www.instagram.com/sintomizziamoci/), online dal 16 maggio, sarà il luogo privilegiato per animarne i contenuti attraverso post divulgativi su sintomi, suoni collegati, testimonianze di persone con SM e video pillole scientifiche. Mentre i Centri Sclerosi Multipla, capillarmente presenti sul territorio nazionale, a partire da inizio giugno, saranno i partner ideali per veicolare le informazioni sulla SM con contenuti informativi chiari e “sintonizzati” tra popolazione generale e specialisti neurologi.

Per il perseguimento degli obiettivi della campagna e la realizzazione dei suoi contenuti sono stati coinvolti in un laboratorio di ricerca-intervento sei persone con sclerosi multipla, quattro donne e due uomini. Guidati da un esperto di complessità in ambito terapeutico per la gestione delle patologie, hanno raccontato la propria storia, la propria esperienza nel rapporto con il neurologo, hanno descritto sintomi ed emozioni.

Con l’aiuto di Chicco Santulli, musicista e sound engineer, hanno contemporaneamente preso parte a un esperimento di sinestesia, ossia di contaminazione sensoriale. «Stimolati da specifici effetti sonori che ho realizzato ad hoc – ha spiegato Chicco Santulli – le persone coinvolte nel progetto hanno provato a rappresentare metaforicamente i sintomi della malattia per favorirne la decodificazione. Sentimenti, paure, emozioni, dubbi, domande, scoperte è il mix di informazioni raccolte per generare un vocabolario – comune e condiviso – fondato sul supporto sonoro». Stanchezza, fatica, parestesia, torpore, formicolio, lentezza, energia, scosse, memoria, dolore, ascolto, piacere, difficoltà motoria, mancanza di equilibrio, cadere e tante altre sono le espressioni emerse e tradotte in suoni. Termini che non parlano solo di sintomi, ma anche di bisogni spesso incompresi o inascoltati.

Ciò che questo vocabolario ha la pretesa di contribuire a realizzare con l’aiuto dei suoni è tradurre esperienze e generare così maggiore cura e quindi un concreto miglioramento del benessere dei pazienti con SM. L’opportunità che i clinici possano poter guardare anche alla persona oltre che alla patologia da un lato e avere pazienti più consapevoli su sintomi e patologia dall’altro, sono i due focus emersi durante il laboratorio. In sintesi serve un rapporto nuovo medico-paziente e un nuovo registro comunicativo.

 

Lo evidenzia bene il prof. Giacomo Lus, neurologo Responsabile Centro Studi SM Seconda Università di Napoli, affermando che «la relazione comunicativa medico-paziente è un elemento critico, in quanto flusso di esperienze e influenze mediato dalla gestualità e dalla verbalizzazione, gestito da personalità e contaminato da pathos. Empatia, simpatia, antipatia sono elementi importanti del flusso comunicativo. Il medico va inteso come un coach che deve conoscere bene la persona con SM così come la persona deve conoscere bene le caratteristiche del proprio coach. Ciò sarà possibile solo comunicando».



Assegnati a Villa Doria Pamphilj i Premi dell’XI edizione del Premio De Sanctis

ROMA, 26 maggio 2022-Si è svolta mercoledì 25 maggio presso la residenza di Stato di Villa Doria Pamphilj la cerimonia di premiazione dell’XI edizione del Premio De Sanctis per la Letteratura, riconoscimento annuale rivolto alle eccellenze della letteratura italiana ed internazionale che si pone l’obiettivo di individuare testi innovativi sia da un punto di vista tecnico che di contenuto. La serata è stata condotta dalla giornalista Ilaria Gaspari.

Erano presenti all’iniziativa, per portare i propri saluti istituzionali, il Presidente della Fondazione, Francesco De Sanctis, il Ministro dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa, il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, il Sottosegretario del Ministero della Cultura Lucia Borgonzoni e il Direttore Generale per la Diplomazia Pubblica e Culturale del MAECI, Pasquale Terracciano.

 Il Premio, che quest’anno ha ottenuto l’adesione del Presidente della Repubblica, è stato assegnato da una giuria composta da Giorgio Ficara (Presidente) Nadia Fusini, Elisabetta Rasy, Raffaele Manica, Massimo Onofri, Raffaello Palumbo Mosca e Giacomo Marramao.

Vincitori dell’edizione 2022 sono Enrico Terrinoni, Premio speciale della giuria per Su tutti i vivi e i morti. Joyce a Roma (Feltrinelli, 2022), Emanuele Trevi, Premio per il saggio breve per l’introduzione a Cesare Garboli, Trenta poesie famigliari di Giovanni Pascoli (Quodlibet, 2020) e Benedetta Craveri, Premio per la letteratura per La contessa (Adelphi 2021).

Sul palco, a consegnare le medaglie, c’erano rispettivamente Direttore Generale Educazione, Ricerca e Istituti culturali del Mibact Mario Turetta per Enrico Terrinoni, l’attrice Isabella Ferrari per Emanuele Trevi e l’Ambasciatrice Emanuela D’Alessandro, consigliere diplomatico del Presidente della Repubblica.

 Nell’ambito della  categoria “Libro dimenticato da ristampare”, la giuria ha decretato vincitrice l’opera Idea della Russia di G.A. Borgese.

In chiusura della cerimonia Maurizio Beretta, responsabile della comunicazione del gruppo UniCredit, ha consegnato personalmente la targa della Presidenza della Repubblica al Dott. Francesco De Sanctis.

Il Premio De Sanctis è stato realizzato in collaborazione con ACI, Terna e L’Igiene Urbana Evolution. L’iniziativa gode del patricinio di RAI.




Leonardo e Politecnico di Milano: conclusa la formazione per otto studenti

SAMARATE, 25 maggio 2022-A un anno dalla prima esperienza sul campo per un gruppo di studenti del Politecnico di Milano, si è conclusa la seconda edizione della campagna di prove di volo didattiche nell’ambito dell’insegnamento di Sperimentazione in Volo della Laurea Magistrale in Ingegneria Aeronautica presso lo stabilimento Leonardo di Cascina Costa di Samarate .

Dal 16 al 24 maggio, otto studenti accompagnati da due docenti del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Aerospaziali del Politecnico hanno avuto modo di mettere in pratica quanto fino ad ora appreso a livello teorico in materia di FTE – Flight Test Engineering. Le attività hanno inizialmente riguardato una approfondita familiarizzazione con l’elicottero, aspetti di sicurezza e procedure di gestione dell’emergenza, pianificazione e revisione delle test card e punti prova, col pieno coinvolgimento di Test Pilots e Flight Test Engineers di Leonardo. Le attività hanno raggiunto l’apice con otto voli, preceduti da briefing di pre-volo, rispettivamente quattro su AW109 GrandNew e quattro su AW189 strumentati per l’occasione per un totale di circa otto ore.

Nel corso di tali attività sono state effettuate valutazioni di controllabilità e stabilità statica. Si tratta di opportunità uniche per i giovani studenti che hanno modo di confrontarsi in contesti reali e al massimo livello con le fasi di pianificazione, esecuzione, raccolta ‘data’ e analisi, e infine reporting delle attività di flight test, apprezzando l’applicabilità delle metodologie di riferimento e dei relativi standard.

Una nuova importante occasione di confronto tra industria e mondo della formazione, preparando oggi le giovani generazioni ad essere i professionisti e gli specialisti di domani in questo fondamentale e innovativo settore di attività in campo aeronautico.