Ultime visite guidate alla Grotta Rameron

0
260

BARASSO, 7 ottobre 2019-Si avvia a conclusione la stagione turistica della Grotta Remeron; domenica 13, 20 e 27 ottobre saranno infatti le ultime giornate dove sarà possibile visitare la cavità turistica con le ormai classiche escursioni che hanno origine dalla Colonia Rossi di Barasso in via al Piano 3.

Più di 2000 i visitatori che, nel corso del 2019, si sono avventurati lungo il percorso turistico che, rinnovato nel 2004, permette la discesa sino a quota – 50 metri dall’ingresso e che, nel Grande Salone della Remeron, hanno provato l’esperienza del buio assoluto, normalmente riservata solo agli speleologi.

L’escursione dura complessivamente tre ore: accompagnati da una guida si attraversa in superficie il Parco Campo dei Fiori che sta iniziando in questi giorni a tinteggiarsi dei colori autunnali e parte in sotterranea direttamente nella cavità.

Location di partenza la ex Colonia Elioterapica Rossi di Barasso: edifica nel 1937 dal cavalier Leonida Rossi in memoria della figlia Marisa, morta a soli 11 anni, e in grado di permettere, ai figli dei dipendenti e ai bambini del territorio, di trascorrere le giornate dei mesi estivi in una località salubre; recuperata dal Comune di Barasso negli anni Novanta, è oggi la base delle  escursioni sul versante sud del Parco Regionale Campo dei Fiori; per tutti gli escursionisti c’è la possibilità di fruire di un ristoro tra le 12.30 e le 14.30.

Una stagione finisce, ma si pensa subito alla prossima, con particolare attenzione ai più piccoli, sia durante le visite delle famiglie, sia per le escursioni dedicate alle scuole: un nuovo percorso scientifico dedicato ai bambini e una nuova selezione di guide sono infatti i due obiettivi che l’Associazione si è posta in vista della riapertura del 2020 grazie al supporto di Parco Regionale Campo dei Fiori, Comune di Barasso e Comune di Comerio.

Per acquistare i biglietti: www.grottaremeron.com

Per informazioni: tel 800 090239 – guide@grottaremeron.it

(Fotografie: Luca Leone – Selene Macchi)

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui