La Penultima Cena-The Langhe Supper: una mangiata di 24 ore in diretta

0
407

ALBA, 9 ottobre 2019- Dodici pasti da 2 ore, per tredici persone ogni 2 ore. Tutto in presa diretta, per una lunga tavola conviviale che dura 24 ore.

Cornice dell’evento un vigneto con lo sfondo delle colline dell’UNESCO e la torre di Barbaresco

La Penultima Cena-  The Langhe Supper rappresenta un’esperienza totalizzante, totalmente immersiva, un carattere unico: prendere parte alla realizzazione di un’opera d’arte, mentre si gustano prodotti del territorio e si è immersi nel panorama delle Langhe. L’appuntamento è il 13 ottobre, una 24 ore culinaria che diviene palcoscenico per la prima opera  all’interno della 89esima Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba.

E’ Anotherview, un progetto di Marco Tabasso, Tatiana Uzlova e Robert Andriessen che consiste nella realizzazione di “finestre nomadi digitali”, ognuna delle quali racconta un giorno della vita di un luogo diverso del mondo. Ogni panoramica viene poi installata all’interno di una finestra fisica che riproduce le sembianze della finestra da cui la vista è stata registrata. 12 tavolate con 12 protagonisti ciascuna e un cerimoniere. Ospiti inediti nel mondo dell’arte, della cultura e della enogastronomia si susseguiranno assieme a personaggi tipici della tradizione piemontese. Un calendario fitto di appuntamenti dove la lamellata di tartufo è d’obbligo per i tre piatti proposti, antipasto, primo e secondo, oltre al dolce:

Alle 6 arrivano all’alba con i cani e le luci a illuminare la tavolata i cercatori di tartufo, per scoprire cosa si è trovato quella notte

Alle 8 è prevista una colazione per i bambini con un mago che spiega le proprietà e la preziosità del tartufo attraverso giochi e magie

Alle 10 i suonatori di jazz animano l’area e saranno presenti gli amici della Fiera del Tartufo

Alle 12 con il sottofondo delle fisarmoniche saranno presenti diversi collezionisti di opere d’arte

Alle 14 è la volta dei collezionisti di vino, intrattenuti dalla confraternita della Nocciola delle Langhe

Alle 16 alla presenza di diversi chef, Oldani presenterà il suo nuovo XFETTA, uno strumento innovativo per “grattare” il tartufo‬. Tris di stelle con i piatti preparati dallo stesso Oldani, Maurilio Garola (1 stella Michelin della Ciau del Tornavento e dell’osteria Campamac) e gli chef Alessandro Negrini e Fabio Pisani de Il Luogo di Aimo e Nadia (2 stelle Michelin) che realizzeranno un dolce milanese al tartufo, per celebrare la Milano- Alba, andata e ritorno.

Alle 18 gli ospiti si dovranno vestire in costume per rivivere un’atmosfera d’altri tempi agli ospiti, con il passaggio dei membri del palio degli asini

Alle 20 un performance nella performance con artisti in costume medioevale e un sottofondo di musica classica

Alle 22 è la volta dei galleristi, intrattenuti da musica locale

A mezzanotte è la volta dei produttori di vino

Alle 2 ci sarà un dj che proporrà agli ospiti di ballare insieme ai membri della Fiera del Tartufo

Alle 4, l’ultimo slot per registrare, gli ospiti dovranno coprirsi di lenzuoli e interpretare i fantasmi

Nulla di più affine allo scopo ultimo della 89esima Fiera Internazionale del Tartufo di Alba: “conoscere da vicino, annusare, toccare, assaggiare gli elementi della cultura materiale del Piemonte attraverso degustazioni, esperienze sensoriali e laboratori”. La Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba quest’anno celebra l’equilibrio perfetto che unisce la tradizione e l’innovazione, che dialoga tra esperienza quotidiana e l’eccellenza. Ed è proprio in quest’ottica che si pone il progetto Anotherview: un atto performativo e condiviso che celebra l’autenticità delle colline di Langhe Roero e Monferrato e la rarità del Tartufo Bianco d’Alba elevandole ad opera d’arte. Il sostegno a questo progetto, nella scia di un costante appoggio a progetti culturali di valore che negli anni si sono affiancati alla Fiera vera e propria, contribuisce a portare nel mondo le terre e le tartufaie naturali dove i trifolao con i loro cani trovano il più prezioso diamante di queste terre.

Il tavolo di legno realizzato tra le vigne di Duilio Forte

Il tavolo stesso su cui verranno portati i piatti è un’opera d’arte, costruita direttamente tra le vigne da Duilio Forte. Artista italo- svedese, si laurea in architettura presso il Politecnico di Milano e fonda AtelierFORTE. Il suo lavoro si ispira ad animali immaginari, estinti e alla mitologia scandinava attraverso la regola ArkiZoic, da lui stesso inventata.

Partecipa alla XI e XII Biennale internazionale di Architettura di Venezia e alla XXI Triennale internazionale di Milano. Ha prodotto 49 opere monumentali lignee della serie Sleipnir (h 10 per 15 m), ispirate al leggendario cavallo di Odino. Ha esposto in Svezia, Svizzera, Francia, Polonia, Italia, Monte Carlo, Slovacchia, Corea del Sud, Cina e USA.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui