Mobilitazione dei giovani leghisti: “Il sindaco Cassani non si tocca”

0
932

VARESE, 20 novembre 2019 – I ragazzi della Lega Giovani della Provincia di Varese e della Lombardia hanno deciso di fare quadrato intorno al giovane sindaco di Gallarate Andrea Cassani. E dopo l’hashtag “#FORZACASSA” diventato virale nei gruppi social gallaratesi – e non solo -, hanno voluto spalleggiare il loro sindaco con una serie di striscioni di supporto dal titolo: “Non si tocca il sindaco Cassani”. Cassani era stato infatti in precedenza proprio Coordinatore dei Giovani Padani di Gallarate. 

“Esprimiamo la nostra più grande vicinanza ad Andrea Cassani, – spiegano Nicolò Postizzi e Francesco Tiziani, rispettivamente consigliere comunale e Coordinatore della Lega Giovani di Gallarate – che in questi anni si è distinto sia come amministratore attento e amato dalla gente sia come integerrimo e determinato uomo.

Cassani sta amministrando mettendoci energia e cuore, ogni giorno sempre di più, in un contesto politico complesso. Come si evince dall’ordinanza che portò agli arresti del 7 maggio scorso – continua il comunicato -, due anni di intercettazioni telefoniche, ambientali e documentali hanno messo in evidenza come Cassani sia stato un baluardo della legalità, un ostacolo che il sodalizio criminoso provava ad aggirare. Non si può dare credito a chi vuole gettare fango su una persona e un amministratore onesto. Crediamo vivamente nella giustizia, e per questo motivo auspichiamo in un lavoro eccellente e solerte da parte di essa, affinché si dipani velocemente qualsivoglia ombra sull’attività del nostro sindaco, perché le persone oneste non devono essere mediaticamente e moralmente colpite da qualche corrotto calunniatore. Siamo sicuri che il sindaco ne uscirà a testa alta perché, come i tantissimi cittadini che da giorni gli stanno esprimendo solidarietà e fiducia, lo conosciamo e siamo certi della sua integrità e onestà. Cassani ne uscirà più forte di prima e amministrerà ancora per tanti anni Gallarate”.

Interviene sulla vicenda anche Riccardo Guzzetti, Coordinatore provinciale della Lega Giovani di Varese: “In questi giorni, noi giovani della Lega ci sentiamo un po’ tutti Andrea Cassani. Io stesso, da giovane amministratore nella mia Saronno, non posso immaginare cosa potrebbe succedermi da un giorno all’altro per colpa delle calunnie di qualcuno che cerca un capro espiatorio, ma mi rendo conto che non posso, non possiamo arrenderci. Ne va della fiducia che i cittadini hanno riposto in noi e nella Lega”.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui