Arrestato rapinatore seriale di Autogrill e distributori di benzina sulla Milano-Laghi

0
508

VARESE, 14 gennaio 2020-E’stato arrestato ieri dalla Polizia Stradale di Milano,  D.M. di  51 anni, provvedimento restrittivo emesso dal G.I.P. presso il Tribunale di Milano.

L’uomo é stato arrestato dopo una capillare attività investigativa da parte del personale delle Sottosezioni Polizia Stradale di Busto Arsizio, di Milano Ovest e di Novara Est, con il coordinamento ed il supporto della Squadra Polizia Giudiziaria del Compartimento Polizia Stradale di Milano. I fatti riguardano 6 rapine a mano armata consumate o tentate nell’arco temporale tra il 10 ed il 13 dicembre 2019 in danno di locali Autogrill e distributori di carburante lungo le autostrade dell’hinterland milanese.

L’indagine, curata dalla Polizia Stradale, permetteva di individuare D.M. quale responsabile delle seguenti rapine a mano armata consumate o tentate: Rapina al locale Autogrill spa presso area di servizio Assago Ovest lungo A50 del 10.12.19 ore 02.00; Rapina al locale Autogrill spa presso area di servizio Lario Est lungo A9 del 10.12.19 ore 04.10; Tentata rapina presso distributore carburante presso area di servizio Cantalupa lungo A7 del 10.12.19 ore 07.30; Tentata rapina presso distributore carburante dell’area di servizio Muggiano Ovest lungo A50 del 10.12.19 ore 18.40; Rapina al locale Autogrill spa presso l’area di servizio Pero lungo A4 del 11.12.19 ore 01.27; Rapina al locale Autogrill spa presso McDonald’s di Binasco del 13.12.19 ore 00.35.

Le indagini erano indirizzate al sistematico modus operandi adottato dal rapinatore seriale, il quale utilizzava la medesima autovettura Renault Megane Scenic di colore grigio chiaro, alla quale erano sistematicamente apposte targhe rubate a veicoli in sosta, nelle ore immediatamente precedenti alle rapine. L’autore dei reiterati reati predatori si liberava poi delle targhe dolosamente asportate. La scoperta del luogo di uno di tali “abbandoni”, permetteva di circoscrivere il campo delle ricerche ed individuare nel D.M. l’autore delle rapine sopra citate. Costui, infatti, era effettivamente proprietario ed utilizzatore di una Renault Scenic di colore grigio, identica marca, modello e colore del veicolo segnalato dalle diverse parti offesa, veicolo in uso al solitario rapinatore.

A seguito dell’individuazione dell’autovettura in parola veniva predisposto mirato e costante servizio di pedinamento protrattosi per diversi giorni. Grazie a tale attività il rapinatore era sorpreso nella flagranza di reato dell’ennesima rapina a mano armata perpetrata in danno del locale McDonald’s di Legnano nella serata del 18 dicembre e per tali fatti era tratto in arresto dalla Polizia Stradale, dopo un inseguimento terminato in Caronno Pertusella. All’interno dell’autovettura, la già individuata Renault Megan grigia, che anche in tale occasione, era munita di targhe provento del delitto di furto ai danni di ignari cittadini, che avevano parcheggiato la propria autovettura nei pressi delle differenti attività lavorative, gli Agenti rinvenivano tre pistole che si rivelavano fedeli riproduzioni di quelle in uso alle Forze di Polizia, il denaro provento della rapina legnanese, nonché alcuni coltelli a serramanico e numerose fascette da elettricista utilizzate per apporre le targhe su quelle originali. L’acquisizione dei filmati video ripresi dalle diverse stazioni di servizio ed esercizi commerciali, la ricognizione fotografica operata dalle rispettive parti offese, consentiva di individuare univoci e concordanti indizi di colpevolezza nei confronti del D.M., nei cui confronti, l’A.G. di Milano, corroborando la pregnante ed esaustiva attività d’indagine degli investigatori, emetteva l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, eseguita in data 13 gennaio 2020. Il cittadino italiano, pregiudicato anche per altre rapine, disoccupato, veniva lasciato a disposizione dell’A.G. di Milano presso la Casa Circondariale di Busto Arsizio, ove già era detenuto a seguito della convalida dell’arresto in flagranza eseguito lo scorso 18 dicembre.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui