Servizio legale gratuito nel nome della cultura: stipulata convenzione tra studio legale A&A e Comune di Busto Arsizio

0
397
Giorgoi Albé con l'assessore Maffioli

BUSTO ARSIZIO, 15 febbraio 2020-Le politiche culturali dell’Amministrazione comunale possono contare su una nuova forma di collaborazione gratuita che potrà dare ulteriore slancio al settore e alla città in generale.

E’ stata infatti di recente approvata dalla Giunta  la convenzione di sponsorizzazione culturale tecnica con A & A Studio Legale, ai sensi degli artt. 19 e 151 del D. Lgs. n. 50/2016.

A & A Studio Legale, che ha sedi a Busto Arsizio, Milano, Roma e Bologna, attraverso il proprio Dipartimento di “Diritto della Cultura”, fornirà gratuitamente i servizi legali necessari al miglioramento della gestione del Museo del Tessile e della Tradizione Industriale e, più in generale, all’implementazione dei servizi culturali rivolti dal Comune alla collettività, così promuovendo, come richiede l’art. 9 della Costituzione, lo sviluppo della cultura e la tutela del patrimonio storico-artistico.

La convenzione, che sarà sottoscritta nei prossimi giorni, ha durata sino al 31 dicembre 2020 e prevede un impegno di centocinquanta ore di lavoro professionale.

A fronte dei servizi legali offerti, al Comune è richiesto, per la durata della Convenzione, l’impegno a promuovere la diffusione di tale collaborazione e ad associare il nome e il logo dello Studio alle iniziative culturali realizzate nel Museo del Tessile.

“La  convenzione con lo Studio Legale A & A per le politiche culturali della nostra Amministrazione Comunale segna una tappa molto importante a sostegno della cultura in Città – afferma la vicesindaco e assessore alla Cultura Manuela Maffioli -. Un settore che rivendico come strategico, da cui attingere sempre più a piene mani, per lo sviluppo degli individui e quindi della società, come anche del nostro territorio, che può e deve trarre sempre più benefici anche economici dalla cultura. Quello dello Studio Legale A & A è un grande gesto di mecenatismo che si affianca alla generosità che stanno dimostrando anche numerosi imprenditori, convinti dell’importanza dell’investimento sul fronte culturale. Un gesto, tanti gesti, che spero forieri di una nuova “primavera culturale” bustocca che merita la nostra più profonda riconoscenza”.

“Sentiamo un forte senso di identità e di appartenenza alla nostra comunità – commenta Giorgio Albè, socio fondatore di A & A Studio Legale, Dipartimento di Diritto della Cultura -. Una città come Busto Arsizio, ricca di storia e cultura industriale, per lo sviluppo e la promozione del proprio patrimonio necessita della partecipazione attiva e diffusa della comunità Siamo felici di poter dare il nostro contributo alla comunità del territorio dove affondano le radici del nostro studio”.

Per Oscar Prevosti, avvocato di A & A Studio Legale, Dipartimento di Diritto della Cultura, “il partenariato pubblico-privato rappresenta un’innovativa modalità di attuazione dell’articolo 9 della Costituzione, che assegna alla Repubblica il compito di promuovere la cultura e tutelare il patrimonio artistico del Paese. Grazie a questa convenzione, lavoreremo insieme al Comune di Busto Arsizio per implementare i servizi culturali offerti alla cittadinanza”.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui