giovedì, Aprile 25, 2024
HomePoliticaAstuti (PD), “Regione Lombardia in grave ritardo sulla cassa in deroga, un...

Astuti (PD), “Regione Lombardia in grave ritardo sulla cassa in deroga, un problema per lavoratori delle piccole imprese”

VARESE, 22 aprile 2020-Solo 37 domande di Cassa in deroga di aziende lombarde sono state avanzate dalla Regione Lombardia all’Inps, contro le 25676 del Lazio, le 8393 della Campania, le 1900 della Liguria e le 1355 dell’Emilia Romagna. Sono i numeri contenuti nelle tabelle presentate lunedì 20 aprile dal presidente dell’INPS Pasquale Tridico davanti alla Commissione Lavoro della Camera dei Deputati.

I primi invii di richieste dalla Lombardia sono arrivati il 15 aprile, insieme a quelli della Valle d’Aosta, ben cinque giorni dopo Emilia Romagna, Veneto e Piemonte. Il Lazio le ha inviate a partire dal 2 aprile, due settimane prima. Il gruppo regionale del Pd annuncia che depositerà un’interrogazione.

“Questa emergenza sanitaria sta trovando la Lombardia in difficoltà su diversi fronti – dichiara il consigliere regionale del Pd Samuele Astuti – compreso quello del supporto alle aziende, soprattutto piccole e piccolissime, che il Governo ha ammesso alla Cassa integrazione in deroga. I lavoratori di queste imprese lombarde dovranno attendere molto di più dei loro omologhi della maggior parte delle altre regioni italiane, perché la Regione sta tardando a mandare all’Inps le richieste. I numeri mostrati alla Camera dal presidente dell’Inps Tridico purtroppo dimostrano che Palazzo Lombardia non si è attrezzata a dovere per raccogliere, processare e inviare le tante domande che sapevamo sarebbero arrivate. Un problema di mancata programmazione, aggravato dal fatto che i consulenti del lavoro ci dicono che la procedura per inserire le domande è complessa, onerosa, decisamente poco moderna per una Regione che dovrebbe essere all’avanguardia. La Regione deve correre ai ripari, potenziare il servizio e accelerare tutto l’iter, perché ne va dei tempi di ricezione della cassa integrazione per molti lavoratori delle imprese più piccole, che sono anche quelle in maggiore difficoltà.”

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular