A Varese Festa della Repubblica con pochi convenevoli e senza pubblico. Galimberti: ”Che sia una festa per tutti e non di parte”

0
892
Un momento della cerimonia

VARESE, 2 giugno 2020-di GIANNI BERALDO-

Una cerimonia particolare, quasi intima oseremmo dire, quella svoltasi questa mattina a Varese pe la Festa della Repubblica.

Senza pubblico ma con drappello d’onore dei Carabinieri oltre a rappresentanti di tutte le altre forze dell’ordine e dell’esercito, questa mattina a partire dalle 9 si é onorato il 2 Giugno con il saluto del prefetto Dario Caputo, il presidente della Provincia Emanuele Antonelli e il sindaco Davide Galimberti.

Cerimonia avvenuta come consuetidine presso il Monumento ai Caduti di Piazza Repubblica.

Tutti i presenti ovviamente con mascherina protettiva e cura della distanza di sicurezza.

Una Festa della Repubblica dal tono ridotto, dal breve cerimoniale e ovviamente senza interventi conclusivi nella vicina aula magna dell”Universitá dell’Insubria come avveniva negli anni scorsi e come si spera continuerá a essere a partire dal prossimo anno.

«Oggi celebriamo una Festa della Repubblica unica nel suo genere e memore del Presidente Carlo Azeglio Ciampi che ha avuto il coraggio di rompere gli schemi di una certa ideologia e di rilanciare questo giorno speciale. Penso che siano sacrosante le parole del Presidente Mattarella che invita a essere uniti e non sprecare questo giorno in manifestazioni e parole di parte almeno per rispetto di chi soffre, di chi ha sofferto e di chi soffrirà per la salute e il dolore, o per la propria situazione economica. A #Varese, come in Lombardia, come a Roma, buona festa della Repubblica di tutti e non di una parte. Buona unità a Varese e all’Italia», queste le dichiarazioni del sindaco Galimberti.

redazione@varese7press.it

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui