Il Punto di Nicola Gervasini: ”Governo in 280 caratteri”

0
793
Il Premier Giuseppe Conte

VARESE, 8 giugno 2020- di NICOLA GERVASINI-

I tremendi disordini che stanno devastando gli Stati Uniti dopo l’omicidio di George Floyd da parte di una pattuglia della polizia stanno mettendo in secondo piano un fatto certamente meno devastante, ma certo da non sottovalutare. Poco prima che scoppiasse la rivolta infatti il presidente Trump si stava rendendo protagonista di una polemica con Twitter, la piattaforma social che lui stesso predilige come primario strumento di comunicazione. Il social, proprietà di Jack Dorsey, si è reso “colpevole” di aver segnalato come possibile fake news un tweet del Presidente, invitando gli utenti a verificare la notizia. Non lo ha cancellato (come teoricamente potrebbe), ma ne ha messo pubblicamente in evidenza la possibile falsità.

Ovvia la veemente reazione di Trump, che è stata anche molto pratica, con una ordinanza (ancora non effettiva) di modifica della Section 230 del ​Telecommunications Act del 1996, grazie al quale le aziende dei social (quindi anche Facebook, che dalla polemica ha tentato di smarcarsi) non sono responsabili direttamente per quanto pubblicato dai lor utenti. La guerra legale non è finita qui, perché da una parte Trump si appella all’appunto inappellabile principio di libertà di parola della costituzione americana, ma dall’altra Twitter è una azienda privata che ha il diritto di gestire la propria piattaforma secondo proprie regole. Per esempio, potrebbe anche cancellare l’account di Trump, se ne ha le giuste motivazioni di violazione della propria policy di comportamento, e immaginate le conseguenze di un simile atto così drastico.

Ma quello che ci interessa è notare come questo fatto, finisca come finisca, ha reso evidente l’incredibile paradosso di una comunicazione istituzionale demandata a piattaforme regolate da privati. In altre parole, Jack Dorsey è proprietario della comunicazione di tutti i nostri governanti (perché ovviamente la cosa succede in Italia come in gran parte del resto del mondo), e anche in piena emergenza Covid-19 ci siamo resi conto come comunicazioni anche importanti alla popolazione siano state rese pubbliche non attraverso canali istituzionali, ma attraverso i social.

Manifestazioni a New York nel ricordo di George Floyd

Dove, ovviamente, la comunicazione istituzionale, che per sua definizione è unidirezionale e non necessita di una replica, finisce invece nel calderone di commenti, battute, sfottò, volgarità, insulti e odio che anima già normalmente l’arena social. La speranza dunque è che se pure Trump si renderà conto che forse passare solo da Twitter sia un errore, questo possa avvenire anche da noi.

Personalmente penso che sarebbe corretto vietare l’uso dei social a chiunque abbia un ruolo istituzionale, che ha ben altri modi e strumenti per farlo. Auspico insomma che la comunicazione governativa e quella politica (quella sì che può anche tuffarsi nel mare di commenti e polemiche dei social, è la sua natura) divengano due cose diverse e ben separate, un’utopia forse, ma lasciatemi almeno sperare che quanto sta accadendo oltreoceano possa spingerci verso quella direzione.

Nicola Gervasini

redazione@varese7press.it

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui