A Busto Arsizio grande voglia di cinema: successo per proiezioni all’aperto

0
679
Successo di pubblico per film al Museo del Tessile

BUSTO ARSIZIO, 20 luglio 2020-Quello con il grande schermo si conferma un appuntamento tra i più amati da chi resta in città in estate. I numeri registrati nelle prime settimane hanno dimostrato che la voglia di cinema è stata solo “messa in pausa” dall’emergenza sanitaria, ma non è affatto scomparsa. Gli spettatori hanno risposto con entusiasmo alla proposta del cartellone dei film sotto le stelle e le proiezioni del mese di luglio hanno registrato il tutto esaurito. Queste premesse fanno pensare che anche in agosto l’iniziativa proseguirà con lo stesso successo.

Organizzata dall’Istituto Cinematografico Michelangelo Antonioni, dal BA Film Festival e dal  circuito “Sguardi d’Essai”, in collaborazione con l’Amministrazione comunale, la rassegna è inserita nella programmazione di “BA Cultura per l’estate”.

“Con il cinema all’aperto, parte integrante del programma culturale estivo ‘BACultura per l’Estate’, la cultura si conferma protagonista anche per tutto il mese di agosto – sottolinea la Vicesindaco e Assessore alla Cultura Manuela Maffioli – Le proiezioni nella nostra ‘arena estiva’ intendono offrire un’occasione di fruizione condivisa della Settima arte a tutti coloro che saranno in città e, nel contempo, tenere alta la voce della cultura dal vivo, forzatamente tacitata durante le settimane più buie della pandemia, ma, almeno a Busto, tornata appena possibile a risuonare. Una volontà precisa dell’Assessorato alla Cultura, realizzata grazie alle Associazioni culturali cittadine. In particolare, per i film sotto le stelle, il mio grazie va al prezioso ‘Sistema Cinema’ : Istituto Antonioni, Baff, Sguardi d’Essai e sale”                                 
In agosto le proiezioni sono in programma sempre al sabato sera, ma con inizio anticipato alle ore 21.30 (ingresso dalle ore 20.30). Invariata la location, il Giardino quadrato del Museo del Tessile (via Volta 6), così come le modalità di accesso: l’ingresso è gratuito ma è necessario prenotare inviando una mail all’indirizzo prenotazioniBAcinema@gmail.com. I posti disponibili sono 150. In caso di maltempo gli appuntamenti verranno annullati.

L’associazione di Protezione civile “G. Garibaldi” vigilerà sul rispetto delle norme di sicurezza (è obbligatorio indossare la mascherina e igienizzare le mani) e di distanziamento sociale.

Questi i titoli selezionati per il mese di agosto:

1 agosto   Il mio capolavoro di Gaston Duprat (Commedia, Giallo – Spagna, Argentina)

8 agosto   Le invisibili di Louis-Julien Petit (Commedia sociale – Francia)

15 agosto Non ci resta che vincere di Javier Fesser (Commedia – Spagna)

22 agosto Dililì a Parigi di Michel Ocelot (Animazione – Francia)

29 agosto La donna elettrica di Benedikt Erlingsson (Commedia, Drammatico – Francia, Islanda, Ucraina)

Il primo film (Il mio capolavoro) è il racconto – tra thriller e commedia – di un’amicizia tra un pittore e un gallerista, mentre Non ci resta che vincere segue la vicenda di un allenatore di basket alle prese con una squadra di giocatori affetti da disabilità intellettive. Personaggi femminili dalla forte personalità sono invece al centro delle altre tre storie: un gruppo di assistenti sociali decise a trovare un lavoro a donne senza fissa dimora (Le invisibili), una bambina intelligente e coraggiosa che vuole sgominare una banda di malfattori (Dililì a Parigi) e la direttrice di un coro impegnata a sabotare una multinazionale (La donna elettrica).

Paolo Castelli, direttore esecutivo del BA Film Festival e portavoce di Sguardi d’Essai sintetizza così la suggestione dei cinema all’aperto: «Arena estiva a B.A. Un evento nella città delle sale cinematografiche, della scuola di cinema e del festival. In un bellissimo documentario di Riccardo Marchesini dal titolo “Buio in sala”, Gianni Morandi e Samuele Bersani ricordano le arene estive emiliano-romagnole: il proiezionista, lo schermo bianco, il buio che si avvicina, le stelle, le lucciole, gli sguardi tra gli spettatori, le coppiette, i cinefili, i titoli di testa, l’inizio del film, il silenzio assoluto… Un immaginario che si rinnova anche a B.A., pur nelle attuali condizioni. Buona visione!»

 

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui