La RSA Villaggio Amico di Gerenzano riapre le visite a familiari e parenti degli ospiti

0
479
GERENZANO, 27 luglio 2020 – Villaggio Amico, RSA che si trova a Gerenzano, riapre le sue porte ai famigliari e ai visitatori degli ospiti.
Dopo il periodo di chiusura dovuta all’emergenza e la riapertura di alcuni servizi del Centro Polifunzionale Villaggio Amico, come il Centro Diurno Disabili, il Poliambulatorio e il Centro Estivo per bambini, la struttura riparte con gli incontri tra ospiti e famigliari.
Per continuare a garantire la sicurezza di tutti, in una struttura che non ha avuto nessun caso di Covid, sono state adottate procedure e accorgimenti specifici.
Gli ingressi dei famigliari e dei visitatori avvengono solo su appuntamento telefonico in modo da garantire flussi controllati. Ogni incontro viene concordato con l’equipe dedicata al progetto di accoglienza del famigliare.
Il giorno antecedente alla visita viene effettuato il triage telefonico che viene poi confermato il giorno dell’incontro; al momento dell’accesso in struttura viene rilevata la temperatura del visitatore che procede poi alla igienizzazione delle mani e a indossare tutti i dispositivi di protezione individuali che vengono forniti da Villaggio Amico. Inoltre il visitatore viene formato sui comportamenti da attuare nel corso della visita per garantire la massima protezione e accompagnato dall’educatore professionale, attraverso percorsi prestabiliti, nel luogo dove avverrà l’incontro con il proprio caro. Durante l’incontro vi è sempre la presenza di un operatore che sostiene il famigliare e l’ospite anche da un punto di vista psicologico.

 

“Si tratta di un momento gioioso ma anche molto delicato dal punto di vista emotivo; i nostri ospiti rivedono le proprie famiglie dopo quasi cinque mesi in cui hanno mantenuto i contatti con i propri cari attraverso telefonate e videochiamate. – ha commentato la dottoressa Marina Indino, Direttore Generale di Villaggio Amico – Talvolta l’emotività del momento e lo stress del periodo richiedono un supporto psicologico, per questo motivo abbiamo previsto il coinvolgimento della psicologa di Villaggio Amico che sarà eventualmente presente agli incontri per supportare la famiglia”.
“Incontrarsi, dopo un tempo lungo e denso di preoccupazioni come è stato quello della chiusura delle RSA a causa della pandemia, può essere emotivamente complesso sia per le persone ospiti sia per i loro famigliari. Gli aspetti da considerare sono molteplici: penso, ad esempio, alle persone che a causa di particolari difficoltà cognitive potrebbero non riuscire a comprendere la situazione, a gestire o a esprimere le proprie emozioni per condividerle con i propri parenti. Ritengo inoltre importante non trascurare i sentimenti con cui i famigliari arrivano all’incontro: il lockdown ha imposto loro una durissima prova emotiva. – ha raccontato la dottoressa Michela Strozzi, Psicologa e Psicoterapeuta di Villaggio Amico  Molto delicato è anche il momento del distacco alla fine dell’incontro così come lo strascico emotivo che ospite e famigliare si porteranno dentro. Dopo ogni visita, lo stato d’animo e il comportamento delle persone ospiti viene infatti osservato con attenzione dal personale, che, quando è necessario, si confronta con me”.
Dopo l’incontro con il proprio caro la dottoressa Strozzi è disponibile, per i famigliari che ne avessero bisogno, a un contatto telefonico al numero 02 96489496.
image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui