Una boccata d’arte tra 20 borghi italiani

0
154
Pisticci, Rione Dirupo, Foto di Daniele Viggiani

VARESE, 8 settembre 2020-Una boccata d’arte è un progetto d’arte contemporanea, diffuso e corale, realizzato da Fondazione Elpis in collaborazione con Galleria Continua.

LA MANIFESTAZIONE
La manifestazione vuole essere un’iniezione di ottimismo, una scintilla di ripresa culturale, turistica ed economica basata sull’incontro tra l’arte contemporanea e la bellezza storico artistica di 20 tra i borghi più belli ed evocativi d’Italia.

UN SOSTEGNO ALL’ARTE
Con Una boccata d’arte Fondazione Elpis desidera anche dare un significativo contributo per il sostegno dell’arte contemporanea e la valorizzazione del patrimonio storico e paesaggistico italiano, in vista della ripresa delle attività culturali del nostro Paese.

LE INIZIATIVE
I 20 borghi scelti che hanno aderito all’iniziativa, saranno animati da 20 interventi d’arte contemporanea site-specific, realizzati, per la maggior parte in esterni, da artisti italiani emergenti o già affermati, invitati da Fondazione Elpis e Galleria Continua. Venti artisti per venti borghi, in tutte e venti le regioni d’Italia.

Per questa sua prima edizione, Una boccata d’arte inaugurerà gli interventi artistici in contemporanea in tutti i borghi nel weekend del 12 e 13 settembre. Le opere rimarranno poi esposte per un mese offrendo una grande occasione di visibilità ai borghi coinvolti.

L’appuntamento Una boccata d’arte vuole favorire gli incontri all’aria aperta, in sicurezza, per gli appassionati d’arte, i collezionisti e gli operatori del settore, incentivando così il turismo di prossimità e la curiosità di chi ama vivere il proprio territorio e le iniziative che esso propone.

LA FONDAZIONE 
Fondazione Elpis, costituita nel 2020 dall’imprenditrice e collezionista d’arte contemporanea Marina Nissim, ha tra le sue finalità la tutela, la valorizzazione e la promozione delle forme espressive delle arti e della creatività contemporanee, prestando particolare attenzione all’impatto educativo e all’utilità sociale.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui