A Varese ancora alto il numero di persone contagiate. Dramma Milano con oltre 1600 nuovi casi

0
412

VARESE, 30 ottobre 2020-Rimangono ancora molto elevati i numeri relativi a persone contagiate a Varese e provincia. I dati odierni infatti parlano di altri 804 tamponi positivi relegando Varese tra le cittá piú a rischio della Lombardia.

Importanti anche i dati della provincia di Como che oggi superano addirittura Varese con 809 tamponi positivi rilevati.

Drammatica invece la situazione di Milano sempre piú vicina alla chiusura.

In questo caso i numeri impietosi dicono che nella sola cittá di Milano i positivi rileveati oggi sono 1.607 per un totale di 3.979 in tutta la sua provincia.

Cifre che fanno rabbrividire pensando soprattutto ai ricoveri ospedalieri, ora quasi al limite.

Sulla questione interviene Massimo De Rosa (M5S) consigliere regionale: «Misure stringenti, per riaprire prima. È quanto chiediamo a Regione Lombardia. La situazione in Lombardia è seria. Siamo prossimi allo scenario 4, il peggiore, perdere tempo e non decidere oggi significherebbe ritardare la ripresa di domani. Per questo chiediamo al presidente Fontana quale sia la sua strategia, di fronte a una curva dei contagi ormai sempre più simile a una retta verticale. Regione Lombardia non commetta gli stessi errori commessi a marzo. Scaricare la responsabilità di lockdown sul governo è tanto comodo quanto sbagliato, dal momento che il governo prende decisioni su scala nazionale, ma la situazione in Lombardia è, ancora una volta, decisamente peggiore rispetto al resto d’Italia. Qua lo scenario è più simile a quanto sta accadendo in Francia. Tralasciando quelle che sono le responsabilità specifiche e le ripetute mancanze di questa Giunta, ad esempio si doveva potenziare la medicina territoriale e invece mancano le Usca, in questo momento di crisi serve unità, chiediamo quali misure intenda prendere Fontana al fine di frenare l’incremento della curva dei contagi e non rischiare il collasso delle strutture ospedaliere».

redazione@varese7press.it

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui