Vendeva online documenti falsi: arrestato a Varese un cittadino ceceno

0
256
Una serie di documenti falsi sequestrati (foto digos Milano)
VARESE, 13 novembre 2020-La polizia di Milano ha arrestato a Varese un cittadino russo di etnia cecena di 35 anni, accusato di far parte di una rete internazionale.
Un vero e proprio “supermercato di documenti falsi” avvenuto online. Il traffico di documenti avveniva nel suo appartamento di Varese, pubblicizzando i suoi prodotti su Instagram e ricevendo ordini attraverso un sito web.

Il modus operandi di tale gruppo criminale è risultato il seguente: il cliente contatta al telefono o via web il gruppo criminale indicando la tipologia di documento richiesto; successivamente, dopo aver ricevuto la foto dal cliente e avuta la conferma del pagamento tramite canali money transfer, il sodalizio spedisce i documenti con uno dei vettori ordinari presenti sul territorio. Il costo di tali documenti, compreso tra i 300 e i 1.500 euro, varia a seconda del tipo dei documenti contraffatti, nonché alla quantità dell’ordine (come in una sorta di mercato al dettaglio o all’ingrosso). Sugli effettivi fruitori dei documenti falsi non è stato possibile al momento individuare una connotazione chiara.

Considerata l’origine dell’indagine, i recenti fatti di Parigi, Nizza e Vienna hanno suggerito agli investigatori l’opportunità di accelerare la conclusione dell’operazione eseguendo a Varese un decreto della Procura di Milano, con la perquisizione di tre cittadini stranieri, il 35enne russo (la cui richiesta di asilo presso l’Ufficio Immigrazione della Questura di Varese è in fase di contenzioso) e due cittadini di nazionalità ucraina, uno del 1956 e uno del 1978 entrambi regolari sul territorio nazionale.

Tutto il materiale sequestrato dalla Polizia di Stato – 30 documenti falsi (carte d’identità, patenti, passaporti, etc.), 4 personal computer e 14 telefoni cellulari – sarà oggetto di successiva analisi.

Le restrizioni epidemiologhe di questi mesi non hanno mai fermato i traffici documentali del sodalizio capeggiato dal ceceno, che, pur in possesso di patente falsa, non si muoveva dal suo appartamento nel quale recuperava gli ordini attraverso un sito web e un profilo Instagram, attraverso i quali pubblicizzava liberamente la vendita dei documenti (sul profilo Instagram era indicato “Carte di identità incluso formato elettronico. Siamo pronti ad aiutarti nell’ottenimento di documenti europei. Fare una carta d’identità. Patenti di tipo internazionale”),fornendo in rete la “garanzia soddisfatti o rimborsati” (Noi garantiamo il completamento del lavoro al 100%, altrimenti vi rimborseremo i vostri soldi”.)

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui