Mentre a Varese si discute sul nuovo Palaghiaccio a Busto Arsizio se ne progetta uno di altissimo livello

0
651
Render del nuovo Palaghiaccio e Palaginanstica di Busto Arsizio

BUSTO ARSIZIO, 29 dicembre 2020- Mentre a Varese si sta ancora discutendo sul nuovo progetto del Palaghiaccio, l‘amministrazione comunale di Busto Arsizio ha deciso di fare le cose in grande progettando un Palaghiaccio e Palaginnastica adatto anche a competizioni di livello internazionale. 

La commissione, composta dall’architetto  Sergio Callegari, in qualità di presidente, dall’arch. Roberto Brugnoni e dall’ing. Gianni Lamperti ha formulato la proposta di aggiudicazione che dovrà essere formalizzata dal responsabile del procedimento.

Il prossimo passo formale prevede il provvedimento di aggiudicazione definitiva, in seguito potranno essere resi noti tutti i dettagli dell’offerta, la verifica e l’approvazione del progetto definitivo, la redazione, verifica ed approvazione del progetto esecutivo. L’approvazione del progetto definitivo avverrà successivamente al rilascio dell’autorizzazione del CONI, che ha già comunque rilasciato parere preventivo favorevole sullo studio di fattibilità.

Il progetto del Campus di Beata Giuliana è composto dalle seguenti aree funzionali:

1. Palaghiaccio che verrà realizzato in una struttura di nuova costruzione, con una pista regolamentare da hockey di mt. 60×30 ed una superficie complessiva di circa mq. 4.700, con una capienza di circa 1.000 spettatori, la presenza di una foresteria per atleti oltre che agli altri spazi accessori (biglietteria, spogliatoi, bagni, etc.);

2. Area ristorazione a servizio della struttura e collegata con una pista di pattinaggio ludico sportiva, aggiuntiva rispetto al Palaghiaccio;

3. Area commerciale con superficie lorda non superiore 1.500 mq;

4. Area dedicata ad attività di medicina sportiva e riabilitazione di circa 600 mq;

5. Palestra di roccia all’aperto ubicata nello scheletro del palaghiaccio esistente, adeguatamente recuperato, dove troveranno spazio anche l’area ristorazione e quella a servizi;

6. Aree pertinenziali adibite a verde e parcheggio, compreso un parcheggio bipiano, per un numero complessivo di posti di poco inferiore alle 500 unità;

7. Palaginnastica che, successivamente al collaudo, verrà consegnato all’Amministrazione Comunale e da questa gestito direttamente; questa struttura si compone di diversi corpi con destinazioni funzionali diverse: il palaginnastica vero e proprio, con un campo gara di circa 1.400 mq provvisto di una tribuna con una capienza di oltre 500 spettatori, la palestra per la ginnastica generale e la palestra per la ginnastica ritmica di superficie di quasi 600 mq ciascuna. Sono inoltre previste spazi accessori, costituiti da un’area magazzino, 5 spogliatoi atleti, 3 spogliatoi tecnici/giudici di gara, bagni, palestre da riscaldamento, infermeria, uffici ed area a servizio per il pubblico. Il campo gara del palaginnastica disporrà di un’area centrale per tutte le attività di ginnastica ritmica e di corpo libero di ginnastica artistica, mentre le aree laterali saranno dedicate alle singole attività attrezzistiche della ginnastica artistica, con un’altezza pari a mt. 12, compatibile allo svolgimento delle competizioni nazionali di ginnastica artistica e ritmica. La stessa altezza è garantita anche nella palestra di ginnastica ritmica.

L’affidamento in concessione ha una durata prevista di 30 anni a partire dalla stipula del contratto, al termine dei quali tutta la struttura diverrà di proprietà comunale. Il contributo da parte del Comune di Busto Arsizio è di circa 4,5 milioni di euro IVA compresa, comprensivo anche della costruzione e consegna del palaginnastica.

L’importo dei lavori previsto dallo studio di fattibilità supera i 20 milioni di euro, per un valore complessivo della concessione di oltre 43 milioni di euro; la durata di costruzione prevista per la realizzazione dell’intera struttura è di 2 anni.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui