Sale la rabbia dei commercianti varesini: oggi lo sfogo di quelli in via Vittorio Veneto

0
518
Uno dei tanti avvisi di chiusura esposti da negozi varesini durante lockdowndurante lockdown

Varese, 26 gennaio 2021 – “Leggiamo e apprendiamo dell’ennesimo sfogo degli abitanti e dei commercianti del centro di Varese, quest’oggi in Via Vittorio Veneto, ma è soltanto uno dei tanti episodi che negli ultimi mesi, in un crescendo costante, hanno afflitto il centro città” commenta il Commissario cittadino della Lega, Cristiano Angioy Viglio.

“Il problema della sicurezza e del decoro urbano hanno ormai raggiunto una soglia inaccettabile e l’amministrazione non sembra volersene curare: episodi di vandalismo, violenza, spaccio sono frequenti e ormai pacificamente alla luce del sole.
Non stiamo parlando delle periferie o della zona stazioni, che meriterebbero ovviamente comunque molta attenzione, ma la cosa ancor più grave è che ormai il degrado è arrivato nel centro con buona pace di tutti: è questa la città che Galimberti ci lascia dopo 5 anni di amministrazione?” conclude Viglio.

“Il Vicesindaco Zanzi anche questa volta non risulta pervenuto” commenta Stefano Angei, esponente della Lega e consigliere di quartiere – “Forse Zanzi è troppo impegnato a fare opposizione alla sua stessa maggioranza, per accorgersi degli innumerevoli problemi che Varese vive in termini di sicurezza. Noi ormai da anni diamo voce a tanti cittadini e commercianti che lamentano il problema della sicurezza soprattutto in alcune zone della città. Avanzerò un’ulteriore proposta in Consiglio di quartiere” conclude Angei “visto che la prima mi è già stata bocciata, per un presidio fisso delle forze dell’ordine in quella zona, al fine di aumentare controlli”.
image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui