VaxPass, attivo da oggi il passaporto sanitario digitale gratuito accessibile tramite app

0
621

VARESE, 9 marzo 2021-È tutto pronto per il passaporto sanitario digitale VaxPass (www.vaxpass.it), uno strumento utilissimo per rendere visibili i test per il Covid a cui si è stati sottoposti, e una garanzia sull’attendibilità dell’ente dove è stato effettuato.

Uno strumento necessario per documentare se si è stati vaccinati oppure se si è guariti dal Coronavirus, e dimostrare che non si è un pericolo per la comunità.

Con l’adozione del VaxPass, le cui App per Apple e Android sono pronte a partire da oggi, martedí 9 marzo, si potranno facilitare le riaperture anche in Italia e si potrà presto anche tornare a viaggiare più serenamente, sia per il viaggiatore tanto quanto per i paesi stranieri che lo accolgono, evitando inutili quarantene.

Uno strumento fondamentale quindi per poter riprendere a vivere una vita normale, da immunizzati. Un vero e proprio lasciapassare per scuole, musei, teatri, concerti, palestre, piscine e hotel, e tutti i luoghi pubblii che caratterizzano le nostre vite.

Il passaporto vaccinale VaxPass nasce dal collaudato sistema di cartella digitale online MioID (www.mioid.com), che ora integra il nuovo VaxPass, che raccoglierà oltre gli attestati di vaccinazione o la guarigione dal virus anche i test effettuati come tamponi e test sierologici.

Il passaporto sanitario digitale può essere attivato da tutti semplicemente scaricando l’App “VAXPASS” e registrandosi gratuitamente.  

Tramite l’App del VaxPass si potrà poi dare accesso al proprio profilo tramite un QR-Code personale e univoco, da far scansionare all’occorrenza.

Nell’era digitale in cui viviamo non può mancare un sistema immediato e all’avanguardia per la gestione dei dati clinici, come MioID, e migliorare il rapporto tra medico e paziente.

Ogni Ospedale, centro diagnostico , laboratorio , medico ecc. verrà dotato di un accesso a VAXPASS per poter caricare i certificati relativi ai pazienti vaccinati o tamponati.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui