Addio finale: finisce il sogno dei Mastini Varese contro Merano

0
566

VARESE, 4 aprile 2021-L’epilogo sperato non si è verificato e i Mastini terminano qui la loro stagione, che rimane comunque positiva.

Si è infranto a Gara 4 di semifinale al sogno di andare in finale, causa una sconfitta che è maturata con un punteggio forse troppo ampio. Una sconfitta in casa per 5 a 1 che forse non è il “giusto” finale, ma così è e bisogna accettare il verdetto del ghiaccio.

e come nuovamente accadde in Gara 3. I meranesi hanno costruito tutte le loro vittorie costruendo la loro gara con un inizio spesso veemente mettendo il Varese alle corde e costringendo ad inseguire.

Dopo 7’ i gialloneri erano già sotto di tre reti. Inizio shock per i Mastini che devono subito rincorrere e scalare una montagna la cui vetta è complicata da raggiungere. Nonostante questo, i Mastini non hanno iniziato male a livello di ritmo e di gioco, ma alle prime tre vere occasioni del Merano il disco termina in rete. Sul primo nulla da fare, sul secondo Tura concede il rebound e Platzer ne approfitta, mentre il terzo disco viene fiondato in porta dalla lunga distanza.

Il Varese avrebbe la possibilità di ridurre lo svantaggio, anche perché Kobler decide di prendersela senza motivo con Drolet e termina diretto in penalty box, ma il conseguente powerplay a metà periodo non genera alcuna marcatura.

Nel secondo drittel, dopo un inizio in cui i varesini hanno provato a riaprire il match, il Merano assume il comando del gioco insidia maggiormente la gabbia di Tura. Le aquile segnano per la quarta volta e a realizzare il poker è il primo dei gemelli Ahlstroem.

Il terzo tempo vede i Mastini giocare come se nulla fosse, ma è l’altro gemello svedese a spegnere subito il fuoco giallonero dopo una azione in superiorità numerica. Gli sforzi del Varese vengono premiati da Raimondi, bravo a capitalizzare con la marcatura una doppia superiorità numerica.

Finisce qui dunque la stagione giallonera dei Mastini. Avremo tempo per riordinare le idee e tirare un bilancio finale, che è comunque positivo, date le mille difficoltà che hanno coinvolto i Mastini durante l’annata.

Mastini Varese – Merano  1 5  (0:3  0:1  1:1)

01’21” (M) Michal Juscak (Mattia Cassibba, Daniel Gellon), 03’44” (M) Fabian Platzer (Thomas Mitterer, Sebastian Thaler), 06’28” (M) Thaler, 32’55” (M) V. Ahlstroem (Luca Ansoldi, Michal Juscak), 43’01” (M) O. Ahlstroem (Luca Ansoldi, Michal Juscak) PP1, 48’07” (MV) Edoardo Raimondi (Federico Cordin, Francesco De Biasio) PP2

MASTINI VARESE: 65 Tura (29 Bertin), 3 Schina, 8 A. Bertin, 22 E. Mazzacane, 31 Allevato, 44 De Biasio, 90 Ilic, 9 Drolet, 13 Gasparini, 15 Ambrosoli, 16 Vanetti, 18 Cordin, 23 M. Borghi, 27 M. Mazzacane, 32 P. Borghi, 33 Xamin, 54 Gherardi, 55 Piroso, 91 Raimondi. Coach: Claude Devèze.

MERANO: 34 Tragust (31 Marinelli), 6 Radin, 19 Beber, 26 Stablum, 10 Hellweger, 47 Pfoestl, 50 Borgatello, 60 Doliana, 12 Mitterer, 13 Gellon, 23 Lombardi, 61 Thaler, 63 Verza, 68 V.P Ahlstroem, 71 Ansoldi, 81 Juscak, 86 O.E. Ahlstroem, 93 Kobler, 94 Cassibba, 98 Platzer. Coach: Douglas Brian Mc Kay

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui