Autori e lettori contro la censura: petizione di ICWA “NO alla censura – NO to Book Banning”

0
454

VARESE, 14 maggio 2021-L’associazione ICWA, composta da più di 150 autori e autrici italiani per bambini e ragazzi, presenta la sua nuova iniziativa in occasione della SETTIMANA FERMA CENSURA:

il sito LIBRI LIBERI (https://www.libri-liberi.org/), in italiano e in inglese, che rappresenta una presa di posizione decisa contro le moderne forme di censura e la “cancel culture” in generale.

Il sito nasce prima di tutto in difesa degli autori di narrativa per adulti e per bambini e delle loro opere. Nasce dall’idea che il loro diritto a non essere messi a tacere in nome di sensibilità individuali o collettive, e delle loro opere di non poter essere oggetto di censure o repressioni di alcun tipo, sia inalienabile in un paese che voglia definirsi democratico e desideri rispettare le libertà più elementari di pensiero, opinione e parola.

In secondo luogo, il sito ribadisce il diritto dei lettori all’accesso incondizionato alla lettura, e alla libera fruizione di opere scritte nel passato e nel presente, senza pressioni né limiti ideologici o politici di alcun tipo.

ICWA si fa promotrice di questa azione alla luce dei recenti eventi, sempre più frequenti e preoccupanti, di censura, pre-censura e censura culturale, inclusi nel concetto di “cancel culture” e spesso perpetrati in nome di una arbitraria protezione dell’infanzia o della “political correctness”. Troviamo per lo meno inquietante che si ritirino i libri del Dr Seuss dal mercato, o che le opere di Mark Twain vengano rimaneggiate, mentre il “Mein Kampf” di Adolf Hitler continua a essere ristampato liberamente. Per noi dimostra quanto la censura oggi abbia una base emotiva irrazionale che porta a dimenticare un principio fondamentale: la Letteratura è un bene comune di cui nessuno può appropriarsi.

Vi invitiamo caldamente a firmare la petizione da noi lanciata “NO alla censura – NO to Book Banning”https://www.change.org/p/parlamento-italiano-no-alla-censura-no-to-book-banning e ad appoggiare quindi la protesta e la richiesta di intervento da parte delle istituzioni per impedire che i libri vengano rimossi o censurati in maniera eversiva ed arbitraria per mano di gruppi ideologici o politici privi di potere rappresentativo.

Vi invitiamo a partecipare alla discussione inviando testimonianze, link di articoli di interesse comune, materiali utili che verranno inseriti sul sito, contattando la project manager Manuela Salvi: manuela.salvi@icwa.it

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui