Arrestato per tentato omicidio l’aggressore del clochard in Piazzale Trieste a Varese

0
233
VARESE, 28 agosto 2021-Nella serata di ieri è stato arrestato per tentato omicidio dalla Polizia di Stato di Varese, l’aggressore del clochard rinvenuto la notte di mercoledì scorso, intorno alle ore 3.30, riverso a terra in una pozza di sangue, sotto i portici di piazzale Trieste a Varese.
L’autore – C. M., italiano 35 enne residente in provincia di Varese, pluripregiudicato per reati contro la persona, il patrimonio, la p.a. ed in materia di stupefacenti, affetto da malattia psichiatrica e abituale assuntore di sostanze stupefacenti – è stato sottoposto a provvedimento di fermo di indiziato di delitto emesso dal PM della Procura di Varese, dr. DALLA PALMA, titolare delle indagini. Dovrà rispondere di tentato omicidio. La vittima, bosniaco 56enne anch’esso pluripregiudicato, si trova ricoverata in rianimazione in attesa di essere sottoposto a un delicato intervento chirurgico ed ha riportato numerose fratture alla testa.
Dalla ricostruzione effettuata dalla Squadra Mobile della Questura di Varese, coordinata dalla locale Procura, è emerso che la vittima, che da alcuni mesi vive su un camper a Varese unitamente alla moglie e a uno dei figli ed è solito chiedere l’elemosina nei pressi di dove è stato aggredito, quella notte ha trascorso del tempo unitamente all’odierno arrestato, finchè i due hanno verosimilmente litigato per ignoti motivi e il clochard è stato attinto alla testa da diversi colpi sferrati da C.M. utilizzando la stessa stampella che aveva in uso la parte offesa.
Quest’ultimo, tra l’altro, poco prima mentre si trovava già sotto i portici indicati, era stato derubato dei suoi effetti personali da parte di un terzo soggetto, che questo Ufficio ha potuto identificare in J. L. – 27enne marocchino pluripregiudicato, in Italia senza fissa dimora, tossicodipendente e alcolizzato – che gli aveva sottratto ciò di cui la vittima era in possesso probabilmente approfittando di un momento in cui stava dormendo.
image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui