Nino Caianello condannato a 4 anni e 10 mesi dopo patteggiamento. Per Lara Comi e altri indagati si andrá a processo

0
1236
Lara Comi con Nino Caianiello

VARESE, 21 ottobre 2021-di GIANNI BERALDO

Ha scelto il patteggiamento, oggi a Milano, l’ex coordinatore di Forza Italia a Varese Nino Caianiello,  tra i principali protagonisti dell’inchiesta denominata ‘Mensa dei Poveri’, che ha visto coinvolti diversi personaggi politici dela provincia di Varese.  Una vicenda che suscitó un grande clamore mediatico anche e soprattutto per i personaggi coinvolti.

Patteggiamento che ha consentito a Caianiello di ottenere una pena di 4 anni e 10 mesi, mentre per altri indagati che hanno optato per  il rito abbreviato (32 in totale) di ottenere pene che variano tra i 2 e 3 anni, deciso dal Gup Natalia Imarisio.

Gup che ha accolto anche il patteggiamento a 3 anni e mezzo proposto da Alberto Bilardo, ex segretario di FI a Gallarate, nel Varesotto.

Ma ricordiamo brevemente tutta la storia che ha portato a queste prime sentenze.

Stiamo parlando di vari intrallazzi economici e politica, purtroppo connubio ben noto in

Nino Caianiello. principale imputato nella indagine Mensa dei Poveri

Italia, che anche in provincia di Varese e Milano pare funzionasse piuttosto bene grazie  a un sistema di presunti tangenti e corruzione messo in atto grazie alla presunta super regia di Caianiello che come “sede operativa” aveva scelto un noto bar del centro di Gallarate dove accoglieva e trattava i vari interlocutori.

Indagine che vede coinvolti pure professionisti e imprese compiacenti per fittizi incarichi di consulenza, conferiti da società a partecipazione pubblica, in cambio della successiva retrocessione agli indagati di parte del corrispettivo incassato a fronte dell’incarico stesso.

Altri personaggi coinvolti nelle indagini, tra cui l’ex parlamentare Lara Comi, si andrá invece a processo con prima udienza fissata a Milano il prossimo 18 novembre.

Con l’ex europarlamentare di FI a processo (in totale 60 imputati) anche l’ex vicecoordinatore lombardo ‘azzurro’ ed ex consigliere comunale milanese, Pietro Tatarella, e il consigliere lombardo e collega di partito, Fabio Altitonante.

Caianiello fin dall’inizio ha iniziato a collaborare con la procura, come sottoline ail suo avvocato difensore Tiberio Massironi che evidenzia come «Per lui si é chiuso un ciclo anche sotto il profilo politico, la sua è stata una scelta consapevole, maturata in carcere con la decisione di collaborare con la procura».

redazione@varese7press.it

 

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui