Si interrompe il sogno Coppa Italia per la Ubya Busto Arsizio: a Roma cede alla Imoco Conegliano

0
221

BUSTO ARSIZIO, 5 gennaio 2022-Si interrompe il sogno Coppa Italia per la Unet e-work Busto Arsizio che, dopo la fantastica impresa contro Scandicci, ha perso oggi la semifinale del Pala Eur di Roma contro l’Imoco Conegliano per 3-1.

A meno di 48 ore dalla vittoria contro la Savino del Bene le farfalle si sono presentate di nuovo incomplete (Olivotto e Ungureanu ancora a casa con il secondo allenatore Gaviraghi) e hanno cercato in ogni modo di essere competitive contro le pantere venete. Perso male il primo set (25-16), la UYBA ha trovato il suo miglior gioco nel secondo parziale in cui, grazie a uno straordinario finale (4-0 di parziale tutto targato Mingardi con due palle set annullate alle avversarie) ha pareggiato i conti (24-26). Dopo un terzo game fotocopia del primo (Imoco a gonfie vele con Egonu e Folie), la Unet e-work ha provato ancora a dire la sua nel quarto: avanti 20-22 la squadra di Marco Musso non ha saputo però chiudere a proprio favore i contrattacchi che avrebbero allungato la contesa al quinto, favorendo lo straordinario finale di Egonu (32 punti, MVP), che praticamente da sola ha chiuso la partita.

Alla UYBA non sono bastati i 20 punti di Gray e i 16 di Mingardi, ben 10 gli ace veneti (6 Egonu) e 14 i muri (6 De Kruijf).

Sala stampa: 

Mingardi: “Abbiamo provato a metterle in difficoltà più che potevamo, l’abbiamo fatto in alcuni momenti ma non per tutta la gara. E’ vero che avevamo delle assenze pesantissime: Rossella Olivotto è una centrale di esperienza che poteva sicuramente dare una grossa mano, Adelina Ungureanu è un ottimo cambio, ma detto questo abbiamo cercato di fare del nostro meglio. Forse eravamo anche un po’ stanche avendo giocato neanche due giorni fa, ma l’Imoco ha giocato una buonissima gara. Siamo super orgogliose di essere arrivate qui: c’è un po’ di rammarico per il finale del quarto set, ma Paola Egonu ha dimostrato tutto il suo valore ed ha portato a casa la partita”.

Musso: “Alla fine è venuta fuori la differenza oggettiva che c’è tra le due squadre, ma sul 22-20 per noi nel quarto set potevamo gestire meglio uno o due cambi palla; ammetto però che quando arrivi così lungo contro squadre così forti riuscire a rimanere lì è un dispendio di energie veramente importante. Si poteva sicuramente giocare un match più qualitativo a muro, si può sempre fare meglio, ma la nostra è una squadra che in questi tre giorni ha dimostrato di saper sopperire a chi non c’era: due pedine importantissime di un roster che su 13 giocatrici ha 5 atlete giovanissime. Io credo che comunque la nostra partita sia stata intensa e che abbiamo saputo tener testa a Conegliano, al netto dei due set persi a 16″.

In pillole:

Musso parte con Poulter – Mingardi, Herrera Blanco – Stevanovic, Gray – Bosetti, Zannoni libero, Santarelli risponde con Wolosz – Egonu, Folie – De Kruijf, Plummer – Sylla, De Gennaro libero

Nel primo set l’Imoco parte forte con la tripletta al servizio di Folie si regala il primo 7-2; Mingardi inizia a scaldare il braccio (8-4), Stevanovic fa murone e carica la squadra (8-5). De Kruijf e Wolosz rispondono con la stessa moneta (10-5), l’Imoco spinge forte e Musso è costretto a interrompere il gioco (11-5). Il muro veneto spinge giù la UYBA (13-6), Egonu attacca di potenza il 14-6, Gray (doppietta in attacco) e Bosetti con l’ace provano il recupero impossibile (14-9). Folie (muro e attacco) riallunga (16-9), Sylla e De Kruijf, con altri due muri, trovano il 20-12. Folie realizza l’ace del 21-12 che chiude di fatto il set; nel finale la Prosecco Doc amministra e chiude velocemente 25-16.

A tabellino: Egonu 7, Folie 6, Gray 4. 6 muri Imoco.

Secondo set: Gray e l’out di Plammer fanno partire bene le farfalle (1-3), Mingardi risponde a Folie per il 2-4. Gray passa da posto 2 (3-5) e firma l’ace del 3-6, Egonu trova cambiopalla (4-6) e tira due bombe al servizio che pareggiano i conti (6-6). Sylla spara out il 6-8, ma la UYBA regala ancora qualcosa con la rice e Conegliano supera (9-8). Egonu allunga (10-8), Musso chiama tempo, al rientro Mingardi con l’ace fa 10-10 e poco dopo attacca da posto 2 la doppietta dell’11-12. Si procede comunque a braccetto (14-14) fino al muro di De Kruijf (16-14) e all’ace di Egonu (18-15), poi l’errore di Sylla riapre tutto (18-17). Plummer non ci sta (20-17), Stevanovic ci prova (20-18), Gray con la pipe tiene accesa la speranza (21-19), ma l’Imoco a muro respinge l’offensiva bustocca (23-19). Herrera Blanco a muro su Egonu fa 23-21, sui servizi di Stevanovic Gray annulla due set-ball (24-22 time-out Santarelli), Mingardi fa 24-24. Egonu non chiude, Mingardi sì con una doppietta (24-26).

A tabellino: Gray e Mingardi 7 a testa, Egonu 7.

Terzo set: Gray e Mingardi sono on fire (2-3), Egonu idem (4-3); la difesa di Zannoni innesca ancora l’opposto UYBA (4-5), ma si procede sempre punto a punto (7-6 Egonu). La UYBA pasticca e l’Imoco ne approfitta (9-7), la solita Mingardi riacciuffa il pari (9-9); Gray risponde ad Egonu (dentro Courtney per Plummer, cambio già visto in precedenza, 11-11), Egonu sale in cielo ed attacca il 13-11. De Kruijf prova ad allungare e Musso chiama time-out (15-12), al rientro in campo ancora De Kruijf e l’ace di Egonu lanciano l’Imoco (17-12). Wolosz mura il 18-12 (dentro Battista per Bosetti). Plummer approfitta di un pasticcio UYBA per fare 20-13 e il set è chiuso. Nel finale Imoco amministra e Mingardi attacca lungo il 25-16.

A tabellino: Egonu 9, Mingardi e Gray 4 a testa.

Quarto set: l’Imoco parte alla grande (3-0 Egonu), Stevanovic trova il primo punto UYBA e carica le compagne (3-1); Gray c’è (3-2), ma l’ace di Plummer tiene alte le quotazioni venete (5-2). Herrera Blanco prova a dire la sua (6-4), Zannoni difende l’impossibile e propizia il 7-7; De Kruijf riallunga subito (9-7), Mingardi e Gray tengono in scia le farfalle (13-12 contro super Egonu),  Omoruyi (dentro per Sylla) fa 14-12 e precede l’ennesimo ace di Egonu. Gray proprio non vuole mollare (15-14), Bosetti mura il 15-15, ma Plummer trova presto il nuovo break (17-15); Bosetti (ben servita da Monza appena entrata al servizio) pareggia ancora (17-17), Mingardi supera (17-18) e costringe Santarelli al time-out. Bosetti colpisce con il mani out del 18-19, Stevanovic mura Egonu e fa 19-20 che poco dopo tira lungo il 19-21. Plummer accorcia (20-21), Gray non sbaglia (20-22), ma Egonu trova il pari sul 22 e poco dopo mura il 23-22. Sempre Egonu mette a terra il 24-22, Gray annulla (24-23) ma Omoruyi chiude 25-23.

Il tabellino

Prosecco Doc Imoco Volley Conegliano – Unet e-work Busto Arsizio 3-1 (25-16, 24-26, 25-16, 25-23)

Prosecco Doc Imoco Volley Conegliano: Caravello, Plummer 13, Courtney, Butigan ne, De Kruijf 13, Folie 12, Omoruyi 3, De Gennaro (L), Vuchkova ne, Frosini ne, Gennari G., Wolosz 4, Sylla 5, Egonu 32. All. Santarelli, 2° Lionetti. Battute errate: 16, vincenti 10, muri: 14.

Unet e-work Busto Arsizio: Poulter 1, Battista, Monza, Bressan ne, Colombo ne, Gray 20, Mingardi 16, Zannoni (L), Stevanovic 8, Bosetti 5, Herrera Blanco 2. All. Musso, 2° Pintus. Battute errate: 7, vincenti 4, muri: 4.

Arbitri: Curto – Braico

(foto dal sito ufficiale volley busto)

 

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui