Olimpiadi Pechino 2022: atleti in lacrime per le cattive condizioni di vita e la mancanza di cibo

0
747

PECHINO, 7 febbraio 2022- Apparentemente non è tutto divertimento e giochi alle Olimpiadi invernali del 2022 a Pechino.

Secondo i post sui social media, si stanno riversando reclami da atleti e funzionari sulle presunte cattive condizioni di vita, ristoranti, stanze isolanti e condizioni meteorologiche debilitanti.

L’allenatore tedesco di sci alpino Christian Schwaiger ha criticato il catering a Pechino e ha espresso preoccupazione per le limitate opzioni alimentari per alimentare gli atleti professionisti ad alte prestazioni.

Christian Schwaiger

“Il catering è estremamente discutibile perché in realtà non è affatto catering. “Non ci sono pasti caldi”, ha detto Schwaiger, tramite il Sun.

“Ci sono patatine, noci e cioccolato e nient’altro. Ciò dimostra una mancanza di attenzione per lo sport ad alte prestazioni”.

Secondo quanto riferito, il Team USA è arrivato preparato e ha portato cibo extra ai Giochi invernali, compresi sacchetti di pasta.

Vi sarebbeo anche preoccupazioni su come viene gestito il COVID-19 nel Villaggio Olimpico.

Valeria Vasnetsova, una concorrente russa di biathlon, ha utlizzato Instagram per raccontare delle sue esperienze nelle rigide condizioni di quarantena di Pechino.

” Ho perso molto peso. Non posso mangiare nient’altro, non so nulla dei miei test sul

Valeria Vasnetsova

coronavirus”, ha scritto Vasnetsova in un post su Instagram poi cancellato.

“Dormo tutto il giorno solo perché non ho nemmeno la forza di alzarmi dal letto. Mangio solo tre manciate di pasta al giorno perché è semplicemente impossibile mangiare il resto del cibo”, ha aggiunto.

“Mi fa male lo stomaco, sono molto pallida e ho enormi occhiaie nere intorno agli occhi. Voglio che tutto questo finisca. Piango ogni giorno. Sono molto stanca”, ha scritto ,secondo l’Associated Press, affermando che lo stesso pasto è stato servito a colazione, pranzo e cena per cinque giorni.

Vasnetsova ha aggiunto di aver mangiato tutto il grasso presente su un pezzo di carne “perché avevo molta fame”. Ha anche affermato che alcuni atleti stavano assumendo cibo peggiore di altri.

Il Comitato Olimpico Internazionale ha rilasciato una dichiarazione in merito, affermando: “Siamo consapevoli delle lamentele sollevate da alcuni atleti, in particolare per quanto riguarda la temperatura degli alimenti, la varietà e le dimensioni delle porzioni. Le questioni vengono attualmente affrontate insieme a Pechino 2022 e alla rispettiva gestione delle strutture interessate.

“Ci sentiamo  ogni atleta che non può competere a causa di un’infezione da Covid-19. I protocolli sono stati messi in atto per garantire Giochi Olimpici sicuri per tutti. Tutti i casi sono gestiti nel pieno rispetto delle regole riportate nei Playbook e negli adeguamenti apportati ai protocolli”. (traduzione di Varese7press. Fonte parziale www.nypost.com)

 

 

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui