La Fondazione Il Ponte del Sorriso porta uno psicologo nel reparto di pediatria di Varese

0
528

VARESE, 8 febbraio 2022-Un nuovo progetto finanziato dalla fondazione Il Ponte del Sorriso porterà un’altra importante figura professionale nel reparto di Pediatria dell’Ospedale Filippo del Ponte, diretto dal prof. Massimo Agosti: oltre alle educatrici, è in arrivo, infatti, una psicologa, la Dott.ssa Annalisa Banella.

“Da anni ormai si parla di incremento costante e significativo del malessere psicologico di preadolescenti e adolescenti – spiega il Prof. Agosti – Anche a causa della pandemia, questo disagio sembra essere decisamente aumentato, portando un grade numero di ragazzi a manifestare vere e proprie forme di psicopatologia: dall’ansia alla depressione, ai disturbi alimentari e del sonno, ad atti di autolesionismo fino a tentativi di suicidio. In questa cornice occorre intercettare precocemente le svariate forme di disagio psicologico per intervenire tempestivamente fornendo l’ascolto e il supporto per tentare di prevenire l’insorgere di vere e proprie psicopatologie. Grazie davvero alla sensibilità de Il Ponte del Sorriso che ha voluto sostenere questa importante iniziativa!”.
Il progetto prevede la somministrazione di questionari validati ai ragazzi e ai genitori, consentendo così di individuare fragilità, malesseri di minor entità e situazioni a rischio.
In collaborazione con le educatrici verranno poi strutturati interventi ad hoc. Il Ponte del Sorriso da sempre garantisce, infatti, la presenza di educatori professionali nei reparti pediatrici e in Neuropsichiatria Infantile, che impostano ogni giorno attività educative mirate per aiutare i bambini, gli adolescenti e le loro famiglie ad affrontare la malattia ed il ricovero.

“Già da diversi anni noi pediatri avvertiamo il bisogno di avere in Reparto una figura in grado di dare uno sguardo diverso e complementare ai nostri piccoli e grandi pazienti – spiega la dott.ssa Chiara Luini, prima sostenitrice del progetto – Negli ultimi due anni è aumentato progressivamente il bisogno dei pazienti stessi, soprattutto pre-adolescenti e adolescenti,  di ottenere questo sguardo. Quando la Dr.ssa Banella mi ha parlato della sua esperienza al Bambino Gesù di Roma e del suo progetto pensato per il nostro reparto ho subito capito che si trattava dell’occasione giusta per iniziare questo percorso di miglioramento della cura offerta ai nostri pazienti e ho trovato subito entusiasti il Prof. Agosti e Emanuela Crivellaro. Così siamo partiti!”.

“I disagi prodotti nei bambini e negli adolescenti dalla pandemia fanno sempre più sentire il loro peso – dichiara Emanuela Crivellaro, Presidente de Il Ponte del Sorriso – Rilevarli e agire di conseguenza serve a prevenire danni futuri. In linea con la nostra mission, il progetto rientra quindi nell’ottica di una presa in carico globale, che non si limita a curare la malattia clinica. Psicologa ed educatrici, infatti, lavoreranno in team, occupandosi della sfera relazionale ed emozionale dei minori che non rimane a casa, ma entra in ospedale con loro. Non viene, infatti, ricoverata una patologia, ma una persona nella sua interezza”.

Infine la raccolta e l’analisi dei dati che emergeranno grazie allo screening sistematico, permetterà di realizzare uno studio di ricerca sugli effetti della pandemia nei giovani e le ripercussioni che ne derivano nei preadolescenti e adolescenti del territorio varesino.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui