Monza in prima linea nel combattere i reati ambientali

0
383
MONZA, 14 febbraio 2022- La Polizia Locale continua le attività finalizzate a prevenire e reprimere i reati ambientali. “Massima attenzione all’ambiente e contrasto a fenomeni di degrado: abbiamo intrapreso una lotta serrata contro gli incivili che continuano ad abbandonare i rifiuti su tutto il territorio, un’azione che va contro il minimo senso civico – dichiara l’Assessore alla Sicurezza Federico Arena. Proseguiamo capillarmente le attività di controllo su tutto il territorio, soprattutto nei punti piu’ critici, individuati grazie all’incessante azione della Polizia Locale diretta dal comandante Curcio. Mi preme ringraziare la professionalità degli agenti che, anche tramite attività investigativa, sono risaliti agli autori delle violazioni”.
Diverse le infrazioni al Testo Unico di Polizia Ambientale:
Via Rosmini, abbandono rifiuti. A seguito di numerose segnalazioni di abbandono rifiuti sono scattati i primi accertamenti per riuscire a risalire agli autori. Dopo alcune ispezioni, sulla base di alcuni elementi trovati (nello specifico, un codice individuato su una confezione di parti meccaniche di un veicolo), si è riusciti a identificare, tramite riscontro presso un rivenditore, un cittadino sudamericano che, dopo essersi improvvisato meccanico per il proprio veicolo, aveva abbandonato filtro, olio, un radiatore e numerosi contenitori di plastica e cartone. La persona è stata sanzionata e obbligata a smaltire correttamente i rifiuti abbandonati. Nella stessa strada sono in corso ulteriori accertamenti per riportare ad una situazione di normalità. La violazione amministrativa ammonta a 600 euro.
Senza autorizzazione per il trasporto rifiuti. Durante i normali controlli gli operatori del nucleo polizia ambientale hanno fermato un autocarro, Fiat Ducato. Insospettiti dalle sostanze presenti sul montante di carico, hanno ispezionato il vano chiuso, all’interno del quale hanno trovato stipati numerosi sacchi contenenti scarti di lavorazioni edili. Da una stima volumetrica, tali rifiuti risultavano essere circa 10 metri cubi di rifiuti speciali. Alla guida un cittadino italiano titolare di una società che è stato denunciato poiché privo di autorizzazione per il trasporto di rifiuti. Il veicolo sul quale erano trasportati i rifiuti è stato sequestrato.
Non autorizzato in Piattaforma Ecologica. Nelle prime settimane del 2022 è stato denunciato anche un cittadino egiziano che, fermato alla guida di un autocarro, circolava su viale delle Industrie – nei pressi della piattaforma ecologica – senza essere autorizzato al trasporto dei rifiuti. La piattaforma continua a essere oggetto di controlli che hanno portato a emettere diversi verbali e a denunciare i “frequentatori” non autorizzati dell’isola ecologica di Monza.
Via Ravel. Sempre nell’ottica di contrastare il fenomeno degli abbandoni di rifiuti sul territorio, in via Ravel, è stato identificato e denunciato il titolare di una ditta della provincia di Monza e Brianza, che si era reso autore di tale reato.
I trasporti di rifiuti non autorizzati sono reati per i quali, ai sensi del testo unico ambientale, è prevista la pena dell’arresto da 3 mesi a un anno o l’ammenda da 2600 a 26000 euro. Per chi invece si intrattiene in piattaforma senza titolo, la sanzione è prevista dal regolamento di polizia urbana e ammonta a 100 euro.
image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui