Ovazione per il presidente Putin durante il suo intervento allo stadio di Mosca per l’ottavo anniversario dell’annessione della Crimea

0
574
Il presidente Putin allo stadio di Mosca (foto RIA Novosti)

MOSCA, 18 marzo 2022-Vladimir Putin ha tenuto oggi il suo intervento per l’ottavo anniversario dell’annessione della Crimea, in un affollatissimo stadio Luzhniki di Mosca (oltre 200mila persone con tutti i treni della metropolitana strapieni diretti verso lo stadio).

Un’ovazione ha accolto il suo ingresso.

A tutti i partecipanti é stata consegnata un tricolore con i colori della bandiera russa.

“Abbiamo risollevato la Crimea dal degrado e dall’abbandono, dalle condizioni pessime in cui versavano”. Ha detto Putin aggiungendo “Abbiamo fatto risorgere questi territori della Crimea e sappiamo esattamente cosa fare adesso, come, a spese di chi e attueremo tutti i nostri piani”. Il presidente della Confederazione russa nel suo interventi ha sottolineato inoltre che  “Sono gli abitanti della Crimea che hanno fatto la scelta giusta, hanno messo un ostacolo al nazionalismo e al nazismo, che continua ad esserci nel Donbass, con operazioni punitive di quella popolazione. Sono stati vittime di attacchi aerei ed è questo che noi chiamiamo genocidio. Evitarlo è l’obiettivo della nostra operazione militare” Poi cita pure un passo della Bibbia: “Non c’è amore più grande di dare la propria vita per i propri amici”, ha scandito lo zar.

Il mondo parallelo andato oggi in diretta sulle tv di tutto il mondo ha mostrato

Gli spalti gremiti (foto RIA Novosti)

un Putin trionfante davanti a un pubblico in festa, con molte persone con la lettera ‘Z’, divenuta simbolo dell’invasione disegnata sulle giacche. Giaccone blu, golf a collo alto crema, il presidente russo è stato a lungo acclamato al termine del suo breve discorso. Dietro di lui un coro ha iniziato a cantare tra gli applausi e i fuochi di artificio. L’immagine che Mosca ha voluto rimandare è stata quella di un Paese felice e orgoglioso dell’operazione in corso.

Piccolo giallo sulle immagini del discorso di Vladimir Putin davanti allo stadio moscovita gremito di suoi sostenitori. Immagini improvvisamente interrotte quando lo zar del Cremlino stava ancora parlando. Al loro posto sono quindi andate in onda quelle dello spettacolo organizzato per l’occasione con un artista che si esibiva in canzoni patriottiche. Molti i media che si interrogano sul motivo della brutale interruzione delle parole del presidente russo, con qualcuno che arriva a dubitare sulla trasmissione in diretta dell’intervento di Putin. Dubbi che hanno costretto il portavoce del Cremlino Dimitry Peskov a spiegare, attribuendo l’episodio a “un guasto tecnico” Altre immagini postate su Twitter mostrano comunque Putin scendere dal palco e lasciare il centro dello stadio.(fonte Ansa)

redazione@varese7press.it

 

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui