Cure veterinarie gratuite per animali d’affezione dei profughi ucraini: lo chiede M5S regionale

0
613
People wait for a train to Poland at the railway station of the western Ukrainian city of Lviv on March 6, 2022, 11 days after Russia launched a military invasion on Ukraine. (Photo by Yuriy Dyachyshyn / AFP)

VARESE, 19 marzo 2022-I Consiglieri Regionali del Movimento 5 Stelle, Simone Verni e Andrea Fiasconaro, hanno scritto all’Assessore al Welfare Letizia Moratti per chiedere che Regione Lombardia agisca sul modello di quanto disposto da Regione Friuli-Venezia Giulia, in merito all’accoglienza delle famiglie rifugiate dall’Ucraina e dei loro animali d’affezione.

Simone Verni (M5S): «Abbiamo scritto all’Assessore Moratti per chiedere che Regione Lombardia eroghi gratuitamente le cure veterinarie necessarie alla somministrazione del vaccino antirabbico, finalizzate al rilascio del passaporto europeo per gli animali di compagnia, per tutte quelle famiglie di rifugiati ucraini che, nel fuggire dal proprio paese, non hanno voluto separarsi dal proprio animale d’affezione. Chiediamo inoltre che Regione Lombardia si impegni nel comunicare alle strutture d’accoglienza di non separare le famiglie dai propri animali. Siamo consapevoli della mole di lavoro necessaria alla messa in moto e all’organizzazione della macchina dell’accoglienza e dal grande impegno profuso in queste ore, ma riteniamo che chi ha attraversato l’Europa, scappando dalla propria casa e da un Paese in guerra, con il proprio cane o il proprio gatto, sia messo nelle condizioni di non doversene separare. Tuttavia, è evidente che vi siano delle problematiche in ambito sanitario e degli obblighi normativi ai quali vada adempiuto, di qui la proposta di adottare anche in Lombardia il protocollo messo in campo da Regione Friuli. Richiamando la Direttiva europea 2001/55, che permette agli Stati membri di rilasciare agli aventi diritto un titolo di soggiorno con validità annuale, che inoltre permette di effettuare tutte le attività veterinarie e di riconoscimento dell’animale domestico fuggito assieme alla propria famiglia, ci associamo all’appello già fatto dalla LAV, rivolgendoci all’Assessore con fiducia e con spirito compassionevole nei riguardi dei cittadini ucraini che stanno scappando dalle loro case sotto i bombardamenti della guerra» così il Consigliere regionale Simone Verni (M5S).

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui