Alleanza Verdi Sinistra presenta i candidati in provincia di Varese

0
317
Fratoianni, Bonelle d Evi alla presentazione del simbolo

VARESE, 23 agosto 2022-Ieri a Roma, dopo lunghe e intense ore di lavoro, sono state presentate a livello nazionale le liste dei Candidati dell’Alleanza Verdi Sinistra alle prossime Elezioni politiche del 25 settembre.

Per quanto riguarda i collegi plurinominali della Camera e del Senato che interessano il territorio della provincia di Varese, Alleanza Verdi Sinistra ha così espresso le sue candidature.

Per la Camera dei Deputati, la lista presentata al Collegio Plurinominale Lombardia 2 – P01, costituito dall’intera provincia di Varese, è guidata da Massimiliano Balestrero, Co-portavoce provinciale di EV e Consigliere Comunale di Ispra (VA). Insieme a lui Maria Luisa Ramponi, libero professionista e membro di EV Varese, Dario Ferrari, coordinatore SI di Busto Arsizio (VA) e Claudia Mapelli, giovane componente del Consiglio Federale Nazionale di EV.

Per il Senato della Repubblica, la lista presentata al Collegio Plurinominale P01 (che comprende le intere provincie di Varese, Como, Lecco, Sondrio e Monza Brianza) è guidata da Maurizia Punginelli, Co-Portavoce Provinciale di EV insieme a Paolo Lanfranchi, Sindaco di Dolzago (LC) e Consigliere Provinciale di Lecco, Simona Toffoletti, ex dirigente scolastico a Galbiate (LC) ed infine Maurizio Cremascoli, referente di EV di Cislago (VA)

Queste le donne e gli uomini che si sono messi a disposizione di Alleanza Verdi Sinistra perché non ci si deve dimenticare che il Paese sta affrontando una grave crisi climatica accanto ad una gravissima crisi sociale.

Per dare risposte a queste emergenze Alleanza Verdi Sinistra ha presentato un programma che mette al primo posto la necessità di un piano energetico che investa in modo massiccio e senza alcun dubbio sulle energie rinnovabili e non sul nucleare, per un’Italia più verde, più pulita, più indipendente in materia energetica, passando per la definizione del tetto massimo del costo dell’energia e la restituzione integrale a cittadini ed imprese degli extraprofitti che ENI ha realizzato con lo spaventoso incremento delle bollette.

Per affrontare la crisi sociale non si può prescindere dalla necessità di ridare dignità a chi oggi viene sfruttato sul posto di lavoro, inserendo il salario minimo di almeno 10 euro l’ora, disboscando la selva di contratti sul modello spagnolo, per eliminare la precarietà, dare stabilità e permettere ai giovani, che soprattutto sono afflitti da questa tipologia di contratti, di costruire la propria vita e progettare il proprio futuro. Vogliamo che in un Paese ricco come il nostro tutti, nessuno escluso, abbiano una vita dignitosa, che ognuno possa usufruire di servizi sanitari e sociali come l’istruzione o il trasporto pubblico indipendentemente dalla propria condizione, perché la grandezza di un Paese si misura dalla qualità della vita di chi è più svantaggiato.

Di seguito il link al quale è possibile accedere al programma politico dell’Alleanza Verdi Sinistra: https://verdisinistra.it/programma/

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui